Com'era l'articolo?

1424660controllo dei cookieI membri della rete Crash Override hanno supportato il tentativo di Dox di Randi Harper sui sostenitori di #GamerGate
Caratteristiche
2016/08

I membri della rete Crash Override hanno supportato il tentativo di Dox di Randi Harper sui sostenitori di #GamerGate

I registri di una chat Skype composta da persone che hanno qualche associazione con Crash Override Network sono apparsi online dopo che i registri sono stati registrati e salvati da un ex membro del gruppo. I registri sono stati diffusi pubblicamente e sono attualmente disponibili tramite Azione Kotaku In e 8chan. I registri sono stati verificati dall'ex membro del gruppo, Ian Miles Cheong, e dall'attivista Randi Harper.

In una sezione particolare dei registri della chat, discutono i modi per punire, eliminare e inserire nella lista nera i sostenitori di #GamerGate. In seguito alle discussioni su Ben Kuchera di Polygon che cercava di far licenziare qualcuno dal negozio di articoli sportivi Dick's, le cose hanno cominciato a muoversi verso discorsi su modi per tagliare i finanziamenti per alcune persone associate a #GamerGate, oltre a tentare di ottenere sostenitori di #GamerGate inserito nella lista nera dal lavoro.

Secondo un membro chiamato Secret Gamer Girl, scrive...

“Il mio finale ideale è più o meno questo: Chobitcoin, Brennan e Roguestar in prigione. Cernovich radiato dall'albo. TFYC... qualunque sia il trattamento che ricevi in ​​Canada per frode massiccia. Lianna si è esposta adeguatamente e non è mai più riuscita a trovare un lavoro onesto. Le persone che lo fanno professionalmente vengono tagliate fuori e ALMENO molto scosse dalle indagini. Classifica e archivia i GGers, spaventati dal vedere tutto ciò.

Secondo i registri, una certa Athena Hollow voleva rovinare finanziariamente Frederick Brennan, noto come Hotwheels all'interno delle comunità chan. [Correzione: Brennan gestiva 8chan, l'immagine incentrata sulla libertà di parola]. Hollow scrive...

"sì, penso che la nostra migliore scommessa sui finanziamenti sia, se i siti non eliminano i finanziamenti, andare direttamente ai processori [delle carte di credito]."

Ma le cose iniziano a diventare un po' più mirate quando Randi Harper, il creatore dell'elenco di blocchi automatici #GamerGate, introduce un modo per iniziare a far uscire persone con cui potrebbero essere amici su Facebook. Remy scrive...

"Randi ha appena spiegato come possiamo cancellare l'elenco dei nostri amici di Facebook dei Gaters dell'armadio https://twitter.com/freebsdgirl/status/551545210048487424"

 

[…] “Sono d'accordo con Randi e SF sul punto che rilasciare e utilizzare i loro gruppi pubblici su Facebook come elenco per fare riferimenti incrociati a chiunque invii minacce di morte è perfettamente accettabile e non è la stessa tattica terroristica “doxing” usata da GG”

Remy poi prosegue spiegando che prendere i nomi e le informazioni dai gruppi Facebook e diffonderli pubblicamente era per aiutare a identificare i membri di #GamerGate e non per consentire alle persone di inviare minacce ai membri del gruppo Facebook, scrivendo...

"[...] Randi non ha rilasciato quelle informazioni per inviare minacce, le ha rilasciate affinché le persone inviassero richieste di informazioni per denunciare alla polizia."

Izzy Galvez elogia anche Randi per aver reso le informazioni ampiamente disponibili, scrivendo...

"Randi, stai spaccando sottolineando quanto sono stati negligenti nell'unirsi a gruppi pubblici di Facebook"

I tweet di Randi Harper sono stati originariamente realizzati su Gennaio 3rd, 2015 e sono stati screen-cap per i posteri.

Più avanti nel thread Harper aggiunge l'avvertenza che sarebbe "sorpresa" se qualcuno utilizzasse effettivamente le informazioni come una lista nera del settore.

Tuttavia, secondo Harper, non tutti sono stati contenti che lei abbia rilasciato le informazioni in questo modo, ma ammette che lei sostiene la decisione, scrivendo...

“[L'utente Twitter A Man In Black] non è soddisfatto di me. Sapevo che alcune persone lo sarebbero state. Ci ho pensato un po' prima di pubblicare gli URL. è stata una decisione personale. Lo sostengo.”

Lo specialista del supporto per gli abusi, Izzy Galvez, ha supportato Harper nel dump di dati contenente i nomi delle persone associate a #GamerGate, affermando...

«Sono sorpreso che lo sia. Tutto ciò che fa è sottolineare che hanno scelto di associare pubblicamente i loro nomi e account reali a GamerGate."

Dan Olsen, del programma Folding Ideas di Channel Awesome, ha giustificato la fuga di nomi affermando che alcuni dei gruppi che venivano denunciati riguardo a #GamerGate erano pubblici...

"Il più grande, GamerGate2014, non è nemmeno un gruppo privato." […] “e il secondo più grande #GamerGate Ultras, è completamente pubblico.”

Secondo Harper, era "incazzata" e sperava di sfruttare l'esposizione dei gruppi Facebook e i nomi delle persone al loro interno per diventare "GG nemico n. 1", spiegando...

“Ho risorse migliori degli altri per affrontare questo tipo di cose, [a dire il vero]. ho i soldi per soggiornare in hotel, se necessario. Randi Harper: e ci sono abbastanza abituato. ho letto ED Song and Dance prima di Randi Harper: questa merda smette di darmi fastidio.

Izzy Galvez ha proceduto al collegamento al thread su Azione Kotaku In descrivendo in dettaglio l'uscita di Randi Harper dai membri di #GamerGate dai gruppi Facebook e ridendo dei membri di Kotaku In Action preoccupati per le implicazioni che potrebbero seguire.

Harper, tuttavia, ha spiegato al gruppo che non le importava cosa pensava Kotaku In Action o qualsiasi altro individuo che utilizzava #GamerGate...

“[A Man in Black è] preoccupato che dicano che sono pro-doxxing, e sto cercando di spiegargli che non me ne frega un cazzo di quello che pensano di me. non hanno alcun effetto sul mio sostentamento. I giochi AAA finanziano parzialmente ggautoblocker. COSÌ. non conoscono quella parte e non voglio che la conoscano.

 

[per quello che vale], [A Man in Black] parlerà pubblicamente contro di me, altrimenti non verremo dipinti tutti con lo stesso pennello doxxer […] lasciamolo."

Nessuno nel gruppo sembrava particolarmente contrario alla tattica di Harper. Invece, Remy spiega che non sta usando "tattiche [di GamerGate]" ma "ricordando loro di loro"...

“Onestamente penso che il tema principale di tutto il nostro “Anti-GG” (o Zia Gee-Gee, come la chiamo io) potrebbe essere giustamente descritto come “Ironia armata” perché non combatteremo il fuoco con il fuoco. Non USEREMO le loro tattiche. Li ricorderemo semplicemente mentre vengono bruciati dal loro stesso comportamento lol”

Tuttavia, le tattiche non erano tutte innocenti. Nel settembre 2014, Jason Miller è stato licenziato dal suo lavoro dopo che SJW avrebbe contattato i suoi datori di lavoro perché aveva avviato l'hashtag NotYourShield per le minoranze contrarie alla politica del Social Justice Warrior, secondo un rapporto di nicchia Gamer.

Molti altri hanno anche cercato di rimanere anonimi nel loro sostegno a #GamerGate e nell'obiettivo di una migliore etica nel giornalismo dei media perché i gruppi - come evidenziato nei registri delle chat di Crash Override Network - erano intenti a far licenziare le persone per aver sostenuto #GamerGate.

Alcuni sviluppatori indipendenti hanno confessato in privato, in via ufficiosa, che vorrebbero fornire maggiore supporto ai giocatori e alla comunità riguardo a #GamerGate, ma non vogliono rischiare che i loro studi vengano messi in pericolo o inseriti nella lista nera, come indicato sopra in i registri della chat.

Non sono riuscito a contattare Randi Lee Harper perché sono nella sua lista di blocco automatico #GamerGate.

GN69oA1

Tuttavia, l'utente Twitter Benjimus Massimo è riuscito a catturare una serie di tweet di Harper, che ha commentato i registri della chat, scrivendo su Twitter...

“quindi, alcuni registri – che non sono registri di CO – sono trapelati, immagino? Proprio da una vecchia chat su Skype. E i gaters stanno impazzendo. Alcuni sono stati modificati, ma [qualunque cosa]

 

“In particolare, sono SUPERMAD che più di un anno fa ho twittato alcuni URL a gruppi pubblici di giocatori su Facebook e che era previsto. Quindi parliamone. Ciò è accaduto dopo che un altro attivista è stato terrorizzato dalla stessa folla. Non stava andando bene. Sapevo quando l'ho twittato che li avrebbe fatti arrabbiare. Sapevo che avrebbero concentrato la loro rabbia su di me, qualcuno con le risorse per affrontarla. Ha funzionato. L'ho gestito. Ha avuto un po' di sollievo. I giocatori sono stati manipolati e sopraffatti, e lo stanno scoprendo solo ora. Attento a quel sale.

Secondo un HeatStreet articolo, Feminist Frequency sostiene finanziariamente Crash Override Network e Feminist Frequency fa parte del Trust & Safety Council di Twitter, come indicato nell'articolo Twitter blog.

Altre caratteristiche