I giocatori di scacchi femminili che partecipano a campionati 2017 deve indossare l'hijab

Se avete intenzione di entrare nel mondo competitivo degli scacchi, essere pronti ad adottare le tradizioni culturali molto specifici per i campionati del mondo. In 2017 l'evento avrà luogo in Iran, e in tal modo, i concorrenti di sesso femminile deve rispettare le regole dell'Iran e saranno costretti ad indossare un hijab, altrimenti potrebbero essere arrestati o faccia monito per mano della polizia morale iraniana.

I mandati nazione islamica per le donne di indossare un hijab, e che non è seduto bene con i giocatori di scacchi di sesso femminile che sono ora in discussione se essi saranno frequentano i campionati del mondo nel genere repressiva nazione islamica.

Un articolo dal Telegrafo [Via Twitter] Ha recentemente riportato che la Fédération Internationale des Échecs, abbreviato in FIDE, hanno già messa a punto del campionato del mondo
che si terrà in Medio Oriente e che il paese ospitante è l'Iran.

La Commissione FIDE ha richiesto tutti i giocatori di scacchi femminile di rispettare le norme culturali e le regole del paese ospitante, il che significa che devono coprire le loro teste in un hijab quando (o se) si visita l'Iran per le partite di campionato.

Il torneo sarà composto da 64 diversi attori che partecipano a turni ad eliminazione diretta fino a quando un giocatore viene incoronato il campione del mondo 2017. Tuttavia, essi non possono avere giocatori 64 se alcuni di loro scelgono di sedersi al torneo campionato a causa di disuguaglianza di genere praticato da paesi islamici come l'Iran.

Gli Stati Uniti, campione nazionale, Paikidze nazista, ha spiegato al Telegraph ...

"Capisco e rispetto delle differenze culturali. Ma, non riuscendo a rispettare può portare al carcere e dei diritti delle donne vengono fortemente limitata in generale.

"E non si sente sicuro per le donne di tutto il mondo a giocare qui." [...] "Sono onorato e orgoglioso di aver qualificato per rappresentare gli Stati Uniti nel Campionato del Mondo femminile. Ma, se la situazione rimane invariata, io certamente non partecipare a questo evento. "

L'ex campione e ecuadoriana, Carla Heredia, anche fatto un ottimo punto su un'altra regola che l'Iran fa rispettare, come ad esempio una donna non sposati di essere in grado di condividere una stanza con un maschio, porre la questione al Telegraph ...

"Questo viola tutto ciò che significa lo sport. Lo sport dovrebbe essere libero da discriminazioni per sesso, religione e orientamento sessuale.

"L'obbligo di usare l'hijab è un problema, un altro è che le donne non possono condividere la stanza con un maschio se non è sposata con lui.

"Quindi la domanda rimane cosa accadrebbe se i giocatori di scacchi donne vogliono condividere la stanza con un allenatore maschio o se i giocatori di scacchi donne vogliono preparare la partita visita stanza del coach."

E 'un'ottima domanda, e uno FIDE avrebbe dovuto considerare come bene, soprattutto come sembrano sono andati fuori del loro modo di mettere i giocatori di sesso femminile a rischio in un paese che né si impegna a favore né si preoccupa per la parità di genere.

Il Telegraph è anche riuscito a ottenere le quotazioni da un ex concorrente britannico, Nigel Short, che ha dichiarato ...

"" Ci sono persone provenienti da tutti i tipi di sfondi che vanno a questo, ci saranno atei, cristiani, tutti i tipi di persone. [...] Se si è profondamente cristiana perché si vuole indossare un simbolo di oppressione islamica delle donne? "

Se il valore pari diritti e l'uguaglianza di genere, perché avrebbe costretto le donne in una situazione in cui devono cedere i loro diritti per competere in una nazione che accetta e pratica oppressione di genere apertamente?

Alcuni membri della FIDE hanno tentato di difendere la decisione, dicendo che le donne hanno bisogno di imparare a rispettare le differenze culturali delle varie nazioni ospitanti, e che i concorrenti dovrebbero essere disposti a obbligare la richiesta di indossare un hijab in segno di rispetto.

Susan Polgar, il presidente su commissione della FIDE per l'organizzazione di scacchi delle donne, ha detto che ...

"Non posso parlare a nome degli altri, ma dalle mie conversazioni personali con i vari attori nel corso dell'anno passato, hanno avuto problemi reali con esso.

"Se un giocatore ha un problema, può e deve esprimere la sua opinione alla Commissione per gli scacchi delle donne o Fide e possiamo affrontarla nel nostro prossimo incontro".

In cui i videogiochi vengono attaccati senza tante cerimonie per le loro raffigurazioni liberali di donne in abiti scarsa, è sorprendente che ci sono quelli difendere la vera oppressione vita delle donne per il bene di competere in un gioco.

I critici della cultura e gli attivisti di genere hanno attaccato incessantemente i videogiochi negli ultimi anni, principalmente per il fatto che le donne che ostentano troppa pelle nei mondi virtuali sono "sessisti" e "misogini", anche ostinatamente alle Nazioni Unite, per imporre richieste Il Giappone ha vietato giochi e anime contenenti raffigurazioni sessualmente esplicite di personaggi femminili fittizi, come riportato da nicchia Gamer. Tuttavia, essi non sembrano mostrare lo stesso livello di verve contro paesi come l'Iran che pratica, la vita reale la disuguaglianza di genere e il sessismo sotto la bandiera dell'Islam.

Chi Siamo

Billy è stato fruscio Jimmies da anni che copre i videogiochi, la tecnologia e le tendenze digitali nello spazio di elettronica di intrattenimento. Il GJP piangeva e le loro lacrime divenne il suo frullato. Hai bisogno di entrare in contatto? Prova il Pagina contatto.

NON segui questo link o sarai vietato dal sito!