Il Guardian non offre alcuna risposta alle molestie mirate della rete da parte di Crash Override

L'override perdite di rete Crash sono stati rilasciati al pubblico alla fine di agosto. Le perdite rivelato mirati molestie, doxing e l'ammissione di sabotare. Le perdite erano coperte da Calore Via e Washington Examiner nello spazio mainstream, ma è stato ignorato da altri punti vendita tradizionali. Nel caso di The Guardian, sono stati contattati sia come parte di una campagna di e-mail e io personalmente allungò la mano per uno dei loro editori per quanto riguarda la copertura delle perdite, ma non v'è stata alcuna risposta dalla presa.

The Guardian ha scritto in precedenza Crash Override di rete, promuovendo l'organizzazione come un'iniziativa anti-molestie. Tuttavia, le perdite di log di chat e le fughe di carte Trello hanno rivelato che l'organizzazione è stata anche partecipando a molestie mirata.

Ritornare 19 gennaio 2015, Alex Hern ha scritto un articolo per The Guardian su Crash Override di rete, dal titolo “obiettivi Gamergate lancio della rete anti-molestie”.

Hern scrive ...

“Crash Override nasce da un'idea di Zoë Quinn e del suo partner Alex Lifschitz. L'abuso di Quinn, per mano del nascente movimento anti-femminista Gamergate, […] ”

 

[...] “Uno dei primi clienti dei gruppi era Israel Galvez, uno sviluppatore web e critico Gamergate che è stato il bersaglio di un tentativo di‘swatting’da un forum legato al movimento.”

Izzy Galvez era in realtà un membro del Crash Override rete, partecipando alle chat e incoraggiando alcuni dei comportamenti di una rete Crash Override membro che ha partecipato doxing. Galvez è stato anche coinvolto in un tentativo doxing separato contro un sostenitore #GamerGate, come riportato da Breitbart.

Le notizie su Galvez e le sue imprese seguita da vicino sui talloni di una relazione separata di un altro membro del Crash Override Network, Robert Marmolejo, che è stato trovato per avere presumibilmente responsabili di molestie sessuali nei confronti di più le donne, come dettagliato in una relazione sulla Medium.

Le istanze di molestie sessuali, molestie mirati, doxing e sabotaggio ammesso dai membri del Crash Override rete sembrava schiacciante sconcertante.

Dopo una campagna di e-mail è stato avviato per contattare i punti vendita che in precedenza hanno dato positivi, la copertura acritica a Crash Override rete, io personalmente raggiunto a editor di The Guardian Keith Stuart su ogni possibile copertura in merito alla questione, dal momento che Stuart era corsa qualche copertura di #GamerGate e il tema delle molestie prima, ma non ho ricevuto una risposta.

In precedenza, Stuart aveva menzionato in una e-mail di novembre 13th, 2014 che probabilmente non avrebbero perseguito molte storie nella sezione su #GamerGate o la controversia circostante, dicendo ...

"Non sono sicuro di quanto faremo in futuro - in realtà è stato calcificato come una notizia - è disceso nei combattimenti e nella fazione e i nostri lettori non sono davvero interessati a tutto questo."

Il Guardian, secondo un repository This Is Video Games, ha pubblicato un totale di articoli 26 che coinvolgono #GamerGate. 10 Di quegli articoli sono stati pubblicati dopo che Stuart aveva risposto a novembre di 2014 affermando che la notizia era "calcificata" e che "i lettori non sono veramente interessati" all'argomento, nonostante abbia pubblicato molti pezzi in seguito.

Ironia della sorte, affermazioni fatte da The Guardian che #GamerGate era una campagna di molestie ha ancora alcuna prova che mostra come tale. Tuttavia, un sacco di prove è emerso per quanto riguarda Crash Override Rete impegnandosi in doxing, molestie e abusi mirati. The Guardian ha offerto alcuna risposta in merito, nonostante la promozione di un'organizzazione che impegnato in attività scellerate.

(Immagine cortesia principale di Ashion101)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.