Nintendo Localizers ora lavora con i programmi giapponesi ai giochi censori per la cultura occidentale

Xenoblade Chronicles 2

Una recente intervista con il presidente di Nintendo of America Reggie Fils-Aime, il CEO di Monolith Soft Tetsuya Takahashi e Genki Yokota di Nintendo rivela informazioni sul processo di censura e localizzazione per i giochi Nintendo che arrivano in Occidente.

Nintendo Tutto Condensato sui bit importanti dell'originale Kotaku intervista, citando Reggie Fils-Aime, che ha spiegato che Nintendo lavora con i team di sviluppo giapponesi per garantire che i giochi si adattino agli standard culturali in Occidente, in particolare in America ...

"I creatori sono sempre coinvolti in tutto ciò che accade nel processo di localizzazione. In termini di ciò che viene localizzato, c'è una semplice raccolta di parole che usiamo per definire come ci pensiamo: è "rilevanza culturale" e "comprensione delle implicazioni delle classifiche e delle classifiche".

 

"È durante tali riunioni che discutono il processo di localizzazione, cosa viene valutato. Sono estremamente comodo con il processo. E ancora se guardi ai nostri dirigenti coinvolti, Nate Bihldorff e dei membri di questa squadra, hanno rapporti profondi con gli sviluppatori e tutto è fatto con le migliori intenzioni del contenuto mostrando il modo migliore che può ".

Si dice che i localizzatori di Treehouse di Nintendo si rechino in Giappone circa ogni due mesi per discutere di contenuti e prodotti in arrivo con i team di sviluppo. Questa è la nuova strategia di Nintendo nel lavorare con gli sviluppatori giapponesi per i giochi attualmente in produzione invece di lasciare che i team giapponesi finiscano il lavoro e poi lo localizzino in un secondo momento.

Yokota di Nintendo ha spiegato che i giochi attualmente in fase di sviluppo in Giappone vengono ora realizzati in collaborazione con il gruppo di localizzazione europeo di Nintendo ...

"Stiamo realmente costruendo [il gioco] mentre siamo in discussione. Mentre per il passato titolo, la versione giapponese era già stata quasi al completamento della discussione [localizzazione] ".

 

"Per i titoli passati, perché la versione giapponese è stata fatta, la nostra sfida è stata poi quella di capire che cosa dobbiamo fare per assicurarci che questo gioco sia reso disponibile in oltreoceano e che siamo in grado di vendere questo prodotto. In quel senso, sono stato aperto a fare qualsiasi modifica necessaria per assicurarsi che ognuno possa godere di questo gioco ".

In termini semplici, significa che i localizzatori occidentali possono iniziare a censurare il contenuto durante lo sviluppo in contrapposizione allo sviluppo successivo. Quindi, anche se si desidera importare la versione giapponese, può essere già censurata come la versione americana o europea.

Reggie ha menzionato la "rilevanza culturale" della localizzazione Gaming Censored, che hanno approfondito l'uso del termine da parte dell'IGDA in alcuni dei loro documenti relativi alla censura fondamentalmente dei prodotti da una regione all'altra per assicurarsi che sia culturalmente appropriato.

Alcuni dei commentatori dell'articolo di Nintendo Everything hanno cercato di sostenere che gli sviluppatori giapponesi non si preoccupano di censurare i loro prodotti e invitano quel tipo di feedback. Tuttavia, altri hanno sottolineato che i direttori creativi come Masahiro Sakurai si sono lamentati di dover censurare personaggi come Palutena nella versione giapponese di Super Smash Bros. Sul Wii U, come riportato da Gaming di origine.

Nintendo in precedenza è venuto sotto fuoco per la localizzazione di giochi come Fire Emblem: Fates e Tokyo Mirage Sessions #FE, Che ha reso drastiche modifiche alle storie di personaggi, interazioni e disegni per adeguarsi agli standard occidentali. I giocatori sono stati in grado di prendere atto di questi cambiamenti confrontando le versioni americane con le versioni giapponesi e individuando le differenze nelle rotture a fianco.

Con il nuovo metodo di Nintendo di far viaggiare i localizzatori europei e Treehouse in Giappone e suggerire modifiche alla censura mentre i giochi sono in sviluppo, come con il prossimo Xenoblade Chronicles 2, Significa che la versione orientale e la versione occidentale stanno per essere molto più vicini in termini di contenuti.

Genki Yokota ha spiegato che l'obiettivo principale è quello di avere pochissime differenze tra la versione giapponese e le altre versioni rilasciate in tutto il mondo, dicendo ...

"Quando abbiamo costumi o abiti con cui abbiamo poca preoccupazione, la condividiamo con NoE e NoA e diranno" No, no, va bene "o" Hai ragione, è un problema ". Se è un problema, andremo indietro e diciamo di dire: "Abbiamo modificato questo modo, cosa ne pensi?" C'è molto avanti e indietro in quel senso. Piuttosto che compromettere, è come stiamo tutti mirando allo stesso scopo, di poter offrire una buona esperienza per tutti in tutte le regioni. E stiamo cercando di avere un gioco che ha poca differenza tra le regioni ".

Xenoblade Chronicles 2 è previsto per il rilascio esclusivamente su Nintendo Switch entro la fine dell'anno.