PewDiePie si scusa per il linguaggio profano; I media lo attanagliano ancora

PewDiePie si scusa

Il creatore dei contenuti di YouTube Felix "PewDiePie" Kjellberg - comandante di un impressionante esercito di abbonati di 57 milioni di persone - ha recentemente pubblicato un video di scuse per il linguaggio che ha usato durante un live-stream di Battlegrounds di PlayerUnknown, dove ha verbalmente rimproverato un altro giocatore per quello che alcuni considerano un linguaggio inappropriato. I media, tuttavia, stanno ancora attaccando il creatore dei contenuti di YouTube, anche con le scuse ora ampiamente disponibili per la consultazione pubblica.

Puoi vedere il video delle scuse qui sotto.

Per i non udenti, PewDiePie afferma ...

“Era qualcosa che ho detto nel vivo del momento, ho detto la parola peggiore a cui potrei pensare, ed è semplicemente sfuggito. E non ho intenzione di trovare scuse sul perché lo abbia fatto, [perché] non ci sono scuse per questo.

 

“Sono deluso da me stesso - perché sembra che non abbia imparato nulla da tutte queste controversie passate. E non è che penso di poter dire o fare quello che voglio e cavarmela [perché] non è affatto. Sono solo un idiota. "

Prima che PewDiePie potesse persino scusarsi, alcuni sviluppatori come quelli di Campo Santo ha minacciato di DMCA i suoi video con il loro gioco Firewatche hanno persino incoraggiato altri sviluppatori a seguire. Invece, i giocatori bombardarono il loro forum di Steam e rimproverarono gli sviluppatori per aver tentato di utilizzare ciò che alcuni ritenevano un'azione illegale per ottenere punti di giustizia sociale. Abbastanza convenientemente, quelli che hanno sottolineato che ciò che stava facendo Campo Santo era illegale erano vietato per i loro sforzi.

Le scuse sono state rapidamente raccolte da più punti vendita online, tra cui Scheda madre, che ha ancora censurato PewDiePie per la sua lingua, scrivendo ...

“Sfortunatamente, sembra che finora Kjellberg possa continuare a sbagliare in questo modo. È ancora lo YouTuber più popolare al mondo, è più popolare che mai e presumibilmente guadagna ancora milioni di dollari all'anno, nonostante sia stato ripetutamente criticato per i discorsi d'odio.

 

“Kjellberg può ancora diventare un modello di riferimento migliore per i suoi milioni di follower. Non voglio mai credere che qualcuno non possa migliorare se stesso. Spero che lo faccia. Ma non merita un passaggio. "

Shacknews ha scusato le scuse in preparazione di un'altra catastrofica frenesia mediatica che sembra inevitabile a questo punto, affermando che PewDiePie è ancora tossico e favorisce e comunità di individui tossici, i cui simili potrebbero influenzare il pubblico se anche l'ottanta per cento di un ottavo degli abbonati di PewDiePie leggesse il passaggio…

“Non dipende davvero da noi determinare se PewDiePie imparerà o no da questo particolare evento. Il suo comportamento tossico ha accolto alcuni personaggi tossici nella sua comunità e solo con un flusso coerente di azioni sarà in grado di riprendersi. Oppure, potrebbe rimanere soddisfatto e appena pronto per le scuse successive. "

Il Washington Post tenta di fingere il ruolo di un musicista che lo interpreta nel mezzo, ma questa posizione è smentita dal fatto che ci sono bocconi di colpi politicamente inclinati sparsi in tutto il pezzo, come un barbiere vendicativo che fa numerose piccole ma sanguinose incisioni su il collo del fidanzato del suo amante mentre afferma che sta solo facendo il suo lavoro. Alcuni di questi lavori vengono scaricati a spese di PewDiePie, in particolare per la sua posizione contro la natura distorta e infiammatoria dei media mainstream e degli appassionati (una posizione condivisa dalla maggior parte delle persone normali).

Il Washington Post continua a completare il pezzo trasformandolo in un problema di sinistra contro di destra, come è standard con la maggior parte dei media tradizionali di oggi, scrivendo ...

“È vero che Kjellberg ha i suoi difensori vocali dopo questo ultimo incidente, tra cui alcune delle stesse personalità di destra che hanno aiutato il maresciallo a supportare più ampiamente gli YouTuber sulla scia della polemica sulla battuta nazista. [...]

 

"La domanda è: quante possibilità gli è rimasta per dimostrare che non è il gamer nazista che scherza e che lega la razza, il suo contenuto lo ha aiutato a essere fuori?"

Il pezzo di successo del Wall Street Journal contro PewDiePie è stato il catalizzatore per la poké-ad-focale originale su YouTube, che ha comportato la demonetizzazione di molte persone che hanno i loro video. Da allora, Google ha incrementato i suoi sforzi con una nuova IA basata sulla politica a Stato Limitato che non solo ha censurato e nascosto una serie di video sbagliati, ma ha anche aggiunto creatori di contenuti a quella che molti chiamano lista nera di demonetizzazione.

Con l'ultimo scivolone della lingua di Pewdiepie e l'insistenza dei media nel tentativo di far decostruire la stella di YouTube, alcuni temono che l'ennesima ondata di demonetizzazione possa essere in arrivo, tutto grazie agli isterici dei media che coinvolgono qualcosa di semplice come la percezione di linguistica.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.