RPCS3 Devs 'Patreon DMCA'd di Atlus per l'emulazione di Persona 5

Persona 5 RPCS3

Atlus ha rilasciato una dichiarazione che ha recentemente ammesso di aver messo al bando la pagina di Patreon per gli sviluppatori di RPCS3 per aver correttamente emulato la versione PS3 di persona 5.

In un dichiarazione pubblica sul loro sito web, Atlus ha dichiarato ...

"Potresti aver già sentito oggi che abbiamo emesso un avviso di rimozione DMCA che coinvolge il gruppo di sviluppatori di emulazione RPCS3 e la loro pagina Patreon. Si è vero. [...]

"Riteniamo che i nostri fan possano sperimentare meglio i nostri titoli (come Persona 5) sulle piattaforme reali per cui sono sviluppati. Non vogliamo che le loro prime esperienze siano gocce framerate, o crash, o altri problemi che possono emergere in emulazione che non abbiamo supervisionato personalmente. Comprendiamo che molti fan di Persona amerebbero vedere a PC versione. E mentre non abbiamo nulla da annunciare oggi, stiamo ascoltando! "

Un sacco di persone che non possiedono un PS3 sono stati in grado di seguire il Guida rapida RPCS3 per scaricare i dischi Blu-ray PS3 dopo aver acquistato una copia legittima di persona 5, soprattutto se non vogliono scaricare ISO di dimensioni Blu-ray da reti peer-to-peer o gruppi usenet. Questo a volte può far sì che il gioco veda vendite fisiche al dettaglio reali mentre i giocatori tentano di mettere le mani su una copia del gioco per scaricarlo ed eseguirlo tramite emulazione, che è quello che è successo con The Legend of Zelda: Breath of the Wild all'inizio di quest'anno, quando l'emulatore Wii U, Cemu, è stato abilitato per giocare a giocare la versione Wii U del gioco.

Atlus, tuttavia, non la vede come un'opportunità per avvicinare i giocatori al loro contenuto attraverso l'emulazione che altrimenti non l'avrebbero mai suonata, la considerano come una pirateria, affermando ...

"Sfortunatamente, quando il nostro contenuto viene eluso illegalmente e reso potenzialmente disponibile gratuitamente, in un formato che riteniamo non fornisca l'esperienza e la qualità che intendiamo, mina la nostra capacità di farlo distogliendo il potenziale supporto da un nuovo pubblico".

Sembra uno sforzo sprecato per perseguire la comunità dell'emulazione, specialmente per le persone che non possiedono PlayStation hardware ma potrebbe interessarsi ai giochi in esecuzione su RPCS3.

Inoltre, questo non influisce nemmeno sull'effettiva scena della pirateria per gli ISO PS3, ma indebolisce solo le finanze del team RPCS3. I pirati stanno ancora andando a pirati.

Come notato da operazione precipitazioni, non è possibile lasciare un commento sulla pagina di Atlus in cui è stato fatto l'annuncio, ma è possibile inviare loro commenti informativi sul motivo per cui potrebbero spostarsi nella direzione sbagliata con questa mossa contattandoli su Twitter.

(Grazie per il suggerimento Dizzy)