ResetERA Bans Users Supporting GamerGate; Proibisce la discussione su Colin Moriarty

Denis Dyack - Toshi_TNE

I resti dello staff di moderazione di NeoGaf se ne sono andati dopo che le accuse di cattiva condotta sessuale sono emerse contro il proprietario di NeoGaf, Tyler Malka. Malka ha respinto le accuse sostenendoli come "infondati" e "ridicoli"; ma lo staff ha ascoltato e creduto alla vittima su Malka, provocando così un esodo di amministratori e moderatori di NeoGaf. Hanno formato un nuovo forum di gioco chiamato ResetERA, perché dovrebbe rappresentare un ripristino dell'era per i forum di gioco. Tuttavia, l'unica cosa che non hanno fatto è stato reimpostare le loro opinioni sociopolitiche su determinati individui e argomenti caldi.

Kotaku in azione ha notato che ResetERA ha recentemente ricevuto un thread da un utente che difendeva la discussione dei contenuti dal creatore di contenuti Colin Moriarty. L'utente Insanexer ha scritto ...

“Ho davvero perso l'input di Colin nell'ultimo anno nel settore dei giochi. Da quando ha lasciato la KF ho sperato che tornasse a scrivere di giochi. Nel suo post, sembra riflettere il passato, ma ha ricevuto un sacco di feedback per continuare ad essere una prospettiva ponderata / diversa nella comunità di gioco.

 

"Poiché resetera è un nuovo inizio per tutti, vorrei dare il benvenuto a Colin. Non vedo l'ora di vedere i suoi contenuti e spero che possa fare un altro show come PS I Love You! "

Responsabile della community Sweet Nicole fatto un post 10 pagine nel thread affermando che tutti i contenuti o le discussioni relative a Colin Moriarty sono definitivamente banditi da ResetERA, scrivendo ...

"È nella posizione del personale che non siamo interessati a fornire una piattaforma per Colin Moriarty. Per favore non creare discussioni sul suo contenuto. "

E con ciò il thread era bloccato.

Ma non è finito lì.

Il veterano dell'industria del gioco di lunga data Denis Dyack di Slicon Knights, i creatori di Troppo umano e Oscurità eterna, ha anche tentato di registrarsi, ma è stato fermato ai cancelli dai moderatori che hanno tentato di testare l'affiliazione e l'associazione di Dyack con #GamerGate da parte di Voight-Kampff.

Anatra ha notato che quelli che supportano #GamerGate sono stati bannati su ResetEra, come MacReady13, che ha apertamente dichiarato il suo supporto per #GamerGate in una discussione ed è stato prontamente messo al bando per "esporsi alla retorica di #GamerGate".

Denis Dyack è stato messo sotto un microscopio dove vari membri lo hanno spinto a rinunciare a #GamerGate o dichiarando apertamente se supporta o no il movimento. In un caso Dyack sarebbe stato costretto a prendere le distanze da qualsiasi discussione sull'etica del giornalismo o della corruzione all'interno dell'industria del gioco, sia su ResetERA che sui suoi account pubblici in cui le informazioni potrebbero essere raccolte da altri membri di ResetERA. Dall'altro lato sarebbe vietato se dichiarasse apertamente di supportare #GamerGate, dal momento che il team di mod sta eliminando i sostenitori di #GamerGate dal forum.

Dyack tentò di eludere la linea diretta delle domande, risultando in uno stallo oscillante di accuse e deviazioni. L'amministratore, Methuselah, non stava facendo nulla di tutto ciò, però, e prontamente chiuso il thread fino a quando non hanno potuto ottenere una risposta diretta sulla fedeltà di Dyack a #GamerGate, scrivendo ...

"Dato che questa discussione probabilmente continuerà in tondo fino a quando Denis_Dyack non risponderà, stiamo bloccando la discussione per ora ma insisteremo affinché la risolva se desidera continuare a utilizzare questo sito come piattaforma."

Si è aperta una discussione sul fatto che ResetERA non sia NeoGaf, nonostante abbiano chiaramente le stesse politiche e gli stessi standard di censura quando si tratta di convinzioni ideologiche.

NeoGaf è stato molto criticato per il suo fascismo da coloro che guardano all'esterno. Sembra che ResetERA stia mantenendo il controllo dei suoi membri e mantenga la natura altamente autoritaria di come le persone saranno autorizzate ad esprimersi e pensare quando usano la piattaforma. Come notato sopra, questo significa il divieto di discutere di alcune figure dell'industria del gioco, o l'allineamento di sé come sostenitore di movimenti come #GamerGate, che mirano a liberare il settore dalla corruzione e dalle pratiche non etiche.

(Immagine cortesia principale di Toshi_TNE)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.