PCGamesN si scusa per aver imbrattato Richard Lewis con la retorica SJW
Richard Lewis PCGamesN

PCGamesN ha originariamente pubblicato un articolo di Hannah Dwan su Novembre 30th, 2017 intitolato "L'industria degli sport ha un problema con chi sceglie di rappresentarlo". L'articolo ha tentato di dipingere i giornalisti e i fonditori di e-sport come Duncan "Thorin" Shields e Richard Lewis come tossici per l'industria. Be ', dopo aver coinvolto i suoi avvocati, Lewis è riuscito a ritagliare le scuse dalla carnefonda dell'integrità di PCGamesN, dopo aver tentato di imbrattare il suo personaggio.

A dicembre 3rd, 2017 PCGamesN ha aggiornato l'articolo chiarendo che non intendevano dedurre che Richard Lewis avesse punti di vista transfobici, razzisti o misogini.

On Dicembre 4th, 2017 lo staff di PCGamesN ha postato una piccola scusa, scrivendo ...

"Siamo arrivati ​​ad accettare che ci fosse ambiguità nella lingua che abbiamo usato, e che gli incidenti che abbiamo citato riguardo al signor Lewis non sono sufficienti per costituire un" passato violento ". Non c'è mai stata nessuna intenzione di etichettare il signor Lewis come razzista, misogino, omofobico o transfobico. "

L'articolo ha guadagnato l'attenzione grazie alla diffusione dei tipici circoli di #GamerGate, che continua a monitorare il comportamento etico dei media dei giochi (e dei media mainstream).

Richard Lewis ha reso noto che ha coinvolto i suoi avvocati dopo che gli è stato negato il diritto di replica.

La risposta iniziale dal pezzo forte di PCGamesN non è stata favorevole dalla comunità degli e-sport. Persino alcuni detrattori di Richard Lewis sono venuti a sostegno dell'incantatore e del giornalista, lasciando che la loro sottocommercio sapesse che PCGamesN stava ingannando la loro copertura editoriale.

Questi tipi di attacchi sono diventati comuni all'interno dei regni tradizionali del giornalismo di videogiochi (o di ciò che ne è rimasto).

Molti hanno assunto i cosiddetti punti di vista "progressisti" per spingere la politica davanti e al centro verso (e contro) il loro pubblico. Questo ha creato una spaccatura, dove molti giocatori che non sono d'accordo con il proselitismo della piattaforma sono reietti come "misogini","sessisti","transphobes" e "razzisti".

Questi tipi di sofisti politicanti sono stati spesso etichettati come Guerrieri della giustizia sociale.

Hanno contribuito a spingere #GamerGate nelle notizie mainstream con menzogne ​​su di esso come una campagna di molestie, qualcosa che è stato sfatato da un studio peer reviewed e del rapporto dell'FBI.

Anni dopo #GamerGate iniziò e chiamò le pratiche non etiche e gli attacchi costanti alla comunità dei videogiochi da parte dei suoi stessi entusiasti media, abbiamo ancora punti vendita che continuano i loro tentativi di spingere i loro cosiddetti punti di vista "progressisti" attaccando la propria comunità. Questo non fa altro che spingere le persone più lontano e infuriare il proprio pubblico.

In questo caso particolare, PCGamesN fu costretto a scusarsi grazie alla canna del sistema giudiziario puntata direttamente alla loro testa, una causa per diffamazione veniva bloccata e caricata nella camera, e Richard Lewis aveva il dito puntato saldamente sul grilletto.

La perdita del loro obbligo di etica avrebbe comportato un clamoroso, legale "Scoppio!".

Chi Siamo

Billy è stato fruscio Jimmies da anni che copre i videogiochi, la tecnologia e le tendenze digitali nello spazio di elettronica di intrattenimento. Il GJP piangeva e le loro lacrime divenne il suo frullato. Hai bisogno di entrare in contatto? Prova il Pagina contatto.

NON segui questo link o sarai vietato dal sito!