I professionisti del settore cercano di ottenere Jon Malin licenziato dalla Marvel per Tweeting su SJW

Jon Malin Cable

Un artista che lavora alla Marvel di nome Jon Malin è stato preso di mira dai professionisti dell'industria del fumetto per un tweet che ha condannato le buffonate di Social Justice Warriors. Non solo alcuni dei professionisti dell'industria dell'intrattenimento hanno fulminato Malin, ma hanno anche invitato la Marvel a licenziare l'artista per aver espresso le sue opinioni su un fumetto su Twitter.

Il tweet presumibilmente offensivo in questione è stato pubblicato a gennaio 21st, 2018. Puoi leggerlo qui sotto.

In genere, la risposta dei Social Justice Warriors è stata quella di affermare che i fumetti non sono per quelli di destra e che il tweet di Malin è stato disgustoso.

Lo scrittore Bandai Namco e l'autoproclamatosi femminista maschile, Alan Sizzler, è stato veloce nel far girare le cose tra alcuni circoli industriali.

L'escalation ha raggiunto il punto in cui l'attrice e produttrice di Hollywood Chase Masterson ha inserito la Marvel Entertainment nella conversazione.

Altri punti vendita entusiasti come Xavier Files hanno anche tentato di attirare l'attenzione della Marvel su Malin nella speranza di spingerlo fuori dal settore.

C'erano alcune persone che sono venute in difesa di Malin, tra cui Declan Shalvey, un artista di Image Comics.

Anche un altro scrittore, Oliver Campbell, ha tentato di aggiungere qualche sfumatura alla conversazione invece di versare benzina sul fuoco.

Dopo lo scoppio di Twitter, un altro professionista del settore dei fumetti, Ethan Van Sciver, ha invitato Jon Malin a parlare del tweet e del concetto di Social Justice Warriors tramite un live-stream.

Ethan Van Sciver ha chiesto a Jon Malin di rompere il tweet che ha fatto e spiegare la sua definizione di Guerriero della giustizia sociale e come si relazionano con la Germania nazista. Malin dichiarò ...

“Scegliere meno che nobili significa far passare la loro ideologia. Silenziare le persone - se dici qualcosa che non gli piace, sei un razzista, un fanatico, un omofobo, eccetera. Armonizzano l'odio contro uomini bianchi chiaramente etero. La parzialità nei confronti di uomini bianchi e retti attraverso molte persone in questo settore è chiaramente documentata. Non devo provarlo, tutto quello che devi fare è cercare o iniziare una conversazione con metà delle persone [nel settore]. Non penso che sia un grande, grande mistero, stanno armando il razzismo - e molte persone che lo fanno sono bianche.

 

"Socialismo ... hanno combattuto il patriarcato. Per loro è più una priorità che gestire le [loro] imprese.

 

“Ma il paragone con la Germania [nazista] sarebbe stato chiaramente quello di armare il razzismo e l'odio verso un gruppo: gli SJW lo stanno facendo nei confronti dei bianchi, o di chiunque si metta sulla loro strada. Voglio dire, metteranno un coltello nella parte posteriore della trans nera se non sono d'accordo con loro ideologicamente. Quindi non c'è vera lealtà lì, o reale preoccupazione per le persone. "

Questo è vero. E mentre Malin non elenca gli esempi, non sono difficili da trovare.

Gli SJW nell'industria dei fumetti sono stati rabbiosi tentando di demonetizzare e danneggiano socialmente il critico di fumetti Diversity & Comics, arrivando anche al punto di farlo tracciare segretamente modi per farlo fisicamente buttato fuori dal New York Comic-Con. Tutto ciò viene fatto perché critica i Guerrieri della giustizia sociale e la scarsa qualità dei loro fumetti.

Abbiamo visto Social Justice Warriors armare mob contro artisti femminili in passato per non aver disegnato come vogliono o per disegnare cose che non si adattano alle loro preferenze ideologiche ... è successo con un'artista fan per Steven Universe come riportato da Breitbart, ed è successo di nuovo con un'artista che ha realizzato un'arte di genere-bender basata sul gioco Dream Daddy: un simulatore di incontri del papà.

Le SJW hanno anche suicidato una pornostar femminile per non aver voluto fare sesso con uomini omosessuali, come riportato da Twitchy. E proprio come menzionato da Jon Malin, gli SJW accenderanno trans se non rispettano le statures ideologiche alla massima perfezione, che è ciò che è accaduto quando La scrittrice di Kotaku, Laura Kate Dale, è stata attaccata da Social Justice Warriors per aver intervistato TotalBiscuit, perché SJWs ha affermato che TotalBiscuit rappresentava #GamerGate e che chiunque fosse associato a una lotta per una migliore etica nel giornalismo mediatico era un "molestatore". Kotaku anche scusato con i Guerrieri della giustizia sociale perché il loro scrittore viene molestato.

In questo caso particolare, una narrazione incentrata sull'Alt-Right è stata concepita per rimproverare il personaggio di Malin. Bleeding cool ha tentato di confondere le opere d'arte di Malin e alcuni dei suoi commenti con la retorica di Alt-Right, sostenendo che Malin ha usato la sua arte per rappresentare messaggi subliminali relativi all'Alt-Right. Dopo alcuni pungoli, l'articolo è stato aggiornato con la risposta di Malin, di cui ha parlato Twitter...

“Ho visto il pezzo di successo [Bleeding Cool] dicendo che sono = Ardian Syaf. Syaf nascose palesi messaggi anti-cristiani / ebraici. Ho fatto riferimento a un film che mi ha spaventato da bambino a causa delle somiglianze di Pleasant Hill, non di una "lettura". Fumetti giornalistici, tutti quanti. Fai un inchino ideologico, [Rich Johnston]

 

“[…] Mi stai dipingendo come riferimento a materiali Alt-Right e sai quanto sia pericoloso non solo per la carriera ma per la sicurezza personale. Se fossi Alt-Right lo possederei. Non sono. Oh, e ... fai schifo. Aggiungilo alla tua favola. "

Presso il Kotaku in azione, i membri hanno chiesto perché Johnston avrebbe tentato di tracciare parallelismi con l'Alt-Right usando il lavoro di Men quando questo non era ciò che era previsto o insinuato all'interno dell'opera stessa. Hanno anche chiesto a Johnston perché non ha contattato Malin prima di pubblicare. Johnston dichiarò che stava semplicemente usando una risposta esagerata alla retorica esagerata ...

"Si è abbinato alla retorica più alta con la massima retorica."

Abbiamo visto questo tipo di risposta in passato dai media e dall'Inquisizione intersezionale ogni volta che qualcuno dice o tweetta qualcosa che non rispetta interamente le regole dell'ortodossia di Social Justice Warrior.

La Marvel di recente ha subito una purga a parte Fumetti SJW dirigendosi verso 2018, quindi vedremo quale sarà la loro risposta con Jon Malin mentre gli attivisti dei social media chiedono la sua testa.