La versione mobile di PlayerUnknown Battleground diventa l'app #1 nei Paesi 100

PUBG Mobile

PUBG Corporation ha annunciato che poco dopo aver rilasciato la variante mobile di Battlegrounds di PlayerUnknown a livello globale per i dispositivi intelligenti iOS e Android, il gioco è diventato l'app più scaricata su 100 in diversi paesi e regioni.

La versione mobile Battlegrounds di PlayerUnknown rilasciato su iTunes App Store e Google Play il 19 marzo, e nel giro di una settimana sembra che stia facendo lo stesso tipo di numeri che ha fatto la versione più grande per PC e console del gioco.

Tencent ha preso il comando della proprietà per l'uscita mobile del gioco, sia nelle regioni locali che in quelle straniere. La mossa di Tencent fu in gran parte alimentata dal fatto che volevano fare banca nella Cina continentale.

In precedenza PUBG Corporation, una società sudcoreana, non era in grado di lanciare Battlegrounds di PlayerUnknown in Cina perché il Ministero della Cultura lo ha sostenuto il gioco non era abbastanza "socialista". Dopo aver collaborato con il maggiore conglomerato cinese, Tencent, PUBG è stato in grado di rilasciare Battlegrounds di PlayerUnknown nella Cina continentale.

In America e in Europa, PUBG ha avuto a che fare con lamentele da parte di giocatori arrabbiati che sono costretti a giocare con i cinesi, dato che la maggioranza degli imbroglioni viene dalla Cina.

Lo scandalo cheating ha finito per convincere i giocatori americani ed europei a farlo lavorare insieme per ottenere la Cina bloccata dalla regione, ma tutto inutilmente.

Tencent ha lavorato con le forze dell'ordine locali a arrestare imbroglioni cinesi, facendo così nella speranza di corteggiare più casual cinesi per passare al PC e alle versioni mobili di Battlegrounds di PlayerUnknown. Sembra che gli sforzi stiano dando i suoi frutti ora che il gioco è diventato il numero uno nei paesi 100.

Certo, i giocatori americani ed europei stanno ancora cenando PUBG per bloccare la regione in Cina, anche se gli sviluppatori hanno introdotto misure anti-cheat e tentato di mettere al bando molti imbroglioni cinesi.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.