Jason Schreier di Kotaku disprezzato dagli SJW per aver vinto il premio SPJ Kunkel
Premio Jason Schreier Kunkel

Jason Schreier di Kotaku ha ricevuto il premio Kunkel della 2017 Society of Professional Journalists. I giudici hanno amato il suo pezzo "Il curioso caso di EA Game Dev" che ha detto di aver ricevuto minacce di morte "e gli ha assegnato il primo posto in Segnalazione di notizie. L'articolo è stato pubblicato a novembre 15th, 2017 over su Kotaku. Dopo aver ricevuto di recente il Kunkel Award, Schreier ha proceduto ad accedere al suo account Twitter, fare clic sul pulsante per creare un nuovo tweet e mettere in cattiva luce la Society of Professional Journalists, #GamerGate ei Kunkel Awards.

A maggio 4th, 2018, Schreier ha twittato quanto segue.

Dopo aver espresso il suo disprezzo verso #GamerGate con un complimento arretrato per aver vinto il Kunkel Award, la cosa più curiosa è accaduta ...

I Guerrieri della Giustizia Sociale iniziarono a radunarsi sul tweet, come avvoltoi su una carcassa sanguinante. Non vennero con gratitudine, congratulazioni o amicizia; arrivarono con dolore, disprezzo e agonia.

È iniziato con un ex membro del GameJournoPros e co-fondatore di Polygon, Chris Plante, che ha twittato quanto segue.

Schreier ha risposto affermando di ritenere che i premi fossero uno "spregevole scherzo" e ha affermato che era ironico visto che #GamerGate ha reso Kotaku uno dei suoi più grandi obiettivi. Schreier ha ragione su #GamerGate che fa di Kotaku uno dei suoi più grandi obiettivi. In effetti, il movimento riteneva che Gawker fosse la fonte di notizie online meno etica e aveva preso di mira Gawker inseguendo i loro inserzionistie ottenere il Federal Trade Commission per indagare su Gawker per la promozione di contenuti illegali.

Tuttavia, molti Guerrieri della giustizia sociale si sono offesi a Jason Schreier dicendo che Kotaku era un bersaglio di #GamerGate.

Ciò ha portato scrittori e disegnatori di giochi della comunità della giustizia sociale a uscire dalla falegnameria per rimproverare Schreier. Elizabeth Sampat rastrellò il giornalista Kotaku sulla brace in a serie di tweet.

Un altro scrittore di giochi, Barbara Kerre creatore di giochi mobili, saltò dentro per castigare Schreier per aver risposto a Sampat, mettendo fine alla sua capacità di difendersi da quel particolare membro dell'Inquisizione Intersectional.

Tornando al thread principale di Twitter, le cose hanno preso una svolta buia e drastica.

Come una banshee incolta, in picchiata per distillare il dolore e la sofferenza su quelli che considerava rozzi, Zoe Quinn si lanciò attraverso la porta digitale, portando i doni della conversazione di fuoco e olio testuali; sconvolgendo tumultuosamente la pubblica disgrazia a spese di Schreier.

In un sorprendente cambiamento, Schreier era in realtà arrabbiato con Quinn - uno dei suoi amici di lunga data - per aver tentato di trascinarlo sotto il martelletto della giustizia sociale. Riprese con il veleno di una vipera irretita, intrappolata dai cacciatori che avevano già messo sulle loro labbra il desiderio di assaggiare il sangue proverbiale della loro preda.

Quinn incontrò il suo veleno con uno schiocco difensivo, e un morso che rannicchiò Schreier più in profondità nell'angolo - affollato da nemici su tutti i lati.

Ma l'Intersectional Inquisition non è stato ancora fatto con Schreier.

I Guerrieri della Giustizia Sociale gli avevano strappato il suo orgoglio e dissanguato dalla sua debolezza. Era un segno che il loro lavoro non era ancora finito, ma invece era appena iniziato.

Danika Harrod di Waypoint ha preso il punto, usando un attacco a tenaglia per perforare le difese di Schreier, prendendolo alla sprovvista e usandolo come arma contro di lui.

Come una sorta di matriarca alata di oppressione punitiva, Leigh Alexander scivolò con forza nella conversazione con tutta la grazia di un artiglio dell'aquila che spezzava rametti sottili sotto di esso dopo un atterraggio duro. Entrare in una posizione di attacco contro uno dei suoi ex amici e un ex membro del GameJournoPros, Installazione di Alexander Schreier dipingendo intenzionalmente Kotaku come uno dei cattivi della saga #Gamergate.

Come un potoo che osserva gli artigli di un falco che si preparano a una presa mortale, Schreier tenta di riposizionarsi. Ha condiviso l'articolo di Max Read parlando di quanto denaro gli costano #GamerGate, come un modo per riprodurre quanto Kotaku ha sofferto per mano della rivolta dei consumatori. Leigh Alexander non avrebbe avuto nulla di tutto ciò, comunque.

Alexander ha spostato la sua presentazione, passando dalla matriarca artigliata ad ala a un tricheco distrutto incagliato sulla spiaggia di desolazione finanziaria, twittando quanto Intel ancora le doveva dopo essere stata licenziata da Gamasutra. Questo è stato nel periodo in cui Intel ha avviato un'iniziativa di $ 300 da un milione di dollari in seguito alla loro uscita da Gamasutra, avvenuta nei primi giorni di #GamerGate, come riportato dal New York Times.

Alla fine gli strilli e le chele si ritrassero; intorpidito nel loro effetto dopo che lei ha iniziato a riaffiorare vecchie ferite. La cacciatrice amareggiata per la Giustizia Sociale si ritirò poco dopo essersi crogiolandosi in traumi passati, riuscendo a malapena a schiacciare Schreier nel processo prima di abbandonarsi alle sue ombre, uno spazio solitario e abbandonato.

In tutto questo, ci sono stati alcuni clienti abituali del settore che sono intervenuti per congratularsi con Schreier, così come con Billy O'Keefe della Society of Professional Journalist. O'Keefe capita di utilizzare la tecnologia web di SPJ, e ha espresso apertamente bestia nera verso #GamerGate, nonostante il fatto che Kunkels non sarebbe mai esistito senza #GamerGate.

Alla fine, Schreier è stato in grado di testimoniare l'onnipotente potenza di una crociata organizzata dalla giustizia sociale ... solo che questa volta era in procinto di riceverla. A differenza di molti altri suoi articoli, non aveva nessuno con cui gridare "fallo" o "molestia"; nessuno in cui lamentarsi del suo dolore, e nessuno in cui offrirgli conforto. In prima battuta, Schreier si rese conto che le cosiddette vittime dell'oppressione erano capaci di essere l'oppressore.

(Grazie per le notizie di punta Lyle, Phoxel, Lo-Ping e Mombot)

(Immagine cortesia principale di Kinda Giochi Divertenti)

Chi Siamo

Billy è stato fruscio Jimmies da anni che copre i videogiochi, la tecnologia e le tendenze digitali nello spazio di elettronica di intrattenimento. Il GJP piangeva e le loro lacrime divenne il suo frullato. Hai bisogno di entrare in contatto? Prova il Pagina contatto.

NON segui questo link o sarai vietato dal sito!