Il regista di Star Wars Rian Johnson incolpa #GamerGate per il fan

Rian Johnson vs GamerGate

A seguito di altri Star Wars autori di libri fan d'attacco, Stella Wars: The Last Jedi il regista Rian Johnson ha deciso di fare scherzi a disagio Star Wars e fan dei fumetti incolpando #GamerGate per la loro insoddisfazione per il recente calo di qualità di Star Wars quando creo i miei prodotti.

Johnson ha risposto a un tweet da un altro Star Wars scrittore, Bryan Young, che ha preso di mira il #Comics Folla di persone promuovendo a L'articolo Daily Beast alla deriva la narrativa che i creatori di fumetti indipendenti Richard C. Meyer e Ethan Van Sciver sono "anti-diversità". Johnson è stato rapido nel dichiarare che tutto questo risentimento dei fan nei confronti del contenuto apertamente politicizzato nell'industria dell'intrattenimento mainstream di oggi - il tutto a favore di Left - è colpa di #GamerGate. Più specificamente, sostiene che sono state le "violenze molestate" di # GamerGate a spingere i fan a respingere l'agenda del Social Justice Warrior.

Vari altri creatori di contenuti, influencer e partecipanti al ground-zero nella rivolta dei consumatori di #GamerGate hanno tentato di offrire confutazioni, libri, informazioni, video, link e articoli di Johnson spiegando correttamente #GamerGate, ma Johnson non sembrava interessato.

Stranamente, ciò ha causato ad Anita Sarkeesian della Feminist Frequency di uscire dalla lavorazione del legno per ingannare Matt Jarbo dal canale YouTube di MundaneMatt.

Il motivo per cui MundaneMatt si è offerto di parlare con Johnson è perché in un certo senso il suo video ha aiutato a far girare la palla per quello che alla fine è diventato #GamerGate.

Matt ha realizzato un video basato su un post del blog chiamato The Zoe Post, e Zoe Quinn ha fatto DMCA il video di Matt. Questo tipo di censura sui commenti delle notizie ha portato grandi YouTuber come JonTron e il defunto TotalBiscuit a difendere il diritto alla libertà di parola. Alla fine la situazione si è evoluta e si è moltiplicata da lì quando quasi tutti i principali media di gioco hanno censurato l'argomento, gettando infine le basi per #GamerGate e la discussione in corso sull'etica dei media nel giornalismo.

Rian Johnson, Anita Sarkeesian e Bryan Young hanno riaffiorato l'argomento ancora una volta, tentando di riannodarlo di fronte alle molestie.

Tuttavia, se chiedi qualsiasi tipo di prova di tali molestie, ottieni una serie di persone che si attenuano e rinviano a "Conosco un sacco di persone che sono state ferite" o "Ha causato un vero dolore" ma queste persone non sembrano mai avere qualsiasi tipo di schermate, tweet o statistiche per il backup delle loro affermazioni, anche se ci sono prove di persone anti-# GamerGate che molestano donne e minoranze che hanno supportato #GamerGate, come riportato da Jennifer Medina di nuovo in Gennaio del 2015. Ciò includeva il dossier e le molestie dell'ex sostenitore di #GamerGate, Lizzy Finnigan.

Questo va avanti da quattro anni.

Molte persone hanno contattato One Angry Gamer nel corso degli anni chiedendo "Quando riferirai sulle molestie di # GamerGate?" E di solito rispondo chiedendo "Hai qualche prova o tweet di queste molestie organizzate?" 100% del tempo in cui la risposta è silenzio.

Tra tutti coloro che affermano che #GamerGate è una campagna di molestie, non una persona è stata in grado di fornire prove credibili; dei milioni di tweet inviati durante l'altezza del movimento, nessuno è stato in grado di catturare queste presunte molestie organizzate. Anche Newsweek di grafico ha notato che la maggior parte dei tweet inviati attraverso l'hashtag erano neutrali.

Anche Star Wars il regista Rian Johnson non riesce a sostenere nessuna delle affermazioni sulle molestie di # GamerGate, mentre tenta di riscrivere la storia basandosi solo sulla sua mendacità.

Il più vicino alle "prove" che è stato prodotto dai critici anti- # Gamergate è di solito un riferimento a una chat pubblica IRC in cui qualcuno ha suggerito di hackerare Zoe Quinn e poi è stato prontamente preso a calci dalla chat per fare il suggerimento. Questo episodio è stato in realtà riportato in una relazione elaborata da L'uomo senza legge. I log delle chat dalla chat room pubblica sono disponibili anche per lettura via un archivio.

Oltre a ciò, anche un peer ha esaminato il rapporto di WAM!e nove mesi indagine dell'FBI non è stato possibile trovare alcuna prova utile che #GamerGate sia mai stata una campagna di molestie.

Johnson arriva addirittura a tentare di riscrivere ulteriormente la storia affermando che #GamerGate non è stato trattato molto dai media.

Ciò sta letteralmente ignorando il fatto che #GamerGate è stato scritto da tutte le principali fonti di notizie tecnologiche là fuori, come dimostra il fatto che ci sono più di 250 riferimenti sul Wikipedia pagina per #GamerGate. Time Magazine ha scritto a riguardo, Rolling Stone aveva una funzione per esso, è stato descritto in un Programma di notizie notturne della NBCe ha anche avuto un episodio di spoof su Law & Order: SVU che ha caratterizzato YouTuber Logan Paul.

Tutto il reportage su #GamerGate da parte degli appassionati e delle principali agenzie di stampa (tranne alcuni siti indipendenti simpatizzanti della causa) è stato inclinato contro la rivolta dei consumatori, dipingendolo come una campagna di molestie, anche se uomini, donne, adolescenti e giocatori tutte le sfere della vita volevano semplicemente che la corruzione nei media cessasse.

Ciononostante, registi, artisti di fumetti (perlopiù della Marvel) e giornalisti continuano a invocare #GamerGate come una specie di malvagio uomo nero.

(Grazie per la notizia punta Lyle)