We Happy Few Review: Disturbo distopico

We Happy Few Review

[Rivelazione: È stata fornita una copia di revisione per il contenuto di questo articolo]

Noi Happy Few è un gioco interessante da recensire, considerando che ha avuto un lancio morbido disastroso che sembra un'età fa (quasi due anni, quindi in termini di giochi è stato un secolo fa). A quel tempo, il gioco era una sorta di senza scopo, prima persona esperienza di sopravvivenza che non sembra aver spinto i pulsanti di coloro che l'hanno prevista, nonostante il fatto che sia avvenuto in un mondo promettente strano popolato da quegli agenti di polizia compiaciuti e ultraterreni per i quali il gioco è diventato così famoso.

Anche se non ho interpretato il gioco nella sua forma iniziale, posso dire semplicemente confrontando ciò che ho letto fino a quello che ora vedo prima di me che molto è cambiato nel ciclo di vita del design. Per i principianti, Noi Happy Few contiene circa quaranta ore di contenuto della storia, minimo, in tre atti che coinvolgono diversi personaggi centrali con trame in qualche modo interconnesse. Ancora più impressionante, il mondo viene generato in modo procedurale ogni volta che giochi, quindi probabilmente c'è un bel po 'di rigiocabilità se ti piace davvero il gioco.

We Happy Few - Pinata of Rats

Ci sono alcuni posti da visitare in tutta l'avventura, ma la maggior parte del gioco si svolge tra i luoghi giustapposti di Wellington Wells e Lud's Holm, ognuno dei quali è rispettivamente sede del migliore e peggiore della società in Noi Happy Few. L'opulenza ridicola (e talvolta interamente falsificata) del distretto più ricco di Wellington Well è un deliberato contrasto con la guerra lacerata e interamente abbandonata Lud's Holm, così come lo sono le vite degli abitanti in ciascuna di queste località, che si manifestano nei loro comportamenti nei confronti del giocatore.

Entro la prima ora del gioco, il giocatore apprende che i cosiddetti Wastrel of Lud's Holm sono semplicemente membri della società che sono stati espulsi per una ragione o l'altra, di solito perché sono fuori dalla loro "Gioia". La gioia è un tipo di droga che un sovrano orwelliano noto come zio Jack usa per sopprimere la popolazione, tenerli felici e far loro dimenticare i terribili eventi del passato. I Wastrel attaccheranno il giocatore a vista se indossano abiti decenti, ma sono comunque felici di lasciarlo solo.

We Happy Few - Arthur

Gli occupanti più ricchi e presumibilmente benestanti di Wellington Wells prendono la posizione opposta, definendo il giocatore come un furfante se lui o lei appare tra loro in qualcosa di meno della loro eleganza. Allo stesso modo, se il giocatore cammina in mezzo a loro senza essere sotto l'influenza della Gioia per troppo tempo, allora lo individuerà, ti etichetterà e, di nuovo, diventerà aggressivo. A seconda di dove ti trovi e di chi è in giro, questo può essere un po 'una condanna a morte, il che significa che Noi Happy Few ha alcune interessanti variazioni sul gameplay tradizionale stealth, perché spesso devi camminare in bella vista assicurandoti di non minacciare quelli intorno a te.

Ci sono probabilmente tre elementi reali di gioco in We Happy Few, che spesso ruotano intorno alla necessità di navigare ed esplorare aree molto diverse nel mondo di gioco, mentre evitando, combattendo o conformandosi con la popolazione locale. Principalmente, lo farai per spostarti tra obiettivi specifici che fanno parte di un insieme di missioni ragionevolmente vario che sono personali per ciascuno dei tre protagonisti (anche se su un tema). Le missioni stesse tendono a svolgersi in aree chiuse. Dalle installazioni militari all'aperto alle ferrovie sotterranee e agli uffici governativi, il gioco prende sempre un netto cambiamento di ritmo quando si passa da luoghi aperti a uno in cui è possibile trovare un obiettivo di missione.

We Happy Few - Oh The Joy

Per parlare ulteriormente di chi interpreterete, il nostro primo eroe, Arthur, è alla ricerca di suo fratello Percy, il destino di cui si sente molto responsabile. Il nostro secondo, Ollie, è solo un pazzo pazzo - o forse è l'unica persona sana di mente? Infine, c'è Sally, che ha forse l'ambientazione più interessante. La sua storia è legata a quella di Arthur basata sul passato e sul presente, ma proprio quando pensi che agirà come il tipo di personaggio femminile standard di palude che è calzato in giochi come questo, ti rendi conto che ci sono cose su Sally che la rendono lontano il personaggio con la maggior parte in gioco.

Durante il gioco, indipendentemente da chi giochi, ti occuperai di quello che è il peggiore di tutti i chattels di gioco moderni: elementi inutili di crafting e sopravvivenza inutili. Ci sono decine di armi da fabbricare, ma dal momento che i proiettili sono finiti molto tempo fa, sono fondamentalmente tutte armi a randellate o pugnalate che si sentono sostanzialmente identiche. È anche possibile creare vari tonici, balsami e bende per consentire la guarigione e questi sono a posto - anche se non so davvero perché debbano essere creati. Raccoglierai innumerevoli scarti, bottiglie, bit e bob durante il gioco, ma pochi di loro sono abbastanza rari da farli conta e quasi nessuno degli elementi chiave condivide componenti, quindi non ci sono scelte difficili.

We Happy Few - Death is Final

Durante letteralmente i primi dieci minuti del gioco, potresti anche trovare il bisogno di mangiare o bere sfide brevemente - e intendo brevemente. Presto avrai accesso a cibo abbondante, acqua e posti per riposare a prescindere dal personaggio (con poche brevi eccezioni come risultato di come si svolge la storia) che mi fa chiedere quale sia il punto degli elementi di crafting e di sopravvivenza . Creare lockpicks, ad esempio, è la somma di un componente (bobby pins) che sono richiesti in pochissimi altri craftables, quindi perché non lasciare che il giocatore usi le forcine come lockpicks e salti un inutile passo in mezzo. Come se i progettisti lo sapessero, l'azione "pick lock" automaticamente (e istantaneamente) crea un lockpick se non ne hai uno, ma hai una forcina. Lo stesso vale per l'equivalente in gioco di un piede di porco, che è realizzato con gli abbondanti "pezzi di metallo" che trovi più o meno ovunque.

Purtroppo allora Noi Happy Few è un po 'un miscuglio. È un concetto piuttosto interessante sia per quanto riguarda l'aspetto che per la trama. I tre personaggi principali hanno storie interessanti e lunghe da raccontare, ambientate in un mondo in cui gli Alleati (o almeno la Gran Bretagna) hanno perso la Seconda Guerra Mondiale ai tedeschi, che a loro volta hanno deciso di rapire tutti i bambini britannici. I britannici hanno adottato l'uso di Joy per assicurarsi di aver dimenticato questa terribile verità e il bizzarro mondo che ho descritto è il prodotto - è un ambiente molto interessante che vorrete esplorare, ma non mi sembrava che fosse mai dimostrato nella misura in cui volevo. Un po 'come la serie Perdutose qualcuno se ne ricorda.

We Happy Few - Il ponte di Rorke

Le immagini sono creative e fantasiose, ma tecnicamente sono solo nella media, mentre la musica ha un ruolo minore di quanto dovrebbe. La recitazione vocale consente di salvare gran parte della storia Noi Happy Few, con ogni spettacolo un vero piacere, ma al di fuori dei personaggi della storia reale in particolare, il resto del mondo si sente piuttosto privo di vita, nonostante le persone brulicano tutt'intorno. Il crafting è inutile e l'albero delle abilità dei giochi di ruolo (che non ho ancora menzionato) offre forse il set meno interessante di aggiornamenti che ho visto da anni, che è, in effetti, il motivo per cui non l'ho menzionato. A chi frega del ritiro silenzioso dei lucchetti o del vedere più avanti le orme?

La linea di fondo è, Noi Happy Few non è un brutto gioco, ma non è neanche brillante. Un'occasione persa, per così dire. Di conseguenza, per me, è un:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.