Lo stage non pagato di DICE mira a combattere la tossicità in campo di battaglia

Battlefield V

DICE sta cercando di coinvolgere qualcuno che lavora a una tesi di master di un'università svedese accreditata per mettere insieme una bozza per aiutare i produttori del Campo di battaglia serie stabiliscono misure "anti-tossicità" all'interno della comunità.

Azione Kotaku In ha notato le notizie che erano state originariamente pubblicate su sito ufficiale svedese per DICE. Nella sezione lavori, c'è un'apertura per una posizione di tirocinio non retribuito in cui la tesi di laurea si incentrerà sulla lotta alla tossicità all'interno Campo di battaglia Comunità. In sostanza, in modo che DICE possa ingegnare socialmente i propri utenti a comportarsi nel modo in cui lo desiderano.

La descrizione del lavoro afferma ...

"Vogliamo che tutti si divertano giocando a Battlefield e partecipando alla sua comunità. Occasionalmente alcuni giocatori si comportano ... meno che bene però. Lo scopo di questo progetto è fornire a ingegneri e produttori una visione più approfondita del comportamento dei nostri giocatori sul campo di battaglia per contribuire a offrire un'esperienza migliore per tutti.

 

"Le indagini includono:

 

"Che tipo di comportamento distruttivo vediamo oggi in Battlefield?
Che cosa spinge o fa scattare la gente a disturbare i giochi di altri giocatori?
Come possiamo prevenire comportamenti di disturbo nei nostri titoli e nella nostra comunità?
Quali sono alcuni esperimenti che potremmo condurre per misurare i benefici di punire un comportamento buono cattivo o gratificante? "

La compagnia dovrebbe cercare qualcuno che li aiuti a identificare modi per cambiare la cultura del loro pubblico principale.

Tutto questo fa parte degli sforzi continui di quelli di sinistra per cambiare il panorama dei giochi. Abbiamo visto tattiche simili con l'iniziativa finanziata da Facebook "Le donne nel gioco", dove l'idea è di ridurre la quantità di maschi che lavorano nel settore e la quantità di maschi che appaiono nei giochi fino a quando non c'è "uguale rappresentazione" nel gioco per le donne.

Si potrebbe pensare che DICE sarebbe più preoccupato di avere effettivamente un pubblico per Battlefield V piuttosto che preoccuparsi della "tossicità" all'interno del Campo di battaglia comunità.

Tieni presente che l'ex dirigente EA Patrick Soderlund ha definito i critici degli elementi fantasy del gioco, come le armi bioniche presenti in Battlefield V, “Ignoranti”. Soderlund avrebbe anche continuato a dire che le persone a cui non piaceva il revisionismo storico di DICE della Seconda Guerra Mondiale non dovrebbero comprare il gioco dopo che i giocatori e i fan hanno iniziato l'hashtag #NotMyBattlefield.

L'approccio anti-gamer che EA ha preso con la promozione del gioco ha portato al pre-ordini per il Battlefield V. Se i preordini sono qualcosa da seguire, invece di assumere qualcuno per trovare e sconfiggere la "tossicità" all'interno della comunità, potrebbe dover assumere qualcuno per trovare loro un pubblico.

(Grazie per la segnalazione di punta Blaughast)