Devil May Cry si dirige a Netflix, quindi Hollywood Jabronis non sbaglia, dice il produttore

Devil May Cry

Il produttore esecutivo Adi Shankar svilupperà il suo multiverso bootleg, aggiungendo Capcom Devil May Cry alla line-up che include anche Konami Castlevania. Ora tieni presente che si tratta di due proprietà completamente separate da due case editrici completamente separate, quindi in che modo Shankar intende riunirle in un unico universo?

Shankar è riuscito ad acquisire i diritti su Capcom Devil May Cry e si unirà Castlevania su Netflix. Ciò è stato confermato con un tweet di Shankar.

IGN Riuscì a parlare brevemente con Shankar del progetto in un'intervista pretenziosamente divertente / crudele, in cui disse loro ...

"Ho acquisito questi diritti (Devil May Cry) in modo che anche gli jabroniani di Hollywood non si fottessero troppo."

Ci sono state recensioni contrastanti sulla seconda stagione di Shankar Castlevania da anti-SJW. Alcuni sentivano che c'erano problemi di stimolazione, mentre altri sembravano non gradire il modo in cui Camilla era ritratto.

Tuttavia, Shankar sembra fiducioso nelle sue capacità di portare Devil May Cry alla vita su Netflix.

Alcuni giocatori sono stati preoccupati per il franchise dopo Devil May Cry 5 è stato annunciato e sembrava che Capcom stia incasinando gli standard di bellezza di Trish and Lady, che ora si basano su modelli reali invece di affidarsi a team artistici per creare i personaggi.

Tutto questo fa parte del processo di Capcom di cambiare la pipeline di sviluppo per fare affidamento sulla scansione 3D e sulla fotogrammetria invece di pagare un gruppo di artisti per creare un sacco di personaggi e risorse da zero. Li ha risparmiati milioni di dollari in sviluppo e manodopera, ma i risultati non sono stati così ben accolti dai fan, dato che personaggi come Chris Redfield sono usciti dall'aspetto un po 'sgonfiato e meno muscoloso, mentre personaggi come Trish sembrano un po' contratti.

Ad ogni modo, puoi cercare Devil May Cry per venire a Netflix ad un certo punto nel prossimo futuro. Spero che Shankar non si lasci cullare dalla fama come ha fatto con Tameem Antoniades di Ninja Theory, che ha tentato di ritrarre Dante da Dmc: Devil May Cry con la sua somiglianza, che ha aiutato a riempire le vendite del gioco prima ancora che fosse lanciato.