Recensione di Override di crash: Zoe Quinn si inabissa con "Crash: Override"
Crash Override Review

[Disclosure: Questa è una recensione di Austin Ogonoski]

La parte più ironica sulla memoria di Zoe Quinn è che non è così bisogno una terza parte per sfatare ogni sua affermazione. Con tangenti iperboliche che fanno deragliare bruscamente anche il suono dei suoi monologhi sullo stato di internet come lo conosciamo oggi, e commenti apparentemente innocenti aneddotici che invece costruiscono una narrativa avvincente contro il suo personaggio, Crash: Override - Zoe Quinn's magnum opus - è un'odissea della malattia mentale.

Anche se la scrittura vera e propria onestamente non è terribile, Quinn ha in gran parte omesso di presentare il suo lato delle origini di Gamergate in un modo che rende un estraneo simpatico alla sua situazione, per non parlare di crederla in primo luogo. Crash: Override mira ad essere una sorta di hoo-rah onnicomprensivo contro le molestie online dopo che l'autrice ha messo in risalto il suo lato oscuro di internet, ma si presenta come il diario disperso e le manie occasionali di qualcuno che soffre di un disturbo di personalità del Cluster B. Mentre una parte di me sente un'ondata di imbarazzo di seconda mano per lei che sta effettivamente realizzando questa cosa, mentre finisce per dipingere se stessa in una luce davvero scarsa presumibilmente per caso, Quinn ha essenzialmente svolto il lavoro per tutti i suoi detrattori . L'ultima reliquia dello scandalo Gamergate, Crash: Override merita una lettura se non altro per scuotere la testa incredulo su come così tante persone abbiano mangiato i suoi contenuti senza domande.

Foto di credito Getty Images

Quinn apre il libro con un monologo relativamente solido e ragionevole su come la sua rottura è andata di male in pochissimo nell'arco di poche settimane, ma rovina il flusso iniziale con la frase asinina: "La mia separazione richiedeva l'intervento delle Nazioni Unite". È qui che ci viene presentato l'unico modo di pensare di Zoe Quinn che diventa un punto fermo Crash: Override - Zoe salta regolarmente da zero a cento in un batter d'occhio, dando al lettore un colpo di frusta nel processo.

Non è solo uno sviluppatore casuale di un'avventura testuale, è una sviluppatrice di giochi indie femminile che abbatte le barriere nel settore. L'ex di Zoe non era solo un ragazzo di merda con cui era incompatibile in una relazione, era uno stronzo tossico che lasciava lividi su e giù per le sue braccia. I troll che l'hanno molestata online non sono solo adolescenti annoiati su 4Chan, sono neo-nazisti sostenitori di Donald Trump. Questo tipo di linguaggio può conquistare i suoi punti da brunone tra quelli dei gruppi di giustizia sociale, ma per il lettore medio curioso di tutta questa faccenda del Gamergate, o per coloro che cercano sinceramente di capire il suo lato della storia, si rivela assolutamente ridicolo. Diverse volte nei capitoli iniziali, Zoe si imbarca su promettenti concetti o monologhi che il lettore sarà interessato a scoprire dove va con loro, solo per scoprire una visione del mondo quasi infantile, quasi infantile, in cui vede tutti anche lontanamente contro di lei come una specie di stravagante cattivo Disney.

Non c'è mai stato alcuno sforzo da parte di Zoe per contribuire a colmare il divario tra lei e coloro che sono sulla recinzione, incuriositi dalla sua esperienza di vittima delle molestie online - Zoe è troppo indaffarata per considerare che non tutti si schiereranno automaticamente con lei, e lascia i lettori come me in gran parte confusi su ciò di cui tratta questa donna.

Credito fotografico Olivia Bee

Eppure, mentre si poteva simpatizzare con il livello di rabbia, Zoe si gira così liberamente - lei is la vittima della più prolifica campagna diffamatoria di internet nella memoria recente, non possiamo davvero negarlo - commenti aneddotici lasciati da Zoe nei due capitoli iniziali accennano accidentalmente alla sua visione generale immatura e carica di emozioni del mondo come un sintomo di un problema più grande a portata di mano, ed è qui Crash: Override inizia davvero a cadere a pezzi.

Nei tentativi di Zoe di arricchire la sua storia passata e dare al lettore qualche intuizione su chi è come una persona, rivela inavvertitamente che è allo stesso tempo inaffidabile come un narratore, e probabilmente soffrendo di una malattia mentale molto debilitante che oscura il suo giudizio. Neanche poche pagine nel libro, si descrive più volte come strano - che per la persona media è una sorta di termine generale per il LGBT comunità - ma poi Quinn raddoppia e descrive una serie di relazioni eterosessuali sia passate che presenti. Sebbene l'orientamento sessuale di Quinn non contenga realmente nel contesto di Gamergate, ciò che conta sono le domande che questo solleva sulla veridicità di altri eventi e fatti di cui ha scritto nel libro. Se Quinn è strano a pagina tre e esce con un collega maschio dritto solo dieci pagine dopo, cosa dice di 1) la sua stabilità mentale e 2) l'accuratezza di ciò di cui ha scritto in Crash: Override? Gli autori di finzione scrutano incongruenze come questa e tengono volutamente i bios del personaggio facilmente accessibili per assicurarsi che Jack non abbia gli occhi azzurri a pagina dodici e gli occhi marroni a pagina trecento - ma Quinn chiarisce che questo era qualcosa che voleva sapere sul mondo se stessa. È una scelta creativa alla fine fatale.

Questa combinazione di incoerenze e discorsi carichi di emozioni aumenta solo con il progredire del lettore attraverso l'introduzione di Crash: Override, che descrive "la notte" la campagna diffamatoria contro di lei divenne pubblica. Secondo me, Quinn è un ottimo lavoro nel preparare la scena e trasmettere al lettore quanto fossero serene e banali le cose la sera in cui "la cosa più importante è il libro", ma quello che segue è una manciata di momenti chiave che distruggono Quinn credibilità come narratore prima di entrare nel vivo del ricordo.

Dopo che Quinn si è reso conto che la merda ha colpito davvero il fan, e molti lettori nordamericani di 4Chan stanno scorrendo un saggio che descrive come ha sistematicamente tradito il suo ragazzo con diverse persone nel settore dei videogiochi, si ritira nel bagno delle donne per cercare di calmarsi giù. In un paio di paragrafi che saranno senz'altro rimossi dalle pubblicazioni future, Quinn ha un attacco di panico mentre lei inizia a fare l'inventario di tutte le persone che ha torto nel corso degli anni, e si chiede quale di loro sia venuto fuori con prove così schiaccianti, internet è avere un momento difficile mettendoci un coperchio. Questo dice tutto quello che devi sapere sul personaggio di Quinn, e getta seri dubbi sulla sua narrativa che l'ex fidanzato era quello violento - sembra essere consapevole che, a un certo livello, è una persona terribilmente schifosa, e in brevi momenti di chiarezza le provoca un sacco di dolore. Il fatto che questo passaggio non sia stato ampiamente esaminato e messo in mostra affinché tutti possano vederlo, mi fa credere che la maggior parte dei suoi sostenitori non abbia nemmeno letto i primi capitoli del suo libro. Zoe, per dirla senza mezzi termini, dice direttamente al lettore che è pazza.

Photo credit Zarracina

Eppure, se c'era qualche ombra di speranza che Zoe avesse ancora qualcosa con cui valesse la pena di dirlo Crash: Override, è quasi interamente schiacciato nella sua descrizione delle presunte molestie scaturite dalla campagna diffamatoria contro di lei. Questo dovrebbe essere il punto focale del libro, questa massiccia e coordinata campagna di molestie con cui i lettori dovrebbero simpatizzare e si sentono in dovere di unirsi a lei nella lotta per cambiare Internet, ma se stai aspettando questo grande momento in cui La polizia irrompe nella porta e accompagna Zoe in un remoto rifugio di montagna, lontano dalla sicurezza di questi presunti neonazisti che vogliono tagliarle la gola e hanno già preso i suoi genitori in ostaggio, ma in realtà non arriva mai.

Le "molestie" ricevute da Quinn erano poco più che bambini sullo scherzo di 4Chan che chiamava i suoi genitori, shitposting su di lei mentre era ubriacoe poi dirle che è una puttana su Twitter. Quinn cerca di giustificare la sua grossolana reazione eccessiva a queste cose dicendo che le ha fatto male perché soffre di malattie mentali e le cose banali che le persone a caso le hanno detto online hanno causato la sua ansia di aver lavorato per anni in terapia per superare, ma tutto questo è confermare ciò che sospettavo dalla prima pagina: Quinn soffre di una grave malattia mentale che colpisce sia le sue emozioni che il suo processo mentale. Per questo motivo, ho difficoltà a credere che ci sia molta verità su Crash: Override; il lettore è invece incaricato di prendere gli indizi che Zoe ha lasciato durante i suoi brevi momenti di chiarezza per ricostruire la vera storia.

Questi indizi diventano molto più frequenti man mano che la memoria progredisce dagli eventi del giorno zero, fino al punto in cui anche coloro che cercano disperatamente di schierarsi con Zoe come un atto di imparzialità avranno difficoltà a farlo. Quinn divide l'azione con una sezione autobiografica dichiaratamente accattivante che descrive la sua giovinezza e la scoperta di un sistema 3DO usato che suo padre portava a casa in dono - ma questa breve parentesi, come tutti gli altri elementi di Crash: Override, alla fine cade in preda all'incapacità di Zoe di tenere sotto controllo le sue emozioni a beneficio del lettore. Quinn sposta rapidamente l'attenzione su una diatriba incredibilmente lunga e deprimente che non le fa favore, in cui confessa ciò che descriverò come "atti casuali di degenerazione".

Lei è conosciuta come la troia lesbo al liceo, pochi giorni dopo il primo semestre dopo essersi unita a una compagna di classe, entra in droghe praticamente per curiosità, sposa un ragazzo di diciannove anni (ricorda, ogni poche pagine ribadisce che è una lesbica e lo sa da quando una giovane età), scopa le sue finanze al punto in cui lei e suo marito sono senzatetto, e inizia il lavoro sessuale come mezzo per un fine - anche se sul lato "più leggero" con modellazione softcore.

Nasrallah

È certamente difficile simpatizzare con qualcuno che ha una lunga esperienza di degenerazione prolungata come Quinn, che poi continua descrivendosi come una persona "fondamentalmente distrutta" che "prospera in conflitto", con "impulsi autodistruttivi". "Quinn crede che questo sia un sintomo di depressione, ma il processo mentale che sta descrivendo e il modo in cui è stata ritratta nella sua memoria fino a questo punto, è in realtà il Disturbo Borderline della Personalità - una malattia mentale molto più grave e debilitante. In breve, i capitoli iniziali del libro di Zoe costruiscono un argomento convincente che è delirante, nevrotica ed estremamente instabile anche nei giorni migliori - ci dice lei stessa.

Con questo in mente, può essere in parte perdonata per la sua disponibilità a prendere ciò che è innocuo. 4Chan è una prostituta che la chiama prostituta - include fisicamente degli screenshot di questo nel suo libro - e li trasforma in una complessa narrazione che ci sono segretamente un esercito di squilibrati i matti sono decisi a seguirla e violentarla / ucciderla.

A pagina sessanta, è abbondantemente chiaro che Quinn è estremamente malato e ha bisogno di un aiuto professionale.

I lettori vengono riportati nello scandalo Gamergate dal suo intermezzo autobiografico, solo per vedere Quinn passare da zero a cento ancora una volta - le personalità di successo di YouTube che tentano di riferire sul suo ruolo nello scandalo Gamergate sono di nuovo trattati come cattivi Disney che minacciano la serenità di il suo regno magico, e passa pagina dopo pagina a cercare di esagerare nel spiegare come queste persone abbiano presumibilmente fatto qualcosa di sbagliato realizzando video di commenti sull'intera faccenda. Ancora una volta, Quinn li chiama tutti bugiardi e perdenti e fanatici del cappello di latta e ogni nome iperbolico sotto il sole per guadagnare punti da tutti i gruppi corretti, ma non riesce a capire che 1) è una figura pubblica a cui è permesso essere tenuto a scrutinio e 2) il suo ricordo fino a questo punto è un assortimento di aneddoti che indicano il fatto che lei potrebbe essere il problema. Invece di confrontarsi frontalmente, prende la strada inutilmente più complessa di inventare la propria realtà, e si trasforma in una sezione del libro che è un'assurdità postmoderna più o meno maniacale che coinvolge ogni parola d'ordine da "non binario" a "Genderqueer", e come sono tutti oppressi da uomini bianchi su internet o qualcosa del genere.

Quinn alla fine blocca questo balbettio e ritorna a qualcosa di più coerente, ma le sue emozioni si riaccendono rapidamente e lei agisce una frazione della sua età, diventando sconvolta dall'orrendo crimine di ... avere il suo account Twitter hackerato. Aggiungendo all'assurdità della sua reazione eccessiva, c'è una telefonata che riceve da suo padre sulla situazione, in cui sembra solo leggermente infastidito dal fatto che la gente sia una burla che chiama la sua casa, ma altrimenti torna a lavorare sulle sue motociclette e si limita a spazzolare il tutto fuori. Zoe, d'altra parte, parla di crollare sul pavimento e singhiozzare mentre le persone che non conosce e che non incontreranno mai nella sua vita lanceranno insulti generici su Twitter. Questa interazione dice molto, dal momento che sembra che il padre si sia abituato più o meno a Zoe a perdere la testa a causa di lievi disagi per chiunque altro. Quinn può essere completamente distaccato dalla realtà, ma svolge un lavoro eccellente nello sviluppo dei personaggi che la circondano.

E anche se sono sicuro che le femministe e i guerrieri della giustizia sociale si impadroniranno di me per non essere in sintonia con la situazione di Zoe, a questo punto nel libro non ha descritto una singola complicazione nella sua vita che questa "campagna di molestie" abbia generato. I suoi amici si sono tutti fermati per lei e hanno offerto il loro sostegno. La sua famiglia sembra sapere che sta esagerando con un semplice tocco, ma anche loro capiscono che potrebbe attraversare un momento difficile e darle una telefonata di cortesia per vedere se tutto è a posto. Il suo fidanzato, nonostante le accuse secondo cui Zoe è un turboslut, rimane con lei. Né Zoe, né il suo fidanzato, entrambi impiegati nel settore dei giochi, perdono il lavoro - infatti, il suo datore di lavoro invia loro un'e-mail molto esplicita affermando che non gliene frega un cazzo di quello che dicono i troll online. Gli individui nella scena di gioco indipendente offrono il loro supporto. Zoe non ha perso nulla tangibilmente da quello che il suo presunto ex-fidanzato "tossico" ha pubblicato online su di lei. Invece, si occupa delle situazioni di stalking che sono successe ad altre persone, si convince che c'è un possibilità succederà a lei, e poi lascerà che questi scenari fantastici la consumino.

Parlando di scenari fantasy, Quinn ci presenta finalmente "The Ex" a metà strada del diario. Come tutte le persone che l'hanno offesa, Quinn tratta "The Ex" come un cattivo iperbolico, stereotipato dei cartoni animati in Crash: Overrideperché è così che vede il mondo. Ancora una volta, ripeto un punto di prima; questo non le fa favori, poiché il lettore medio non vede il mondo allo stesso modo, e il suo processo di pensiero appare infantile, illogico e malato. Tre o quattro pagine sono dedicate allo strappo di questo tizio per ogni ragione sotto il sole, e lo fanno diventare Chad Thundercock che le ha sempre battuto la merda, ma le sue descrizioni sono così comiche e esagerate che mi rifiuto di credo che qualsiasi cosa abbia scritto sia anche lontanamente veritiera.

Deve ancora spiegare ancora perché si identifica come queer non meno di sei volte nella memoria fino a questo punto, incluso il doppio in cui conferma apertamente di essere attratta dalle donne, ma sta solo entrando in rapporti con uomini eterosessuali. Indipendentemente da ciò, Quinn e The Ex tentano di conversare per la prima volta da quando la merda ha colpito il ventilatore, e questo non va per niente. The Ex suggerisce che Quinn è la radice del problema e ha bisogno di dare un'occhiata seria a come tratta le altre persone, a cui Quinn risponde urlando un mucchio di merda senza senso al ragazzo. Naturalmente, per le ultime cento pagine, Quinn ha apertamente detto ai lettori che è malata di mente, prospera di conflitti e ha "impulsi" autodistruttivi, quindi a questo punto tutta la simpatia è persa per Quinn. In un libro destinato a far capire alle persone l'autrice e riprendere la sua crociata accanto a lei, finisci per odiarla e riprendere gli strati delle sue cazzate.

Il culmine di queste cazzate si realizza quando Quinn decide di emettere un ordine restrittivo contro The Ex, e ciò che è esilarante è che gli altri iniziano chiaramente a capire con cosa hanno a che fare - di nuovo applaudo a Quinn per aver lasciato ai lettori questi indizi sparsi in tutto il memoir. Ancora una volta, Quinn tenta di farsi sentire come una damigella in difficoltà, ma per chiunque applichi il pensiero critico al suo dialogo, è davvero ovvio cosa sta succedendo. Le forze dell'ordine lo identificano rapidamente lei è l'ex pazzo in questa situazione e fondamentalmente fa del suo meglio per bloccarla e dargli le sue non-risposte fasulle così è scoraggiata dal prendere le cose oltre, che elabora nel tentativo di far sembrare che lei sappia di cosa sta parlando e che i poliziotti sono stronzi freddi e condiscendenti - ma posso assicurarti che non lo fa.

Lei tenta di consegnare schermate di centinaia di anonimi shunt di 4Chan come prova di molestie, e gli sbirri fondamentalmente alzano le spalle e vanno "non il mio dipartimento". Quinn è troppo ritardato per capire che è un professionista parlare per "stai scherzando? fuori di qui, a nessuno importa che tu sia stato chiamato una puttana su Twitter "e cerca di spiegare ai lettori perché ha ricevuto risposte simili da parte di più dipartimenti di polizia - finché non arriva finalmente in un reparto abbastanza annoiato da cooperare e concedere un ordine restrittivo. Quinn ritiene che questo tentativo sia un successo e continua a dipingere la sua Ex come un super criminale monodimensionale ossessionato da lei, ma non riesce a capire che la gente leggerà il suo libro e scoprirà che ha letteralmente volato da una costa all'altra per cercare di fare acquisti in giro per un ordine restrittivo. Dimmi cosa c'è di più ossessivo; il ragazzo che si è sfogato su internet della sua ragazza di merda e che per sbaglio è diventato virale, o la ragazza che vola in tutto il paese metti un bavaglio su di lui dopo che altri tre dipartimenti di polizia si sono rifiutati di fare qualcosa?

Foto di credito Huffington Post

Quello che è iniziato come un memoriale piuttosto serio si è trasformato in una commedia nera involontaria, nella quale spetta al lettore scoprire che il protagonista è in realtà l'antagonista, e dovresti fare il tifo per la persona originariamente raffigurata come il cattivo. Se Quinn avesse scritto questa storia come finzione, sarebbe stata proclamata geniale e vincitrice di un premio indie o due, ma poiché questo è un libro di memorie su 100% di eventi reali accaduti durante la caduta di 2014 e si suppone per prendere le sue affermazioni al valore nominale, tutto ciò che fa è far sembrare Quinn eccezionalmente ritardato.

Il ritardo di Quinn viene alla ribalta mentre inizia a descrivere l'esperienza di fare domanda per un ordine restrittivo. Quinn ottiene pazzo alla fase di interrogatorio invasivo che è procedura standard quando si applica per un ordine di protezione, e sembra profondamente offeso da altri adulti adulti che osano mettere in discussione come una donna sulla trentina possa essere così sconvolta per una serie di telefonate ancora beffarde e significa tweets. La rabbia di Quinn in questa fase di Crash: Override è totalmente privo di senso per un lettore dalla testa piatta; qualcuno che fosse veramente molestato avrebbe capito Perché certi test di merda erano a posto, ma Quinn invece si esasperò dal fatto che queste persone non si limitassero a credergli e a fare ciò che lei diceva. Mentre tenta di spiegare perché questo processo la rende così arrabbiata, si accidentalmente si apre a due vere e proprie cause per diffamazione mentendo apertamente sui risultati del processo per molestie di Gregory Allen Elliott (afferma di essere stata accusata, ma tutte le accuse sono state ritirate e lui è un uomo libero), così come la giornalista canadese Christine Blatchford solo per aver osato sostenere Elliott - quando aveva pienamente ragione a farlo. Desideravo disperatamente che Zoe abbandonasse questo argomento, e con mia grande sorpresa lo ha fatto, solo per tornare al "giorno presente" e ammettere l'uomo con il quale si è trasferita in Francia dopo essere uscito per una settimana (sì, avete letto bene) non l'ha fatto Risolvi - soprattutto perché si stava ubriacando e si scagliava contro di lui come un modo per prevenire un inizio di "cicli depressivi". La pura follia del comportamento di Zoe - ammettere che lei è un individuo profondamente imperfetto, malato e distruttivo prima accusare tutti quelli a cui non le piace picchiarla o essere neo-nazisti - è estenuante; e sembra che anche lei abbia bisogno di una pausa.

Il libro prende quindi una deviazione nella creazione e nell'operazione di Crash: Override. In breve, Quinn si allea con un paio di amici e usa le sue connessioni nel settore dei videogiochi e della tecnologia per mettere al bando le persone che non le piacciono o che le sono state raccomandate da altri. Quinn crede di essere una cappa anti-molestia di Internet, ma questa sezione del libro si legge come una studentessa manipolatrice orgogliosa del fatto che lei chiacchiera sui suoi compagni di classe.

Quando il comportamento di Quinn viene esaminato più seriamente, in particolare dall'ex editor di Breitbart, Milo Yiannapoulous, lei balbetta nel suo terzo potenziale caso di diffamazione, imbrattandolo anche lui. A questo punto il suo vocabolario verso il redattore controverso è estenuante e prevedibile - puoi solo chiamare i tuoi detrattori di Neo-Nazisti di estrema destra tante volte prima che le parole perdano completamente il loro significato - ma a Quinn ovviamente non importa. L'ironia di questo passaggio è che nel periodo immediatamente successivo a Gamergate, Yiannapoulous si sarebbe imbarcato in numerosi tour universitari di successo dopo essersi separato da Breitbart e pubblicato comunque il suo libro, il che significa che gli attacchi di Quinn sono invecchiati come il latte.

L'ultimo terzo di Crash: Override scende in un disordine disgiunto, con Quinn che descrive in modo estensivo come ritiene che le leggi riguardanti le molestie online siano obsolete o completamente inutili, prima di offrire suggerimenti su come evitare di essere sul campo di raccolta di una campagna denigratoria. Nessuno dei due argomenti è particolarmente informativo o addirittura utile quando presentato separatamente. Quinn è chiaramente sconvolta dal fatto che lei non possa usare le leggi per vendicarsi del suo ex-fidanzato "tossico", ed è stata invece testata da professionisti che ovviamente hanno capito che Quinn era l'aggressore e ha fatto il possibile per scoraggiarla dal correre all'impazzata all'interno del sistema - Quinn persiste solo perché ha fatto il giro. Il "consiglio" di Quinn per navigare in internet è al massimo ridicolo, con la maggior parte dei suoi suggerimenti - usando una password forte e limitando la quantità di informazioni personali che distribuisci online - essendo così assurdamente generico e ovvio che puoi dire che fondamentalmente ha trovato un "internet sicurezza per i bambini "elenca online e lo ha appena messo in pratica con le sue stesse parole.

C'è, naturalmente, la fine di questa pazzia, ma nella tipica moda di Zoe Quinn è afflitta da incoerenze e affermazioni iperboliche. Quinn alla fine ritorna nella routine della sua carriera come sviluppatore di giochi, ma non ha mai risposto a quella che ora è una domanda fastidiosa - se La depressione Quest era un'avventura di testo libero, in che modo esattamente generava reddito?

La depressione Quest

Quinn lamenta l'etichetta che i suoi detrattori hanno posto su di lei come una "vittima professionale", solo per descrivere un periodo di circa un anno e mezzo in cui non ha fatto altro che viaggiare per il mondo e fare discorsi sull'essere vittima di molestie - si puo ' Sinceramente, dimmi che ha pagato questi voli di tasca sua, usando i profitti di un gioco per cui ha rilasciato libero, giusto? Chiama un altro gruppo a cui non piace che i neonazisti affermino che i suoi sintomi di malattia mentale di tanto in tanto divampano, e scrive un ampio ringraziamento ai suoi amici e sostenitori per chiudere il memoir - menzionando contemporaneamente che molti i suoi amici in realtà si sono allontanati da lei. È bizzarro, ma anche una conclusione perfetta per quella che è una lettura estremamente bizzarra.

Dopo aver completato Crash: Override, Mi rimane un pensiero travolgente che incapsula il libro nel suo insieme: Zoe Quinn è estremamente malata e l'industria nel suo insieme è stata presa in giro. Quinn trascorre una quantità eccessiva di tempo nel suo libro di memorie per accidentalmente divulgare dettagli sul suo stato mentale che lentamente costruiscono un caso convincente della sua sofferenza da un disturbo di personalità del cluster B molto specifico, e quando il suo ex ragazzo la espose, questo scatenò un maniaco, vendicativo episodio che è durato per la parte migliore di diciotto mesi. Mentre è vero che Quinn è stato creato da 4Chan e la gente ha chiamato i suoi nomi su internet, sia l'abuso di Quinn presumibilmente sofferto per mano di "The Ex", così come le molestie che sostiene l'hanno costretta a vivere in un ascensore con un ragazzo con cui usciva da una settimana, sembrano essere fabbricazioni complete alimentate dalla malattia mentale.

Quello che trovo veramente scioccante è che i suoi redattori non l'hanno mai avvertita una volta di non pubblicarla. Quinn affonda la propria nave in modo così drammatico e dettagliato, non c'è alcun punto nei documentari di YouTube che scruta ogni sua mossa - lei fa un lavoro migliore di se stessa, ed è in vendita per dieci dollari.

Chi Sono

Driver del #2 Chevrolet SS Late Model per Lengert Motorsports. 2017 WESCAR Rookie of the Year. Hai bisogno di entrare in contatto? Sentiti libero di raggiungere Austin's account Twitter.

NON segui questo link o sarai vietato dal sito!