Game Informer, GameRant, ShackNews postano false informazioni sul giocatore di overwatch femminile molestato quando i fatti rivelano che era un maschio
Shacknews Corruzione

Alla fine di dicembre di 2018 un giocatore di nome "Ellie" è stato firmato al Overwatch Il team dei contendenti ha chiamato Second Wind. "Ellie" non aveva nessun cognome, nessun dettaglio personale disponibile ed è stato interpretato come un giocatore di e-sport femminile. La comunità era sospettosa e ha iniziato a scavare per informazioni su questo nuovo giocatore che è stato prelevato per il Secondo Vento apparentemente dal nulla. In seguito è stato riferito che Ellie ha smesso Overwatch a causa di molestie. Però, tutto ciò si è rivelato falso poiché Ellie non era una vera e-sport femminile, "lei" era un "esperimento sociale" da parte di un giocatore di sesso maschile che passava per il manico del Punitore.

Ciononostante, prima che qualcuno dei media riuscisse a mettere le mani su uno qualsiasi dei fatti, pensavano che fosse una storia abbastanza succosa da rovinare la propria reputazione per spingere la narrazione che l'industria del gioco è un covo di molestie e sessismo. Lo hanno fatto sapendo che se fosse risultato essere falso, tutti avrebbero rivendicato tutte le lamentele di #GamerGate secondo cui i media di gioco erano corrotti, guidati da ideologie e venditori di propaganda.

Bene, GameRant, Game Informer e ShackNews, tra quasi due dozzine di altri siti web, hanno tutti esagerato e hanno corso la storia senza ottenere nessuna delle informazioni di base sul "chi" nei quattro "W".

In questo caso, Ellie non era in realtà una top player femminile; ma via Gennaio 3rd, 2019 Imran Khan di Game Informer ha pubblicato un articolo in cui si affermava che Ellie era stata molestata Overwatch di e-sport Contenders league. Alcune parti dell'articolo tentano di rimanere obiettivo, ma Khan procede a scartare la possibilità sollevata dagli scettici sul fatto che Ellie possa essere stata una mistificazione inventata da un giocatore di sesso maschile per mettere in atto la comunità. Khan ha scritto ...

"Le speculazioni sulle vite misteriose dei giocatori succederanno finché la società mantiene e incoraggia le relazioni parasociali con persone che non hanno mai incontrato, ma sinceramente non credo che nulla di tutto ciò succederebbe se il nome di Ellie fosse Steve e lei fosse un uomo. Non penso sia nemmeno discutibile che lo farebbe. Anche se non fosse quella che dice - una richiesta per la quale non ci sono prove a priori ma coinvolgiamo l'ipotetico - che diritto deve sapere qualcun altro? Le affermazioni che gli esports siano meritocratici in cui chiunque può essere abbastanza bravo da far parte del club finchè possono giocare sono da tempo sospetti, ma questa saga li dimostra essenzialmente che sono sbagliati. Non si tratta più di sapere se si può giocare, ma se si può dimostrare di essere degni dell'onere che abbiamo messo su di voi. "

Sbagliato.

In realtà Ellie si rivelò essere un maschio operato da un giocatore 500 Overwatch, come ha ammesso l'amico di Punisher, l'Aspen di Cloud9, che ha ammesso che Ellie non è Ellie. Si è scoperto che il Punitore aveva una ragazza di 17 per fingere di essere in cima Overwatch giocatore, ma ha fatto il vero gioco, rendendo l'attuale Ellie un falso. Ciò si è verificato durante un live stream su Twitch che è stato pubblicato Gennaio 4th, 2019.

Guarda C9 Aspen | aspenoAYAYA IN CHAT da Aspen su www.twitch.tv

Ma Game Informer non è stato l'unico ad aver completamente scartato il giornalismo oggettivo di fronte alla spinta del sociopolitico costantemente guidato dalla sinistra nei mezzi di comunicazione che hanno effettivamente trasformato le loro piattaforme in macchine di propaganda.

ShackNews e GameRant si sono uniti anche alle informazioni.

GameRant ha pubblicato un articolo sulle code di Game Informer su Gennaio 4th, 2019, con Dalton Cooper che scrive ...

"Le molestie online puntate su Ellie derivavano da una teoria della cospirazione secondo cui Ellie non era reale, ed era invece un giocatore professionista di Overwatch che si atteggiava a una femmina. Sembra che questa teoria della cospirazione sia iniziata principalmente perché Ellie ha scelto di non usare il suo nome legale dopo aver firmato per Second Wind, mentre gli altri membri della sua squadra l'hanno fatto e il suo account Twitter era nuovo di zecca.

"Nonostante Ellie lasci il Second Wind, sembra che le molestie online contro di lei siano continuate. Secondo il collega Pro Overwatch, il giocatore Mini, ogni volta che gioca una partita con Ellie, "la gente si arrabbia e lascia il gioco".

"È spiacevole ciò che Ellie ha dovuto affrontare da quando ha firmato con Second Wind, specialmente perché attualmente non ci sono prove concrete a sostegno della teoria del complotto. Speriamo che le molestie online contro Ellie si fermino, ma sembra che stia continuando per il momento. "

Sbagliato.

L'analista e consulente di e-sport, Rod Breslau, ha raggiunto il fondo del kerfuffle e ha rivelato che i teorici del complotto avevano sempre ragione ed Ellie era, in effetti, un falso. Seguendo il livestream di Aspen, Breslau ha condiviso informazioni su Gennaio 4th, 2019 su come Punisher ha messo insieme la sua trama e condiviso screenshot di Punisher ammettendo che Ellie era un account di smurf come parte del suo "esperimento sociale".

GameRant ha avuto almeno la cortesia di aggiornare il suo articolo dopo la pubblicazione del pezzo, ma ha scelto di non includere i dettagli più schiaccianti che hanno completamente screditato la loro presa sulla situazione e hanno dimostrato che avevano torto.

ShackNews non era molto meglio, però.

On Gennaio 4th, 2019, Charles Singletary Jr ha scritto ...

"Dopo continue molestie alla fine respinte dal sessismo, un giocatore professionista di Overwatch League ha lasciato la sua squadra. Il giocatore conosciuto come il manico "Ellie" si è allontanato da Second Wind, una squadra che ha gareggiato nel Contingers della minoranza di Overwatch, dopo che la sua identità veniva regolarmente interrogata nonostante il livestreaming per dimostrare a se stessa. [...]

"Kotaku ha riferito che i fan credono che le prime speculazioni su Ellie siano iniziate perché la sua legale non è stata aggiunta al roster come le altre sue controparti in campionato. "Chi è Ellie?" Il pettegolezzo si accese, con il fondamento delle teorie sul fatto che un giocatore di sesso maschile stava impersonando una donna professionista. [...]”

Quelle teorie erano corrette, come ammesso da Second Wind. Purtroppo, dalla pubblicazione di questo articolo ShackNews non ha aggiornato né corretto la disinformazione nel loro pezzo.

La squadra ha confessato che a causa della pressione per ottenere una femmina in campionato e a causa della carenza di giocatori nella loro squadra, non sono riusciti a controllare "Ellie" e comunicare il loro processo di reclutamento al pubblico, che ha lasciato alla comunità il senso comune del crowdsourcing e mettere le abilità e le credenziali di "Ellie" attraverso il corretto processo di controllo. Second Wind ha pubblicato un messaggio su Twitlonger su Gennaio 5th, 2019, con un testo che si legge come se fosse stato trafitto da un washboard di vergogna, che afferma ...

"Ellie ha deciso di dimettersi da sola, e poco dopo abbiamo annunciato la loro partenza dal team. A partire da oggi, Blizzard era tornato da noi sullo sfondo di Ellie e ci ha comunicato che non erano chi affermavano di essere, e ha scoperto che l'account Ellie era utilizzato per scopi che non supportiamo. Ci scusiamo con la comunità nel suo insieme per non aver gestito meglio questa situazione quando avremmo dovuto, e mireremo a fare meglio ".

Mentre la stampa poteva non essere stata in grado di sapere che Ellie era in realtà un tizio che cercava di farne uno veloce nella comunità, quello che avrebbero potuto fare era tenere a bada la narrativa anti-gioco su "sessismo" e "molestie" prima ottenere tutti i dettagli. Per il merito di Variety, almeno si attacca solo ai fatti senza andare in tangenti, ed è per questo che non vengono discussi in questa serie di articoli in cui il malinteso giornalistico era in atto da punti vendita come Game Inform, GameRant e ShackNews usando le loro piattaforme per spingere un programma palesemente sociopolitico contro la propria comunità.

Questi siti hanno giustificato retroattivamente ogni critica legittima che #GamerGate ha fatto pressioni sulla stampa di giochi e sulle loro tendenze a scivolare nella corruzione.

(Grazie per le notizie Lyle e Blaugast)

(Immagine cortesia principale di JunkyRaty)

Chi Sono

Billy è stato fruscio Jimmies da anni che copre i videogiochi, la tecnologia e le tendenze digitali nello spazio di elettronica di intrattenimento. Il GJP piangeva e le loro lacrime divenne il suo frullato. Hai bisogno di entrare in contatto? Prova il Pagina contatto.

NON segui questo link o sarai vietato dal sito!