Mattel evita di chiamare Barbie una femminista dopo aver visto aumentare le vendite di Barbie di 14% in 2018
Barbie Feminist (copyright Mattel)

Mattel è stato inserito di recente in una breve intervista che faceva parte di un editoriale più grande pubblicato a febbraio 6th, 2019 in poi The Cut [Via Redstate], dove sono stati interrogati sull'esecuzione attuale di Barbie, che ha visto una crescita sorprendente in 2018 dopo aver registrato perdite in 2017.

Durante una breve retrospettiva su alcune delle iniziative che Mattel ha intrapreso per potenziare il marchio Barbie in tutto 2018 - tra cui un account Instagram in rapida crescita che ha già più di un milione di follower e una serie di video su YouTube - The Cut ha deciso di chiedere a Barbie senior la vicepresidente Lisa McKnight, se Barbie sta finalmente abbracciando l'etichetta come una "femminista", e McKnight saggiamente ha fatto un passo indietro alla domanda, con la scrittura scritta ...

"Quando chiedo a McKnight se Barbie è una femminista, c'è una lunga pausa. "Sto cercando di pensare al modo giusto per esprimere questo", dice. "Barbie riguarda l'uguaglianza e l'empowerment". Un'altra celebrità con una relazione complicata con il femminismo. Non c'è da stupirsi che sia così popolare. "

Non dovrebbe sorprendere il fatto che McKnight volesse evitare quella etichetta a tutti i costi per scopi estetici.

Mentre in precedenza nell'intervista McKnight si era scatenata in modo così leggero su alcuni punti vendita online che chiamavano Barbie "svegliati", evitò di dire qualcosa di più ...

"Adoro il fatto che sia stata chiamata come un'influente svenuta (da babe.net, concessa), che adora il toast all'avocado e che sta visitando tutte queste gallerie interessanti".

Questo è quanto lo staff di Mattel continua a parlare dell'allineamento di Barbie con qualsiasi tipo di ideologia sociopolitica, che è effettivamente nulla.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Barbie® (@barbiestyle) on

Ma questa è sicuramente una manovra calcolata.

Un sacco di giovani donne - specialmente quelle che Mattel sembra prendere di mira - non si considerano nemmeno femministe, come riportato da The Independent. L'outlet ha coperto un sondaggio condotto da Refinery29 e CBS News che coinvolgono le donne 2,093 a cui è stato chiesto il loro parere in merito alla sociopolitica ...

"Un incredibile 54 per cento di giovani donne negli Stati Uniti ha risposto di non considerarsi proponente del movimento per l'uguaglianza di genere, mentre 46 per cento ha dichiarato di identificarsi come" femminista "."

Spesso l'etichetta è attribuita al radicalismo e all'attivismo in stile propaganda, che si è ritorto più volte sulle grandi imprese cercando di utilizzare la tendenza per raggiungere il mercato. Un perfetto esempio di ciò è Sony e 2016 reboot-sequel di Ghostbusters, che ha incassato il botteghino e ha trovato la sua strada sul Get Woke; Elenco Master Vai Broke.

È facile capire perché alcune aziende vorrebbero evitare di attaccare il proprio marchio a un'etichetta che porta con sé quel tipo di bagaglio sul mercato.

Inoltre, solo un giorno prima di The Cut è stato pubblicato il loro lungo editoriale in cui Mattel ha messo da parte l'etichetta femminista, Investitore ha pubblicato un rapporto sui guadagni del quarto trimestre di Mattel da 2018, che ha effettivamente battuto le previsioni del mercato.

Durante il quarto trimestre sono stati effettivamente aumentati di $ 14.90 milioni in 2018 rispetto a una perdita netta di $ 281 milioni in 2017. Hanno anche visto un reddito operativo complessivo di $ 107 milioni durante il quarto trimestre di 2018 rispetto a una perdita operativa di $ 251 milioni nel quarto trimestre di 2017.

Parte della crisi è venuta dal Star Wars linea di figurine e giocattoli, che non solo ha colpito Mattel ma anche causato un enorme calo delle entrate della Disney all'interno del reparto giocattoli e giochi.

Tuttavia, come afferma l'articolo di Investor Place, Mattel ha visto una forte performance nel marchio Barbie lo scorso anno ...

"Mattel nota che ha visto forti performance per alcuni dei suoi marchi nel corso del trimestre. Ciò include le vendite di Barbie in aumento di 14% e le vendite di Hot Wheels in aumento di 7%. Tuttavia, le vendite di Fisher-Price e Thomas & Friends sono diminuite del 13% dalla stessa ora in 2017. "

Mattel sembra saggiamente allontanarsi dall'attuale terra di battaglia in cui si svolgono le guerre culturali.

Certo, Mattel sta ancora includendo la "diversità" nella sua line-up di giocattoli e spingendo la Barbie in una varietà di campi, tra cui STEM, ma ovviamente sono reticenti a definire la Barbie una femminista, specialmente da molte persone al di fuori della Sinistra. la sfera della cultura alare lo vede come un movimento più, così mirato a odiare gli uomini piuttosto che a difendere i diritti delle donne, come riportato da Mercato.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Barbie® (@barbiestyle) on

Non pensare che questo tipo di schivata femminista di Mattel sia passato inosservato all'Inquisizione dell'Intersezione.

Presa di giustizia sociale, Kveller, ha pubblicato un pezzo su May 3rd, 2018 criticando Mattel solo usando "progressismo" e "femminismo in apparenza solo usando ancora i capelli biondi, gli occhi azzurri e la figura snella di Barbie per vendere bellezza alle bambine che ovviamente non vogliono assomiglia al tipo di archetipo diffuso dagli estremisti di sinistra in luoghi come Tumblr ...

"A prescindere dai passi in avanti di Mattel - con" Curvy Barbie "e una gamma più diversificata di offerte - Barbie il marchio deve ancora prendere possesso del proprio ruolo contribuendo a perpetuare una cultura che è fissata sulla promozione di un ideale femminile di magro, biondo e bianco. ”

Di fronte alle aziende che hanno deciso di "svegliarsi" e poi "andare in bancarotta", sembra che Mattel stia rimanendo fuori dalla guerra culturale - o almeno si avvicini a distanza - per apparire "svegliato" evitando di andare in rovina. In altre parole, Mattel è un buon capitalista.

Chi Sono

Billy è stato fruscio Jimmies da anni che copre i videogiochi, la tecnologia e le tendenze digitali nello spazio di elettronica di intrattenimento. Il GJP piangeva e le loro lacrime divenne il suo frullato. Hai bisogno di entrare in contatto? Prova il Pagina contatto.

NON segui questo link o sarai vietato dal sito!