The Escapist Removing Editorial About Ethics In Journalism Dopo SJWs Harass Russ Pitts
GamerGate

Se vuoi scrivere di etica nel giornalismo dei videogiochi, non puoi. Non se sei un sito abbastanza grande che attira l'attenzione delle arpie urlatrici negli angoli lontani di Internet conosciuti come Social Justice Warriors. Questo è esattamente quello che è successo con The Escapist, che ha rimosso un editoriale sull'etica nel giornalismo dopo aver ricevuto molestie da parte di Social Justice Warriors.

Abbiamo segnalato Il capo-redattore di Russ SJW rimprovera per l'editoriale che The Escapist ha pubblicato a febbraio 5th, 2019, principalmente per includere una sezione nel pezzo su #GamerGate mentre si discute del più ampio argomento di etica nel giornalismo dei giochi.

Dopo essere stato derubato da molti dei soliti sospetti sui social media su quanto fosse terribile The Escapist per aver tentato di affrontare l'argomento, Pitts ha foldato, ha rilasciato scuse su Febbraio 7th, 2019 tramite Twitter e quindi completamente rimosso l'editoriale e sostituito con le scuse da Twitter, che afferma ...

"Ieri è stata una brutta giornata. Era un promemoria che la più piccola delle azioni può avere un grande impatto su tutti.

"Ieri Escapist Magazine ha pubblicato un articolo da me che molte persone hanno trovato offensivo, sconvolgente o non necessario. A peggiorare le cose, ho detto alcune cose sui social media che erano veramente terribili.

"A Zoe Quinn e tutti coloro che legittimamente ammirano la sua capacità di recupero di fronte a una terribile prova: sono sinceramente dispiaciuto di aver diminuito la tua esperienza di abuso. Non avrei dovuto parlarti in quel modo. Non in pubblico. Non in privato. Non da nessuna parte. Non mi aspetto il tuo perdono. Tu e i tuoi seguaci meritate di sapere che sono consapevole di quanto ero orribile per voi, e che sinceramente mi pento di avere quei pensieri, e ancor meno di esprimerli.

"A tutti voi che mi avete seguito, supportato o semplicemente guardato me rendermi ridicolo per decenni: vi deluderò. Mi dispiace."

Pitts continua dicendo che si prenderà anche una pausa dai social media.

Dichiara inoltre che dopo essere stati informati dai mass media sui social media di aver sbagliato a discutere di etica nel giornalismo dei giochi che i mob avevano ragione, e che lo sbocco era sbagliato per pubblicare un editoriale sull'etica nel giornalismo di giochi o nel tentativo di affrontare l'argomento # GamerGate ...

"Abbiamo avuto buone intenzioni. Personalmente ho sentito che dovevamo almeno fare riferimento agli eventi dolorosi di 2014, non a dispetto ma a causa del ruolo di questo sito Web in loro. Alla fine mi sbagliavo e l'articolo non era la cosa giusta per noi da pubblicare in questo momento.

"Alcuni di voi lo sapevano. Alcuni di voi me l'hanno detto. Non sentirti è anche su di me. E ancora, mi dispiace. "

Questa è fondamentalmente l'etica secondo la regola della mob.

Questa decisione è arrivata dopo che Pitts è stato avvicinato da alcuni anti- # GamerGate persone sui social media. In una conversazione specifica, Pitts ha sostanzialmente riconosciuto che scrivere sull'argomento era sbagliato dopo essere stato messo in difficoltà nella cancellazione degli articoli.

Fondamentalmente, dopo che Pitts fu messo sotto pressione dalla folla indignata per rimuovere l'articolo, lo fece.

Questo è interessante perché nel documenti giudiziari recentemente pubblicati in relazione alla causa del gioco d'azzardo appassionato, Pitts ha affermato che non avrebbe rimosso o impegnato nella spoliazione delle prove, eppure solo un giorno dopo l'editoriale sull'etica è stato pubblicato è stato rimosso.

Fondamentalmente, Pitts non è stato in grado di conquistare giocatori reali alla ricerca di una vera e propria fonte di notizie sui giochi, né sono stati in grado di conquistare la folla anti-gioco che odia la cultura del gioco ma vuole un sito web orientato alla cultura. Cercando di cavalcare la linea tra i due non ha vinto loro l'affabilità di entrambe le parti.

(Grazie per la segnalazione di punta Blaugast)

Chi Siamo

Billy è stato fruscio Jimmies da anni che copre i videogiochi, la tecnologia e le tendenze digitali nello spazio di elettronica di intrattenimento. Il GJP piangeva e le loro lacrime divenne il suo frullato. Hai bisogno di entrare in contatto? Prova il Pagina contatto.

NON segui questo link o sarai vietato dal sito!