Twitter citato in giudizio da un membro del Congresso per $ 250 Milioni, presume che i divieti dell'Ombra abbiano influenzato le elezioni 2018
Devin Nunes

Il rappresentante del distretto congressuale 22nd della California, Devin Nunes, ha citato in giudizio Twitter per $ 250 milioni, per permettere ai cattivi attori di interferire con le elezioni 2018, nonché per mettere al bando i conservatori che hanno influenzato il modo in cui gli elettori hanno analizzato le informazioni sul servizio di social media.

Fox News sta segnalando che secondo una denuncia presentata nello stato di Virginia, il deputato sta cercando $ 250 milioni in danni compensativi insieme a $ 350,000 in danni punitivi da Twitter, insieme con le persone che sostiene lo hanno diffamato durante le elezioni che Twitter non ha fatto nulla riguardo .

I documenti sono disponibili per la visualizzazione su Scribd. Sfortunatamente non hanno archiviato tutti i tweet, ma le prove sono piuttosto significative. La causa della querelante indica un utente di Twitter che agisce per mano di Liz Mair, nella quale affermano di aver fatto più osservazioni diffamatorie. I tweet non sono archiviati, ma in tutto 2018 Mair ha realizzato più tweet progettati per dipingere Nunes in una cattiva luce come parte di ciò che la tuta sostiene come ricerca dell'opposizione. UN pastebin dei tweet di Mair sono archiviati per i posteri.

La tuta passa attraverso l'esaustivo background sull'attaccamento di Mair a una società di marchi e l'implicazione che Mair è stato pagato per diffamare Nunes.

C'era anche il momento clou di un altro account che in realtà aveva un sacco di tweet di alta trazione che diffondevano Nunes chiamato mamma di Devin Nunes. La mamma di Devin Nunes ha fatto più osservazioni diffamatorie su Nunes prima delle elezioni insieme al retweet di Mair.


Secondo la causa, Twitter non ha fatto nulla per frenare la disinformazione e la diffamazione diffuse dai conti, che sostiene Nunes influenzato l'affluenza alle urne, dove ha vinto solo di poco durante le elezioni dello scorso autunno.

Si sostiene che parte dell'interruzione della sua campagna non sia venuta solo dalle osservazioni diffamatorie fatte dagli account di Twitter, ma anche dalla sua incapacità di raggiungere gli elettori in modo efficace a causa di un divieto ombra da parte di Twitter.

Il documento afferma ...

"In 2018, Twitter querelante per l'ombra, al fine di limitare la sua libertà di parola e di amplificare il contenuto offensivo e odioso pubblicato e ripubblicato da Mair, Devin Nunes 'Mom, mucca di Devin Nunes, Fire Devin Nunes, Devin Nunes Grapes e altri . Il bandire l'ombra è stato intenzionale. È stato calcolato per interferire con e influenzare le elezioni federali e interferire con le indagini in corso di Nunes come membro del Comitato permanente permanente della Camera per l'intelligence. Le azioni di Twitter hanno influenzato i risultati delle elezioni. La combinazione tra il divieto di oscurità e il rifiuto di Twitter di far rispettare i suoi Termini e Regole di fronte a un comportamento abusivo e odioso chiaro e presente ha portato Nunes a perdere il sostegno tra gli elettori. Le azioni di Twitter hanno anche penalizzato l'indagine di Nunes sulla corruzione e il coinvolgimento russo nelle elezioni presidenziali 2016.

"L'uso di Twitter della sua piattaforma come portale di diffamazione da parte degli agenti politici e dei loro clienti è contrario a ogni principio della democrazia americana, incluse le garanzie sia del Primo Emendamento che dell'articolo I, § 12 della Costituzione della Virginia. Nelle parole del defunto giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti, Oliver Wendell Holmes, Jr., "se c'è qualche principio della Costituzione che più imperativamente richiede l'attaccamento di ogni altro, è il principio del libero pensiero - non il pensiero libero per quelli che sono d'accordo con noi, ma la libertà per il pensiero che odiamo ".
"Stati Uniti contro Schwimmer, 279 US 644, 654-655 (1929) (Holmes, J., dissenziente)"

Ci sono più citazioni di Twitter che censurano intenzionalmente i conservatori, qualcosa che è stato persino ammesso dallo staff di Twitter in filmati sotto copertura catturati da Project Veritas di nuovo in Gennaio del 2018.

In Luglio del 2018 Vice News ha riferito esplicitamente che Twitter stava mettendo al bando l'ombra dei conservatori di spicco dopo mesi di reclami da parte dei conservatori, osservando che erano stati ingiustamente vietati e censurati sulla piattaforma.

On Luglio 26th, 2018 La responsabile legale di Twitter e il dipartimento di Trust & Safety, Vijaya Gadde, hanno fatto un post in cui si afferma che Twitter non ha vietato l'accesso agli utenti, scrivendo ...

"Non vietiamo l'ombra. Sei sempre in grado di vedere i tweet dagli account che segui (anche se potresti dover fare più lavoro per trovarli, come andare direttamente al loro profilo). E di certo non organizziamo il divieto di ombra basato su punti di vista politici o ideologie ".

Questo non è corretto

Già nel Febbraio di 2017 hanno ammesso pubblicamente tramite un tweet che le persone venivano aggiunte a una lista di restrizione dei contenuti senza avvisarle. Quindi, efficacemente l'ombra vieta loro. Twitter ha persino ammesso pubblicamente di limitare i conti affermando in un tweet di follow-up che avrebbero informato le persone da febbraio, 2017, in avanti, perché i loro account sarebbero stati limitati / ristretti / vietati.

Ma indipendentemente da ciò che Gadde ha dichiarato a luglio, in Agosto di 2018 il Daily Caller ha riferito che i conservatori erano ancora banditi dall'ombra, con vari account conservatori bloccati senza Twitter che spiegavano perché o dando agli utenti alcuna spiegazione su quali regole violavano.

Il bando delle ombre è diventato così pervasivo che in realtà esiste un sito web Shadowban.eu che ti permette di verificare se il tuo account utente è stato bandito dall'ombra. Molti utenti sono stati banditi dall'ombra nel corso degli anni, con i loro post nascosti, i loro ID utente nascosti dalla ricerca o i loro thread nascosti.

Questo tipo di manipolazione dei contenuti può avere gravi ripercussioni sulla società, come dedotto da Nunes, il quale ritiene che l'ingerenza di Twitter possa aver influito sulle elezioni.

Non è neanche questione se Nunes abbia vinto o no, ma il fatto che le elezioni sarebbero state ingiustamente manomesse da algoritmi che tentavano di influenzare l'opinione pubblica in una direzione specifica.

Molte persone di sinistra non vedono un problema con questo finché le persone sono censurate o deplatformate sono i loro oppositori ideologici o sociopolitici. Tuttavia, come proposto in un disegno di legge dal senatore della Florida Joe Gruters, i siti di social media con più di 75 milioni di utenti registrati devono smettere di vietare e censurare utenti e contenuti su basi ideologiche invece di motivi legali.

Alcuni si sono opposti al Stop alla legge sulla censura sui social media perché credono che le mega-società come Twitter, Facebook e Google siano private e quindi possano censurare a loro discrezione. Tuttavia, come illustrato nella causa contro Twitter, quando la censura viene utilizzata per influenzare le elezioni, non è più una società privata che esercita i propri diritti, è un affare federale che riguarda la politica pubblica.

(Grazie per la segnalazione, Master Nemesis)

(Immagine cortesia principale di CBS Los Angeles)

Chi Sono

Billy è stato fruscio Jimmies da anni che copre i videogiochi, la tecnologia e le tendenze digitali nello spazio di elettronica di intrattenimento. Il GJP piangeva e le loro lacrime divenne il suo frullato. Hai bisogno di entrare in contatto? Prova il Pagina contatto.

NON segui questo link o sarai vietato dal sito!