Game Informer Australia si spegne a causa di tagli budget di GameStop
game Informer

David Milner, redattore di Game Informer Australia, ha postato un messaggio di addio ai fan e ai lettori fedeli della rivista 113 dopo che ha rivelato che il proprietario della rivista, EB Games, avrebbe ridimensionato il budget a causa della sua società madre GameStop poco performante sul mercato.

influenzare ha raccolto le notizie dall'account Twitter ufficiale di Milner, dove ha pubblicato una missiva al suo pubblico in aprile 17th, 2019.

Nel miscuglio di testo potrebbe essere difficile preenare il rumore per il bocciolo, ma la maggior parte delle cose importanti si trova nella prima immagine, dove Milner scrive ...

"Oggi è il mio ultimo giorno come direttore di Game Informer Australia. Questa non era la mia decisione.

"Il proprietario della rivista, EB Games, sta facendo tagli perché la società madre globale Gamestop non è riuscita a trovare un acquirente dopo mesi sul mercato. Il loro prezzo delle azioni ha sofferto. Questo è un risultato.

"(Per la cronaca, Game Informer Australia ha comunque venduto bene: il numero di lettori è aumentato del 19% nell'ultimo anno, ma le vendite di annunci recenti, tuttavia, non riflettono questo aspetto.)

"La versione americana della rivista sarà venduta qui invece. È una grande rivista, piena del lavoro di fantastici giornalisti, e inviterò le persone a continuare a sostenerlo. Questa decisione non ha nulla a che fare con il team statunitense di Game Informer, un gruppo che non mi ha mai fatto sentire meno di una parte della famiglia. Mi mancherà molto lavorare con loro.

"Game Informer è stata una parte importante della mia vita negli ultimi sei anni, otto se includi il mio tempo come redattore dello staff sotto la direzione di Chris Stead. Questo sarà un aggiustamento. Sono triste, malinconico, e credo, un po 'negato. "

Non tirare fuori i fazzoletti così in fretta.

Secondo Influencing, Milner ha decisamente sostenuto una politica di sinistra, con la scrittura del sito ...

"Milner, che ha aderito alla pubblicazione dopo aver vinto la sua competizione NextBigCritic in 2011, ha colto l'occasione per elencare alcuni dei suoi momenti più fieri alla pubblicazione.

"Questi includono la gestione di una cover a sostegno della comunità LGBTQI durante la campagna di uguaglianza matrimoniale di 2017, report di lunga durata su questioni che riguardano l'Australia e la sua industria dei giochi, e pagando personalmente i freelance per finire il lavoro quando il budget della pubblicazione è stato tagliato lo scorso anno."

Lo stesso Milner ha anche riconosciuto di aver spinto anche per la sindacalizzazione a livello di settore.

Ciononostante, con GameStop nella fogna finanziaria, si tratta di interrogare per quanto tempo gli Stati Uniti, la resa di Game Informer rimarrà in circolazione prima che possano staccare la spina?

(Grazie per la segnalazione di punta Blaugast)

Chi Siamo

Billy è stato fruscio Jimmies da anni che copre i videogiochi, la tecnologia e le tendenze digitali nello spazio di elettronica di intrattenimento. Il GJP piangeva e le loro lacrime divenne il suo frullato. Hai bisogno di entrare in contatto? Prova il Pagina contatto.

NON segui questo link o sarai vietato dal sito!