I giornalisti patetici del gioco si avvicinano alla modalità facile in Sekiro: Shadows Die Twice
Sekiro Shadows Die Twice

Alcuni articoli si stanno diffondendo su Internet denunciando la difficoltà e le difficoltà presenti in From Software e Activision Sekiro: Shadows Die Twice. Il più importante è di David Thier in Forbes, che ha fatto lamenti per il viaggio inquietante che ha avuto nel titolo in terza persona, hack-and-slash, Metroidvania (e sì, è molto simile a un titolo di Metroidvania).

L'articolo di Thier è stato pubblicato su Marzo 28th, 2019, intitolato "'Sekiro: Shadows Dies Twice' deve rispettare i suoi giocatori e aggiungere una modalità facile". Stava parlando a nome di se stesso e della cultura del coddle promossa dai liberali di oggi, molti dei quali credono che gli adulti adulti abbiano bisogno di "spazi sicuri" e che le parole vuote siano l'equivalente della "violenza".

Thier ha scritto ...

"È tempo, ancora una volta, di rivisitare una vecchia sega. Era vero per Dark Souls 3, era vero per Bloodborne, era vero per tutti gli altri giochi del software e continuerà ad essere vero fino all'unica conclusione accettabile: uno di questi giochi mette finalmente in una modalità facile. Questo non è ancora successo, e così eccoci qui. Sekiro: Shadows Die Twice ha bisogno di una modalità facile. Ciao, vecchia sega. Sarò onesto, non è bello rivederti. [...]

"Il fatto che questi giochi non abbiano impostazioni di difficoltà significa che solo un certo tipo di giocatore con il tempo, l'inclinazione, la velocità di reazione e la mancanza di problemi fisici vedrà mai il boss finale combattere da qualsiasi parte, ma su Twitch. Questo è un problema."

Il breve pezzo di quattro paragrafi con un tweet incorporato nel mezzo è riuscito a suscitare la reazione quando è stato presentato N4G, dove ha quasi raggiunto i gradi 1,000 in termini di calore.

Thier è stato prontamente, e giustamente, messo al suo posto da veri giocatori.

La reazione si è diffusa su Internet, tuttavia, e un gruppo di non-giocatori ha piagnucolato e pianto lacrime digitali nei loro account sui social media, artigliando e chiedendo una modalità "Facile" per soddisfare la loro mancanza di abilità.

Ma non era solo Forbes che aveva problemi con la difficoltà del gioco. PC Gamer's Anche Shaun Prescott stava sanguinando la sua virilità in tutta la pagina come una specie di macchina da scrivere mestruata la cui mascolinità era stata divisa dalla lancia di Sekiro di difficoltà. In un brano intitolato "Non finirò mai Sekiro: Shadows Die Twice", Prescott ha scritto ...

"Ci sono volute una dozzina di ore prima che decidessi che non avrei mai visto la fine di Sekiro. L'orco gigante fu sconfitto, il cacciatore di Shinobi fu ucciso. Diverse modifiche protesiche erano nella mia posizione. Avevo respinto un serpente gigante e lasciato marcire un ubriaco. Avevo fatto pressioni sufficienti per credere che forse avevo imparato la lezione che dovevo imparare, questa lezione è che dovevo essere attento e aggressivo in egual misura. Sekiro è un gioco di combinazione di istinti apparentemente in disaccordo. O forse non si tratta di questo, ed è per questo che sono cattivo. [...]

"Sono fortunato che non ho alzato la mano per recensire Sekiro. Sono stato tentato di, perché avevo completato ogni gioco Soulsborne. Ma PC Il giocatore non avrebbe una recensione di Sekiro se quel compito mi fosse caduto addosso. Forse il CEO di PC Gamer mi avrebbe licenziato, la mia famiglia mi avrebbe rinnegato, forse avrei dovuto trasferirmi e per mancanza di lavoro avrei avuto bisogno di vivere in una grotta e gradualmente diventare pazzo. Ho schivato un proiettile lì. Non ho intenzione di finire Sekiro. "

Sai cosa avrebbe fatto un vero uomo? Avrebbe messo da parte il tempo e gli sforzi per diventare bravo nel gioco invece di ammettere quanto sia debole e privo di valore. Non c'è onore nella debolezza.

Kotaku riecheggiava i punti di Thier, tuttavia, lamentando che i giocatori con dolore o disabilità cronica non erano in grado di giocare a giochi come Sekiro efficacemente, con Joshua Rivera che scrive ...

"Alcune persone che sostengono una modalità semplice in Sekiro non lo fanno solo perché rifiutano di disimparare o regolare le loro normali abitudini di gioco. Come ha scritto spesso il collaboratore di Kotaku GB "Doc" Burford, i giocatori che soffrono di dolore cronico o disabilità fisica significativa possono trovare la soglia di abilità in Giochi completamente insormontabili. "Con i miei problemi di dolore cronico e stanchezza", scrive Burford, "i pulsanti che si schiacciano rapidamente in giochi come Bayonetta o God of War possono essere fisicamente prosciugati", e il ritmo die-and-repeat che i boss di FromSoft, come la richiesta di Bloodborne di Padre Gasciogne, provoca un tremendo dolore accumularsi nella sua mano ".

Questa patetica scusa viene spazzata via dall'acqua da un giocatore disabile che è riuscito a giocare Sekiro così molto più efficacemente dei giornalisti di gioco che si sarebbe pensato che una bomba atomica con un kiloton di 15 fosse il colpevole di Kotaku che stava facendo esplodere le loro cazzate.

Esatto, anche un giocatore tetraplegico è riuscito a battere un boss ... senza una modalità facile, come riportato da Red State. Puoi controllare il video di sette minuti sotto per gentile concessione di Limitlessquad.

Blast Away The Game Review ha avuto un argomento leggermente diverso, sostenendo che il gioco aveva bisogno di una difficoltà più facile per ospitare le persone che non hanno il tempo di giocare ai buoni giochi e che dovrebbe essere facile ospitare i titoli casuali dei parchi a tema progettati per le SJW non di gioco, piace Horizon: Zero Alba e Assassins 'Creed: Odissea, La scrittura ...

"Fidati di me, sto quasi aspettando il vecchio e stanco," il giornalista non sa giocare, "beffa. Non si tratta di me, posso giocare tra i migliori di loro, ma non mi aspetto che affronti la velocità di una partita. Imparo attraverso tentativi ed errori, proprio come ho fatto con Cuphead dopo che ho dovuto imparare di nuovo come giocare ad un gioco come questo. Fidati di me, questo gioco è difficile, è il gioco FromSoftware più difficile che abbia mai giocato, ma ho progredito a un ritmo costante con il tempo a disposizione che ho al di fuori delle recensioni.

"Ma, ancora, questo non riguarda me. Riguarda gli altri, quelli che stiamo trascurando a causa della nostra mentalità di "questo è il modo in cui un gioco FromSoftware dovrebbe essere giocato" e di come ci ha incantati in veterani incalliti di tali esperienze nel corso degli anni. O forse, voglio essere in grado di condividere le mie esperienze con coloro che non possono giocare i giochi come fanno noi veterani del software. Voglio condividere i miei ricordi con loro, il mio godimento di quei giochi e persino incoraggiarli a provare maggiori difficoltà una volta che sono riusciti nei loro sforzi precedenti ".

Altri, tuttavia, divennero lividi per il facile elemosinare dalla scrub dei giornalisti.

Questi giocatori avevano la mentalità giusta.

Diamine, anche da William Hughes A / V Club ha riconosciuto che non c'era niente di sbagliato in Sekiro: Shadows Die Twice. Il problema principale era questo he succhiato al gioco, scrivendo ...

Sono convinto che da qualche parte là fuori, il perfetto giocatore di Sekiro debba esistere. Un semidio oscillante di spada intrappolato in un mondo di sventurati chud, i tempi di reazione di questa mitica bestia sono eminentemente squisiti, il loro senso di quando colpire in modo superbo. Nella loro vita quotidiana, milioni di milioni camminano davanti a loro, inconsapevoli che una mente shinobi si muove in mezzo a loro, cervello e mani perfettamente equipaggiati per abbattere un'orda di samurai malvagi con una serie di parate e scioperi perfettamente sincronizzati.

"Io non sono questa persona. Quando si tratta di Sekiro: Shadows Die Twice, l'ultimo esercizio di frustrazione compulsiva da parte di From Software, lo stesso team che ti ha regalato capolavori così potenti come il controller con i maledetti arcieri fantasma di Dark Souls III-I, per dirla senza mezzi termini , assolutamente fottutamente schifoso. "

Guarda che è quello che fa un vero uomo.

Ammette e riconosce i suoi difetti e quindi cerca di migliorarli. Non fallisce nel salire la collina e poi implorare la collina di ridurne la statura per adattarsi alla sua inettitudine fisica, migliora le sue capacità fisiche e lui - per pura volontà e potenza - conquista la collina.

Questa è la via della grandezza. Mai scendere a compromessi; migliorare sempre

Per fortuna, ci sono alcune persone con il buonsenso rimasto, come ad esempio Erik Kain Forbes, che in realtà ha scritto in favore di mantenere i giochi progettati per i giocatori reali; un passatempo costruito intorno costringendo le persone a crescere e imparare dai loro errori al fine di rafforzare la loro determinazione e rafforzare le loro capacità. Il titolo dell'articolo di Kain dice tutto, davvero ...

"No, 'Sekiro: Shadows Die Twice' Assolutamente non ha bisogno di una modalità facile"

(Grazie per il suggerimento di notizie Quickshooter)

Chi Sono

Billy è stato fruscio Jimmies da anni che copre i videogiochi, la tecnologia e le tendenze digitali nello spazio di elettronica di intrattenimento. Il GJP piangeva e le loro lacrime divenne il suo frullato. Hai bisogno di entrare in contatto? Prova il Pagina contatto.

NON segui questo link o sarai vietato dal sito!