Com'era l'articolo?

1471510cookie-checkCensura coordinata di Facebook di Milo, Alex Jones, Louis Farrakhan, criticato per il superamento
Industry News
3 maggio 2019

Censura coordinata di Facebook di Milo, Alex Jones, Louis Farrakhan, criticato per il superamento

Milo Yiannopoulos, Alex Jones, Laura Loomer, Paul Joseph Watson e Paul Nehlen sono stati tutti banditi da Facebook e Instagram. Il divieto era un affare coordinato che è stato organizzato tra Facebook e alcuni media selezionati, tra cui The Washington Post, The Atlantic, The Verge e la CNN, secondo un rapporto di Buzzfeed.

La vera notizia qui non è che tutti i suddetti individui sono stati banditi da Facebook per quello che la società ha definito "pericoloso", ma piuttosto che è stata una spinta coordinata da Facebook e dai media.

Inoltre, i divieti sono stati effettivamente eliminati DOPO sono stati annunciati.

Questo è stato chiamato da Ryan Mac di Buzzfeed, che stava twittando dal vivo mentre si stavano svolgendo gli annunci. Alcune delle persone che sono state bandite ne stavano informando i follower sui loro account su Facebook e Instagram prima che gli account venissero chiusi definitivamente.

Questo tipo di censura che scuote i cani non sfugge nemmeno al controllo di quelli di sinistra.

Il direttore del contenzioso presso l'Hamilton Lincoln Law Institute, Ted Frank, ha sottolineato l'ovvietà del coordinamento, nonché alcuni degli errori inerenti al coordinamento. In una multi-parte Thread di Twitter, Frank ha scritto ...

"Perché tutti chiamano Farrakhan" di gran lunga "? Non ho informazioni privilegiate, ma quello che è successo è abbastanza ovvio e facile da decodificare se hai visto la salsiccia prodotta nelle comunicazioni di crisi.

 

"Facebook ha un problema di pubbliche relazioni: tutti sono pazzi perché i tipi di Nazis e Alex Jones utilizzano il sito con profitto. Probabilmente i dipendenti sono persino più arrabbiati al riguardo rispetto alle pressioni esterne dei politici.

 

"Così Facebook convoca le riunioni e decide di avere una politica di eliminazione dell'estrema destra. Qualcuno ha una lista, forse selezionata da SPLC (anche se non indiscriminatamente facendo alcuni spotcneck) e altra cattiva pubblicità, forse reclami interni.

 

"Le relazioni con i media sottolineano che la politica risolve un problema di pubbliche relazioni che hanno avuto, quindi invia un briefing con embargo a un gruppo di giornalisti che li avvisano dicendo che metterà al bando molti account di estrema destra.

 

"Nel frattempo un conservatore simbolico in uno degli incontri su Facebook sottolinea che la FB sta anche affliggendo i repubblicani per il pregiudizio, e che vietare solo una parte del corridoio potrebbe creare altri problemi politici. Quindi FB trova un gettone per vietare anche chi non è affiliato alla destra, sceglie Farrakhan, lo inserisce nella lista. Ma la politica interna continua a "purificare l'estrema destra" ed è così che è stata spiegata allo staff delle comunicazioni che a sua volta lo spiega ai media.

 

"Gli addetti alle comunicazioni sono nella loro bolla della California e non cambiano la spinta del briefing anche dopo aver inserito il nome di Farrakhan nell'elenco come modifica.

 

"I media sono di fretta e prendono la descrizione al valore nominale e pappaggono il comunicato stampa senza metterlo in discussione perché è più veloce di fare reportage reali e, inoltre, perché vietare qualcuno che non è di gran lunga corretto, dal momento che tutti gli alettoni giusti sono cattivi?

 

"Aggiunta di un'attenta modifica delle copie e del bingo, più mezzi di comunicazione pubblicano simultaneamente storie e tweet e titoli che chiamano Farrakhan" all'estrema destra ". Sii felice che la camera dell'eco ricordasse anche di vietare Farrakhan come un sop per far finta che non ci fosse pregiudizio nella decisione originale “.

Frank ha ragione.

Un perfetto esempio di ciò è che il Washington Post etichettava erroneamente Louis Farrakhan come "Far-Right". In seguito hanno dovuto rettificare questo errore affrettato quando loro rilasciato una ritrattazione.

Ma non è solo il coordinamento e il volto apparente della collusione dei media a preoccupare le persone, è il fatto che vediamo con tanta disinvoltura come i media sostengano la grande tecnologia per mettere a tacere i dissidenti politici sulla narrativa tradizionale.

Un portavoce di Facebook ha anche detto CNN che gruppi, fan-page e individui che sposano elogi e supporto per le persone vietate potrebbero anche essere rimossi, con i rapporti della CNN Business ...

"In alcuni casi, quando Facebook vieta un individuo o un'organizzazione, limita anche gli altri a esprimere lodi o sostegno per loro sulle sue piattaforme, ha detto il portavoce, aggiungendo che la società continua a considerare tali azioni come l'approccio corretto. Quella politica non può tuttavia applicarsi a nessuna o tutte le persone messe al bando giovedì.

 

"Il portavoce ha aggiunto che Facebook rimuoverà gruppi, pagine e account creati per rappresentare gli individui bannati quando sa che l'individuo partecipa allo sforzo".

Questo sta già accadendo.

Il giornalista Nick Monroe ha coperto i fallout, rilevando che molte fan page o pagine correlate per coloro che sono stati colpiti dal divieto sono state rimosse.

Le ricadute di questi divieti hanno interessato alcuni più di altri.

Monroe si è collegata a un tweet di Jon Levine, l'editoriale di The Wrap, che ha notato che Laura Loomer sembra aver espresso pensieri suicidi a suo favore alla luce di essere stata messa a tacere in modo digitale dalle principali organizzazioni di social media.

Il tweet porta a un articolo su The Wrap con la citazione di Loomer, che ha scritto ...

"Qual è il punto della vita più? Vivo in un gulag digitale. Ieri ho scritto un articolo su come vivevo in un gulag digitale sul Giorno della Memoria dell'Olocausto. E oggi, anche se sono un sionista e ho dedicato la mia vita a combattere l'odio degli ebrei, questi nazisti nella Silicon Valley mi hanno messo al bando durante Yom Hashoah con avversari odiosi come Louis Farrakhan e Paul Nehlen. È disgustoso. Ma non mi aspetto niente di meno da queste persone che mi vogliono morto. Vogliono uccidermi, ma preferirei uccidermi piuttosto che lasciargli prendere il giro della vittoria. "

La parte davvero stonante di tutto ciò è che questo è in diretta opposizione alla precedente posizione di Facebook che hanno preso lo scorso anno a luglio di 2018 quando hanno detto che non avrebbero vietato le pagine per la semplice condivisione di "teorie della cospirazione" o "false notizie".

Ci sono altri che hanno suggerito di spostarsi su altre piattaforme di social media dopo essere stati disinvestiti da quelli più importanti, con il blogger e autore Mike Partyka che tentano di radunare le persone a Gab di fronte alla repressione del discorso di Facebook.

Fondamentalmente la grande tecnologia può farcela in modo da non avere voce nell'era digitale. Se sei un giornalista possono censurarti in modo che nessuno sappia delle notizie che copri. Se sei un esperto possono sopprimere il tuo discorso in modo che nessuno sappia cosa hai da dire. E se sei un dissidente politico, possono censurarti in modo da essere praticamente morto per chiunque viva la vita attraverso i media digitali.

In questo caso, Facebook sta facendo sapere che stanno facendo tutto il possibile per soffocare voci indipendenti con grandi seguiti al di fuori del mainstream come un modo per inviare un messaggio che nessuno parla è sicuro se escono dall'adesione all'ideologia sociopolitica che ora governa il mondo attraverso la politica incontrollata dei tecnocrati.

(Grazie per il suggerimento Nikos)

Altre novità del settore