Daily Caller Video racconta l'attacco stile esecuzione a una famiglia in Sudafrica

Daily Caller Boer

Il Daily Caller ha recentemente realizzato un video che racconta uno degli orribili attacchi in stile esecuzione che hanno distrutto la vita di una famiglia in Sud Africa.

Il video è stato pubblicato a giugno 22nd, 2019 sul Visitatore quotidiano Canale Youtube. È un breve video in cui compaiono solo sette minuti e mezzo, e sembra che YouTube abbia fatto un ottimo lavoro nel sopprimere il contenuto perché a malapena persone 10,000 l'ho visto fin dalla scrittura di questo articolo. Puoi vedere il video qui sotto.

Il video racconta come i Boeren, gli afrikaans bianchi, siano stati vittima di attacchi sistematici da parte di gruppi di assassini armati di machete e di assassini con le armi da fuoco.

In questo caso particolare due uomini armati si sono introdotti nella casa della famiglia bianca sudafricana, sparando al marito più volte e sparando a una delle tre figlie della casa. Hanno tentato di portare la moglie al piano di sotto, ma lei ha rifiutato, sapendo cosa sarebbe successo se fosse andata loro. Con il suo ultimo respiro, il marito li pregò di andarsene, dicendo vagamente "Per favore" prima che uno degli uomini armati fosse istruito a finirlo, con il risultato che il marito veniva colpito alla testa di fronte alla sua famiglia.

Questo è solo uno dei molti casi segnalati a proposito delle atrocità di brutali omicidi, stupri, smembramenti, immolazioni ed esecuzioni che si sono verificati negli anni proprio contro il bianco Boeren, noto anche come proprietario di un'azienda agricola.

Nel caso sopra i rapinatori hanno preso solo i telefoni cellulari per impedire alla famiglia di chiamare la polizia, ma non hanno rubato altro, portando molti a credere che si trattasse di un'esecuzione basata sulla razza piuttosto che di una rapina standard. Secondo un rapporto del Australian Broadcasting Corporation tornando ad aprile 12th, 2018, ci sono stati omicidi in fattoria 71 l'anno precedente, ma ciò non ha contato tutte le violenze che hanno colpito i proprietari delle fattorie dove sono stati terrorizzati o perseguitati, ma nessuno è stato ucciso.

Le informazioni in quel pezzo sono leggermente diverse da quelle presentate in un pezzo separato dal AFP, che ha riferito che in 2017 c'erano più omicidi di 80 che avevano avuto luogo in tutto il Sudafrica.

Sono state istituite pattuglie comunitarie per collaborare con la polizia al fine di ridurre la violenza, ma non ha ancora impedito l'escalation di attacchi mirati.

Per molto tempo questi attacchi sono stati imbavagliati dai media, tentando di minimizzare le motivazioni razziali degli aggressori o nascondere le identità degli autori e delle vittime, come il rapporto di Enca su Marzo 18th, 2015, dove un duplice omicidio sull'autostrada che si è concluso con l'incendio del veicolo della vittima è stato spazzato via come un "incidente stradale apparente".

Un incidente quasi identico si è verificato anni dopo, più volte in una settimana. Ancora una volta le identità delle vittime e degli autori sono state mascherate, con Times Live che speculava in un pezzo pubblicato su 19 Aprile 2018 che era potenzialmente parte di un sindacato di "rapimento internazionale", ma non forniva prove né rapporti di conferma a sostegno di quell'ipotesi.

E, come un orologio, anche un altro anno dopo ha tentato di mascherare il problema, con 9news in Australia che ha volutamente offuscato i doppi omicidi di Johanco Fleischman di 19 e Jessica Kuhn di 21, una coppia che è stata uccisa sulla strada in Sud Africa. In un rapporto pubblicato su 28 maggio 2019 lo staff di 9News ha affermato che si trattava di minatori illegali "che hanno commesso il crimine, rifiutando di identificare ulteriormente i perpetratori o gli altri due passeggeri che viaggiavano con Fleischman e Kuhn. Questo tipo di soppressione dei fatti è stato definito da YouTubers come Voltaire.

Tuttavia, fu The Sun a rivelare che erano tre uomini armati neri che abbatterono Fleischman e Kuhn, ma risparmiarono gli altri due passeggeri che erano due operai neri che stavano cavalcando con la coppia bianca.

Il rapporto di The Sun, che è stato pubblicato il 27 maggio 2019 un giorno prima del pezzo di 9News, ha rivelato che i testimoni hanno dichiarato che l'attacco sembrava motivato da motivi razziali, un dettaglio che mancava completamente ad alcuni degli altri rapporti provenienti da alcuni siti di notizie mainstream.

Molti ritengono che i media più ampi abbiano un blackout su questa notizia. In effetti, ci sono alcuni punti vendita come l'Huffington Post che la chiamavano una "teoria del complotto razzista" in un pezzo pubblicato su Agosto 23rd, 2018.

Prese di sinistra come Snopes ha anche pubblicato false informazioni sugli omicidi della fattoria, anche contro i rapporti ufficiali della polizia, mostrando una carta che affermava che tra 2017 e 2018 si sono verificati solo omicidi 47, che è quasi la metà di quanto dichiarato dalla polizia ufficiale.

Snopes ha anche affermato che non ci sono stati omicidi su larga scala di agricoltori bianchi, notizie che probabilmente sconvolgerebbero le persone che hanno effettivamente sopportato e sopravvissuto ad alcuni di questi attacchi, come raffigurato in un Sky News pezzo pubblicato il mese di giugno 4th, 2018, molto prima che Snopes pubblicasse il loro pezzo su August 24th, 2018.

Il pezzo di Sky News fa notare che la violenza non si sta muovendo solo in una direzione, e alcuni neri sono anche sul lato ricevente di attacchi motivati ​​dalla razza. Tuttavia, lo smembramento brutale, gli stupri, le torture e le esecuzioni dei contadini vanno al di là del meschino comportamento criminale.

I media più ampi che minimizzano la sofferenza di questi agricoltori che sono diventati vittime di violenze a sfondo razziale non è dissimile dal blackout mediatico delle due lesbiche che hanno mutilato i genitali di un bambino di nove anni, lo hanno smembrato e bruciato mentre era ancora vivo, e finalmente si è tagliato la testa. Google, per un certo periodo, ha persino impedito che le notizie comparissero nel motore di ricerca come un tentativo di sopprimere la storia.

Questo tipo di censura sui crimini efferati e sulle notizie del mondo legate alla violenza dovrebbe essere problematico per tutti, soprattutto dal momento che Google dovrebbe essere un motore di ricerca, ma agisce come un editore guidato da una ideologia con un programma da mantenere. È un disservizio per le vittime di questi crimini e per chiunque cerchi informazioni su questi eventi.

(Grazie per il suggerimento Webbster64)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.