Square Enix predice l'avvio lento per lo streaming, potrebbe conquistare i nuovi arrivati

È facile dimenticare che Square Enix è uno degli editori più sperimentali in circolazione, che lavora con una vasta gamma di team, piattaforme e modelli di distribuzione per raggiungere i giocatori ovunque e comunque si divertano a giocare. E mentre l'editore è decisamente interessato allo streaming di giochi, il presidente Yosuke Matsuda non vede l'industria fare un cambio digitale completo in qualsiasi momento.

In un recente intervista con Game Industry Biz, Matsuda ha coperto tutto, dai progetti in arrivo a quello che succede dietro le quinte di Square Enix per preparare meglio l'editore per il futuro dei giochi, indipendentemente dalla direzione che potrebbe portare. È un'intervista piuttosto lunga e merita assolutamente una lettura per chiunque sia interessato ai meccanismi interni dell'industria.

Uno dei principali aspetti della chat è che Matsuda non si aspetta di vedere lo streaming dei giochi diventare la "prossima grande cosa" nel prossimo futuro. I suoi sentimenti sulla questione sono in realtà un po 'più sfumati di questo, e porta un po' di peso in più poiché è il capo di una società che sta letteralmente gettando tutti gli spaghetti contro il muro per vedere cosa si attacca. Hanno importanti progetti AAA provenienti da studi interni e partner, stanno lavorando con più piccoli studi e sviluppatori indipendenti, hanno avuto un MMORPG di grande successo e un forte punto d'appoggio nel mercato della telefonia mobile, e sono anche riusciti a portare una versione streaming di Resident Evil VII allo Switch in Giappone.

Nell'intervista, Matsuda parla di Google Stadia e del servizio xCloud di Microsoft, qualcosa a cui è molto interessato. Tuttavia, osserva che è più probabile che "raggiungano nuovi clienti" piuttosto che portare i giocatori attuali a un futuro in cui tutto è in streaming. Anche allora, però, è chiaramente diffidente nell'andare in full-tilt nel business dello streaming.

Spero molto che lo streaming di cloud venga lanciato con successo ... Poiché questo sarà altamente dipendente dall'infrastruttura internet, non credo che decollerà immediatamente.

Matsuda continua dicendo che non si aspetta la console attuale e PC i giocatori improvvisamente salpano per lo streaming per tutte le loro esigenze di gioco. Egli osserva che entrambe le piattaforme offrono attualmente un "ambiente molto stabile e ottimo" e che lo streaming dovrebbe raggiungere lo stesso livello prima di convincere i giocatori di vecchia data a fare qualsiasi tipo di cambiamento. Ma per gente che tradizionalmente non gioca e cerca un'opzione snella e conveniente con meno hardware / dischi / ecc. Matsuda sostiene che lo streaming potrebbe finalmente portare alcuni nuovi giocatori nella piega.

Con il lancio di Stadia entro la fine di quest'anno e le nuove console che non stanno per scadere fino a 2020, ci vorranno alcuni anni per valutare il successo o il fallimento dello streaming. In ogni caso, sarà un momento interessante nella storia del gioco da tenere d'occhio.