Google è stato citato in giudizio da Tulsi Gabbard per la sospensione dell'account pubblicitario a seguito del dibattito democratico

Tulsi Gabbard

La censura di Google ha occupato per lo più titoli in relazione alla repressione a tema partigiano che hanno distribuito contro i conservatori, ma come tutte le forme di autoritarismo alla fine esce fuori dalla sua lettiera politica e inizia a colpire presunti "alleati" tanto quanto fa i suoi nemici, come quando il commentatore di notizie politiche liberali Tim Pool è stato influenzato dalle tecniche di soppressione di Google, come rivelato da Project Veritas. In questo caso, democratico presidenziale promettente Tulsi Gabbard è stato in fase di ricezione delle macchinazioni di censura di Google, quindi ora sta facendo causa a Google per $ 50 milioni.

Gabbard non sta solo facendo causa per aver bandito il suo account pubblicitario, ma anche per aver intromesso Google nelle elezioni e giocare ai favoriti. Apparentemente Gabbard non è abbastanza kosher per i gusti di Google in chi vuole spostare il presidente Donald Trump alle elezioni di 2020. Ha pubblicato un thread di tweet su 25th di luglio, 2019 spiegando la situazione.

Sul sito Web di Tulsi 2020 c'è un post sul blog dello staff della campagna di Gabbard che legge ...

“Su 28th di giugno, 2019 nelle ore immediatamente successive al primo dibattito presidenziale democratico, milioni di americani stavano cercando online informazioni su Tulsi Gabbard. In effetti, secondo diverse notizie, Tulsi era il candidato più cercato su Google. Quindi, senza alcuna spiegazione, Google ha sospeso l'account Google Ads di Tulsi.

 

“Per ore, l'account pubblicitario della campagna di Tulsi è rimasto offline mentre gli americani dappertutto cercavano informazioni su di lei. Durante questo periodo, Google ha offuscato e dissimulato da una serie di ragioni incoerenti e incoerenti per le sue azioni. Alla fine, Google non ci ha mai spiegato perché l'account di Tulsi è stato sospeso. "

Questo è stato seguito da un brano del New York Times, che ha coperto la causa di Gabbard contro Google per ingerenze elettorali e danni che ammontano a un minimo di $ 50 milioni.

Joe Castaneda, un portavoce di Google, ha rilasciato una dichiarazione alla pubblicazione, dicendo ...

"In questo caso, il nostro sistema ha innescato una sospensione e l'account è stato ripristinato poco dopo. Siamo orgogliosi di offrire prodotti pubblicitari che aiutano le campagne a connettersi direttamente con gli elettori e lo facciamo senza distorsioni nei confronti di qualsiasi partito o ideologia politica ".

Questo è in realtà falso in base a ciò che è stato catturato un dirigente di Google ammettendo a Project Veritas in una puntura sotto copertura, dove è stato rivelato che l'algoritmo di Machine Learning Fairness è stato ottimizzato per adattarsi ai risultati di ricerca, ai suggerimenti e al fondo in base a ciò che i dipendenti di Google ritengono essere "equi" piuttosto che qual è la vera verità.

Nel video è stato rivelato che Google avrebbe impedito un'altra "situazione di Trump" e che avrebbero usato qualsiasi mezzo possibile per farlo, compresi i modi di social engineering per truccare il voto, simile a quello che hanno tentato di fare in 2016 e ancora in 2018, come scoperto in uno studio di Professor Robert Epstein.

Anche Tim Pool ha esclamato Google nel suo ultimo video su Gabbard citando in giudizio il gigante della tecnologia.

Gabbard è almeno abbastanza esperto da riconoscere che si tratta di una questione non partigiana e che il dominio di Google non riguarda solo il mercato della ricerca ma anche la nostra vita quotidiana, che comprende tutto, dall'intrattenimento alla politica, deve essere ridotta.

Nel post del blog, il team di Gabbard spiega ...

"Google controlla l'88 percento di tutte le ricerche su Internet negli Stati Uniti, essenzialmente fornendo il controllo sul nostro accesso alle informazioni. Questo è uno dei motivi per cui Tulsi è stato un sostenitore vocale della rottura dei monopoli tecnologici. E non importa quale sia stata la motivazione per farlo, la decisione arbitraria e capricciosa di Google di sospendere l'account Google Ads di Tulsi durante un momento critico della nostra campagna dovrebbe preoccupare tutti i candidati politici e in effetti tutti gli americani. Perché se Google può fare questo a Tulsi, un veterano del combattimento e membro del Congresso di quattro mandati che è in corsa per l'ufficio più alto della nazione, Google può farlo a qualsiasi candidato, di qualsiasi partito, che corre per qualsiasi ufficio negli Stati Uniti."

Hanno aggiunto l'enorme enfasi per riportare davvero il punto a casa.

In questo momento il presidente Trump lo è avere incontri con la grande tecnologia e esaminando l'esplorazione delle opzioni normative per l'esercizio contro Google, Facebook e Twitter. Secondo quanto riferito dal Dipartimento di Giustizia, inoltre, è stata avviata un'indagine antitrust sulle grandi tecnologie Wall Street Journal, ma non si può davvero dire se ne verrà fuori qualcosa o se sarà solo più aria calda e postura.

Inoltre, anche se Gabbard vince la causa da $ 50 milioni contro Google, non farà comunque nulla per combattere la manipolazione della ricerca, la manipolazione dei voti, l'ingerenza nelle elezioni e l'ingegneria sociale.

(Grazie per la segnalazione di Mugen Tenshin)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.