I segni "Free Hong Kong" dei fan della NBA sono stati confiscati al gioco dei maghi
NBA Hong Kong

I fan che hanno partecipato a una partita dei Maghi contro i Loong Lions di Guangzhou presso la Capital One Arena di Washington, DC, sono stati confiscati dai segni di sicurezza. Perché? Perché uno dei cartelli diceva "Google Uyghurs" mentre l'altro diceva "Free Hong Kong".

utente Twitter Jon Schweppe pubblicato l'incidente su Twitter 9th di ottobre, 2019.

Puoi vedere la seconda clip di 47 qui sotto, dove la sicurezza dice ai fan che dovrà prendere il loro segno o che dovranno metterlo via ... in modo permanente. La sicurezza ha finito col prendere il segno mentre stava suonando l'inno nazionale degli Stati Uniti. Quindi, mentre presumibilmente celebravano la libertà dell'America prima dell'inizio del gioco, hanno continuato a censurare i fan dal diffondere un messaggio di libertà per Hong Kong.

Non hanno riscontrato problemi nel suonare l'inno nazionale per celebrare la libertà dell'America, ma poi si sono voltati e hanno censurato i fan dalla promozione della libertà per un gruppo di persone oppresse ... while stava suonando l'inno nazionale.

C'è molta marmellata di ironia racchiusa in quei secondi 47.

Ma non è finito lì.

Dopo che la guardia di sicurezza nera ha confiscato il cartello "Free Hong Kong", il duo ha continuato a lanciare un cartello "Google Uyghurs". Il piccolo cartello era uscito per poco tempo prima che arrivasse qualcun altro e lo confiscasse.

Tentarono di ragionare con quell'uomo, ma senza successo.

Sono sorti alcuni argomenti sui diritti dei fan nelle arene e negli stadi, con alcune persone che sostengono che, poiché molte arene sono pagate con fondi pubblici, ciò li rende più pubblici che privati. Tuttavia, all'interno di uno dei thread è stato sottolineato che nel caso della Capital One Arena, è stato finanziato privatamente da Abe Pollin, come riportato dal Il Washington Post dal retro in 1997.

Ciò confonde la discussione su dove i cittadini possano esercitare la loro libertà di parola, specialmente quando le società private vengono incanalate nel mix.

Tuttavia, l'NBA ha represso ogni tentativo di trasmettere o promuovere messaggi di libertà durante le partite di basket. Ad esempio, in un gioco 76ers una coppia fu espulsa per aver gridato "Free Hong Kong!"

L'NBA ha anche fatto rimuovere a un direttore generale un tweet a sostegno della liberazione di Hong Kong.

Sono state anche aziende come Blizzard spingendo pesantemente per la censura, arrivando persino a sospendere a pietra del focolare campione per un anno per aver urlato "Free Hong Kong!" durante un'intervista post-partita. Hanno anche licenziato i due commentatori solo per essere sullo stesso flusso del giocatore quando ha urlato la frase.

A peggiorare le cose, Blizzard si è scusato con lo stato della Repubblica Popolare Cinese e ha condannato coloro che promuovevano le proteste a Hong Kong.

Questo nonostante il fatto che la brutalità della polizia contro i manifestanti stia crescendo e che la violenza venga utilizzata per reprimere il discorso e spezzare gli spiriti dei residenti di Hong Kong.

In una clip vediamo la polizia che picchia brutalmente su un manifestante, mentre in una seconda clip vediamo una studentessa universitaria che racconta come lei e altri sono stati abusati sessualmente in una stanza buia dalla polizia di Hong Kong.

Questo è il tipo di comportamento che Blizzard e l'NBA stanno abilitando e proteggendo, il tutto punendo le persone che si oppongono alla censura e alla corruzione dello Stato.

Le buffonate di Blizzard sono state trasmesse così ampiamente in rete che anche alcuni politici se ne sono accorti della loro difesa della RPC e li ha chiamati per questo.

Tuttavia, non sembra che l'NBA né Blizzard si arrenderanno dal sostenere le politiche di censura della Cina, e sembra che stiano diffondendo quelle politiche negli Stati Uniti al fine di mantenere un buon rapporto con lo Stato nella Cina continentale.

(Grazie per la segnalazione di Mugen Tenshin)

Chi Siamo

Billy è stato fruscio Jimmies da anni che copre i videogiochi, la tecnologia e le tendenze digitali nello spazio di elettronica di intrattenimento. Il GJP piangeva e le loro lacrime divenne il suo frullato. Hai bisogno di entrare in contatto? Prova il Pagina contatto.

NON segui questo link o sarai vietato dal sito!