L'ultima parte di noi 2 è stata ispirata dall'educazione di Druckmann in Israele
Neil Druckmann - Ebreo

Neil Druckmann ha partecipato a un tour de force per fornire quante più informazioni possibili ai media durante una sessione demo di The Last of Us Part II ciò ha sostanzialmente assicurato che nessun giocatore normale sarebbe stato in grado di connettersi con il prossimo sparatutto cinematografico.

In Hollywood Reporter's rivisitando l'evento mediatico, hanno notato che l'ispirazione dietro il titolo di vendetta lesbica cruenta è venuta dall'educazione di Druckmann in Cisgiordania quando è cresciuto in Israele. L'articolo spiega ...

“La storia di The Last of Us Part 2 è ispirata a eventi del mondo reale, afferma Druckmann. Nato in Israele, il regista è cresciuto in Cisgiordania, un fatto, dice, che lo rende molto familiare con una parte del mondo di cui si guarda e si parla con questo concetto di "ciclo della violenza".

"'Volendo esplorare questi temi e renderli rilevanti per le persone che hanno provato qualsiasi tipo di odio nella loro vita e cercare di riflettere su ciò è diventato davvero interessante', spiega Druckmann.”

Se ciò non ha sollevato alcuna bandiera rossa, Druckmann premette ulteriormente, come uno stivale borghese sulla gola di un povero.

Ha scosso un aneddoto non confermato dopo la sua decisione di costringere Ellie a una relazione romantica con un'altra donna, raccontando lo sbocco ...

"Sembrava che [Ellie e Riley] fossero solo amici, la storia avrebbe funzionato a un livello, ma se ci fosse un altro livello romantico, avrebbe reso la storia molto più interessante",

"Ho avuto fan che mi venivano incontro e mi dicevano:" Grazie, il tuo gioco mi ha aiutato a venire fuori dai miei genitori ". Queste cose sono umili e stimolanti, ma non ci pensiamo come, ehi, facciamo un grande impatto sul settore. Penso che ciò avvenga in modo organico mentre raccontiamo storie con personaggi più interessanti e unici "

In altre parole, convincere le persone a sentirsi a proprio agio con la propaganda.

Se non ti sentivi a tuo agio a dirlo ai tuoi genitori prima di essere influenzato dai media, significa che i media stanno modellando la tua bussola morale, che dovrebbe inviare bandiere rosse a tutti quelli che leggono le righe di Druckmann.

Sfortunatamente, troppe persone sono già avvolte nella coltre di pane del negozio di panetteria del postmoderno, chow sul bastoncino di carne all'interno che li influenza a pensare che tutto ciò che la sinistra sta facendo sia a posto.

Parlare contro la propaganda ti dà delle etichette come "bigotto" o "sessista" o "razzista" o "transfobio", quando in realtà non vuoi essere predicato da persone che esistono in un regno al di fuori della normalità.

Tuttavia, aspettatevi che i media continuino a riversare un sacco di elogi The Last Of Us Part II, che potrebbe essere o meno uno sparatutto di vendetta lesbica dato che non sappiamo ancora esattamente se Ellie si vendicherà di Dinah, o se forse Joel è la persona che muore e lei si vendica di lui mentre si occupa del suo fantasma come aiutante durante il viaggio. Alla fine scopriremo quando The Last of Us Part 2 lancia 21st di febbraio, 2020 per il PS4 e PS4 Pro.

(Grazie per il suggerimento LupinIII)

Chi Siamo

Billy è stato fruscio Jimmies da anni che copre i videogiochi, la tecnologia e le tendenze digitali nello spazio di elettronica di intrattenimento. Il GJP piangeva e le loro lacrime divenne il suo frullato. Hai bisogno di entrare in contatto? Prova il Pagina contatto.

NON segui questo link o sarai vietato dal sito!