Nintendo difende la loro politica di non rimborso in tribunale

Notizie da Germania ha rivelato che Nintendo è attualmente impegnata in una battaglia legale presso il tribunale distrettuale di Francoforte per difendere la loro "politica di nessun rimborso" nell'Unione europea. Il Consiglio dei consumatori norvegese, che aveva precedentemente incaricato Nintendo di emettere rimborsi per i preordini, ha intentato causa contro Nintendo dopo aver valutato i peggiori diritti dei consumatori.

Il centro della controversia legale è quando inizia la "prestazione" del prodotto. I consumatori, i giocatori o in altro modo insieme al Norwegian Consumer Council sostengono che inizia quando i giocatori sono in grado di giocare e non un momento prima. Nintendo in contrasti sostiene che la performance inizia nel momento in cui il pagamento è completo, indipendentemente dal fatto che il giocatore abbia la capacità di giocare effettivamente.

Il Consiglio dei consumatori della Norvegia è molto fiducioso che emergeranno vittoriosi nei successivi procedimenti giudiziari.

"Crediamo chiaramente che i consumatori abbiano il diritto di ritirarsi da un pre-lancio prima del lancio e di riavere i soldi", il consulente legale Thomas Iversen

Ciò che è significativo in questo caso è che se Nintendo viene giudicato colpevole, il caso andrà nell'UE per un'interpretazione. L'Unione Europea ha un sistema legale universale, quindi se una decisione viene presa in uno Stato membro, diventa un precedente in tutta l'Unione Europea.

Per un esempio di questo in pratica, McDonald's ha portato la catena di fast food irlandese Supermac's in tribunale per una violazione del marchio all'inizio di quest'anno. Il verdetto è emerso che Supermac non ha violato le leggi sui marchi e successivamente McDonald ha perso il marchio per i Big Mac in tutta l'UE, come riportato da Reuters.

(Sì, questa immagine è reale e tratta da un Burger King nell'UE)

Per questo motivo Electronic Arts o qualsiasi altra società non ha combattuto gli sforzi nazionali per regolare i bottini come gioco d'azzardo. Come qualsiasi verdetto che ha dimostrato in tribunale, il gioco d'azzardo sarebbe diventato legge in tutta l'Unione europea. Pertanto, se Nintendo perde la causa legale, i consumatori godranno di un vantaggio per le loro protezioni nell'UE poiché è codificato in legge che tutti i preordini devono essere rimborsabili fino alla consegna del prodotto in uno stato giocabile. Bene, se sono intelligenti, includono la clausola "stato giocabile", in quanto consentirebbe i rimborsi dopo il lancio se il gioco dovesse essere avviato in modo non funzionante.

Come è iniziato il caso su 14th il verdetto potrebbe essere tra un giorno o un mese. Ti terremo aggiornato quando il verdetto verrà finalmente abbandonato.

(Grazie per il suggerimento Ebicentre)

Chi Siamo

Ribollendo il caos dei giochi, Kevin ha trascorso un'intera vita a giocare e fare pipì.

NON segui questo link o sarai vietato dal sito!