L'Hangout di Antifa Portland, Cider Riot, si sta chiudendo

Cider Riot, lo stabilimento di Portland spesso utilizzato da Antifa come sede di pianificazione e messa in scena ha annunciato che chiuderà a novembre 10th, come riportato da Oregon in diretta. Il proprietario dell'establishment Goldman-Armstrong ha rapidamente accusato il declino della sua attività nel gruppo di attivisti di destra Patriot Prayer, che ha affermato di aver causato alla sua struttura una reputazione insicura, causando un forte calo delle presenze della gente del posto.

I fatti reali del caso rivelano una storia completamente diversa per quanto riguarda la fine dell'establishment. In primo luogo, il proprietario ha effettuato costose espansioni in 2016 che avrebbero richiesto alla maggior parte delle aziende di operare a un certo livello di efficienza per pagare. Invece, il proprietario Goldman-Armstrong ha optato per un tribunale senza fine accusando il gruppo terroristico domestico Antifa e trascorrendo le sue giornate concentrandosi maggiormente sulle proteste piuttosto che sulla gestione dei suoi affari.

Quando scoppiò la rissa di maggio tra Anfifa e Patriot Prayer, l'azienda aveva da tempo una reputazione negativa tra i locali per la sua insicurezza a causa della costante presenza di Antifa. Per quanto il proprietario amerebbe appuntare tutto ciò sulla preghiera dei patrioti, la sua reputazione è stata a lungo consolidata agli occhi della gente del posto.

quando regolatori sono venuti per indagare sulla rissa che avevano una visione decisamente diversa rispetto ai media e al signor Goldman-Armstrong. Dai video hanno stabilito che era Antifa a essere gli aggressori, insieme al personale del bar, e non viceversa. Inoltre hanno notato che l'Antifa era equipaggiata con armi illegali che utilizzavano contro i loro avversari.

Di fronte agli investigatori, il proprietario procedette a rivendicare che Antifa, che aveva avviato le ostilità, si stava solo difendendo. Gli investigatori non ne hanno avuto nulla e hanno documentato che dalle prove video messe a loro disposizione gli aggressori erano l'Antifa.

"Goldman-Armstrong ha affermato che i suoi clienti agivano solo per legittima difesa, ma chiaramente, secondo il video, era presente e guardava mentre i clienti mostravano un comportamento aggressivo".

- Genny Welp, ispettore dell'Oregon Liquor Control Commssion

Gli investigatori hanno anche chiesto perché Goldman-Armstrong non abbia sfrattato gli occupanti con armi illegali a cui il suo avvocato ha risposto:

“Non è chiaro cosa OLCC avrebbe voluto fare il mio cliente. Volevano che Abe fosse sia una forza di polizia individuale che un buttafuori, mentre stava trattando un piccolo ospedale di triage nel suo sidro? "

L'indagine si è conclusa raccomandando molteplici accuse amministrative contro Goldman-Armstrong. Probabilmente risultante, tuttavia, non confermato nella revoca della sua licenza di liquore o nella lotta per mantenerla, insieme a multe. Sebbene ciò non possa essere confermato, coloro che operano nel settore dei servizi possono attestare quanto sia competitivo acquisire il numero spesso limitato di licenze per liquori. Ancora una volta dato che c'è poco seguito che è pura supposizione da parte nostra basata su pratiche industriali comuni, non su fatti dichiarati.

Ciò che è noto è che l'establishment era ampiamente in dipartimento e si è sviluppato una reputazione per non essere sicuro. Chiaramente se Antifa, che frequentemente frequentava lo stabilimento, era in possesso di armi illegali e data la sua natura estremamente aggressiva, questo non è un sentimento infondato. Alla fine Cider Riot è stato all'altezza del suo nome e si è guadagnato un posto come un altro esempio di come svegliarsi e andare in rovina.

NON segui questo link o sarai vietato dal sito!
~