Netflix ha pagato per viaggi costosi per i recensori di film che non sono riusciti a divulgare i viaggi

Corruzione della dolemite

Circolano notizie secondo cui Netflix ha pagato viaggi e regali sontuosi per i revisori dei migliori punti vendita in vista dei Critics Choice Awards, messi in onda sulla rete CW. I viaggi hanno aiutato a vincere nab per i film nominati come Netflix L'irlandese da Martin Scorcese e Mi chiamo Dolemite.

Roba ha diffuso la storia del Washington Post, il quale ha riferito che, in forma anonima, hanno scoperto che i giornalisti che lavoravano in alcuni dei migliori punti di intrattenimento e recensioni cinematografiche avevano pagato tutte le spese per The Four Seasons, Beverly Hilton e il JW Marriott Essex House di New York.

Come notato nell'articolo ...

"Un membro del [Critics Choice Award] che ha accettato un viaggio per I due papi ha affermato che includeva biglietti aerei per Los Angeles, una colazione con i registi, i biglietti per una premiere al TCL Chinese Theatre di Hollywood e un soggiorno al Beverly Hilton, l'hotel dove Si svolgono i Golden Globes. Circa 40 di queste persone erano in viaggio, ha detto la persona, che ha chiesto di non essere identificata perché la persona non voleva essere conosciuta per averla presa.

"Il membro ha detto che il viaggio non ha influenzato il voto di Critics Choice della persona."

I Golden Globe e gli Oscar hanno regole più rigide per quanto riguarda il consorzio tra nominati e giudici. L'articolo sottolinea che è verboten per i due flussi di attraversare percorsi. Tuttavia, i Critics Choice Awards non hanno quelle regole in vigore, e quindi Netflix sta facendo tutto ciò che è in suo potere per pagare il privilegio di essere messo in primo piano come centro di potere pluripremiato dai Critics Choice Awards, che andrà in onda il 12 gennaio 2020.

YellowFlash ha fatto un video sulla corruzione, sottolineando quanto sia diventata corrotta l'industria.

Il Washington Post ha anche rivelato che questo è diventato uno standard tra l'élite della Silicon Valley e che i viaggi e i regali dei Critics Choice Awards sono stati solo uno dei tanti premi sontuosi assegnati a revisori e giornalisti che coprono il mezzo di intrattenimento ...

“Quest'anno Post ha appreso almeno quattro di questi viaggi. Tutti includevano soggiorni in hotel di fascia alta e incontri privati ​​con registi e star, secondo tre persone che hanno partecipato o hanno familiarità con gli eventi ma non erano autorizzate a parlarne pubblicamente.

"Le interviste con 10 dirigenti di studio, consulenti per il premio ed esperti - molti dei quali hanno parlato a condizione di anonimato a causa della sensibilità della questione - suggeriscono che i viaggi per i membri della Critics Choice Association sono diventati un punto di infiammabilità per un settore recentemente assillato dal profondo silicio Giocatori della valle "

Il giornalista di e-sport Richard Lewis ha denunciato questi punti vendita per il loro comportamento non etico, osservando che la loro mancanza di divulgazione e la corruzione è ciò di cui i giocatori avevano avvertito il grande pubblico dal 2014.

È particolarmente frustrante perché eventi come #GamerGate sono ancora costantemente travisati nei media, come il suo aspetto in Plague Inc.Lo scenario di notizie false.

Ma come confermato al Washington Post da Kathleen Culver, la direttrice del Center for Journalism Ethics dell'Università del Wisconsin-Madison, la gente non si fida più dei media perché sono notizie false ...

“Lo stai vedendo in così tante sfere in cui la fiducia nel giornalismo sta diminuendo. Voglio dire, il 60% degli americani pensa che i giornalisti siano pagati dalle loro fonti ”, ha detto citando un recente studio del CJR.

“Se un critico viene portato a Los Angeles e alloggia al Four Seasons, i consumatori si chiedono se sono diventati uno strumento promozionale del settore. Quando sei un critico verrai pagato per la tua opinione e ciò di cui il pubblico ha bisogno è che la tua opinione sia degna di fiducia. E se un recensore sta dando un'opinione su "Storia del matrimonio" e stanno ricevendo regali sontuosi da Netflix, il pubblico lo troverà meno affidabile. "

Sarebbe bello se questo portasse direttamente a un momento di Get Woke, Go Broke, ma Netflix è ancora un po 'troppo grande perché anche questo scandalo possa danneggiare.

Tuttavia, se le persone continuano a cauzione sul loro abbonamento e fuggono in acque meno perverse, come riportato dal New York Times, poi alla fine le buffonate svegliate di Netflix li porteranno al fallimento finanziario ... e a quel punto, possiamo finalmente aggiungerli al loro meritato posto sul Ricevi Woke, Go Broke Master List.

(Grazie per il suggerimento di notizie Wondy Bergers)

NON segui questo link o sarai vietato dal sito!
~