Evil Hat Games: "Non mi piace la nostra politica, non comprare i nostri giochi"

Sviluppatore da tavolo recente Evil Hat Games ha scelto di segnalare la propria virtù informando le persone che stanno cambiando l'impostazione del mito di Cthulhu per renderlo più "vario", "inclusivo" e meno razzista. Se rimani a grattarti la testa su chi sono i giochi di Evil Hat, probabilmente è perché al di fuori di questa polemica non sono nessuno e svaniranno rapidamente in un'oscurità più profonda dopo che questa polemica si è esaurita.

Dopo aver fatto il tweet, il thread è stato inondato dal solito gruppo di segnalatori di virtù che non continuano mai ad acquistare alcun prodotto. Eppure, tra i cori che cantavano “Stunning and Brave” c'era l'attuale base di clienti che diceva loro di piegarsi efficacemente.

Apparentemente a nessuno importa davvero cosa faccia una società oscura con un IP open source che la più ampia comunità lovecraftiana ora ignorerà a causa della mancanza di rispetto che gli pagano.

Altri hanno lasciato cadere alcuni saggi consigli che purtroppo probabilmente non saranno rispettati dalla maggior parte delle persone.

Rispondendo a quelli con denaro, Evil Hat Games ha deciso di dire alle persone che non erano d'accordo con il loro revisionismo culturale e hanno svegliato l'agenda per non acquistare il loro prodotto. Una strategia che ha funzionato così bene per Electronic Arts con Battlefield V quando hanno detto a quelli contro l'agenda progressiva svegliata di semplicemente non acquistare il loro gioco, che ha portato al titolo sotto-prestazioni sul mercato.

Evil Hat Games continuerebbe a dimostrare quanto sono dalla parte giusta della storia, indicando la crescita significativa delle metriche per il tweet.

Nel processo hanno anche dimostrato come possiedano una completa mancanza di comprensione riguardo al marketing o persino la fattibilità del marketing sui social media per guidare una parte significativa delle vendite al di fuori del passaparola.

L'impegno di Tweet non equivale alle vendite.

Molti commettono l'errore di credere che "non esiste una cattiva pubblicità". Questo è categoricamente falso dal punto di vista del marketing. Le cattive pubbliche relazioni costano milioni di aziende e la suddetta Electronic Arts arriva fino al budget extra per contrastare la loro cattiva immagine.

Sarebbe più accurato dire: se hai un buon prodotto, ma non ne riceverai attenzione, allora non esiste una cattiva pubblicità. Dato che la pubblicità deriva da un reclamo parzialmente falso, esagerato o altrimenti insignificante o proviene esclusivamente da non clienti. Questo è ciò che spinge il marketing oltraggioso poiché segnala il potenziamento dei prodotti sui social media e, infine, i media che sembrano apparire alla moda con i mob attuali di oltraggio.

Dire alle persone che stai macellando l'impostazione e andare fuori di testa se non ti piace non è un esempio che tenterà la maggior parte delle persone di supportare il tuo prodotto. Soprattutto non da Twitter, specialmente quando / r / game moderatori anti-gioco stanno bloccando le discussioni quando non possono controllare la narrazione o la discussione.

Il fatto che avrebbero pensato che un così piccolo volume di interazioni fosse in qualche modo significativo o addirittura giustificato per la loro segnalazione di virtù dimostra che questa azienda non è già nessuno. Se dovessero semplicemente tacere nessuno saprebbe nemmeno della loro scomparsa, ma ora in un vano tentativo di rilevanza avranno probabilmente l'onore di essere immortalati sul Ottieni Woke Go Broke Master List .

Chi Sono

Ribollendo il caos dei giochi, Kevin ha trascorso un'intera vita a giocare e fare pipì.

NON segui questo link o sarai vietato dal sito!