Prendi due incerti se Game Pass ha aiutato o ferito i mondi esterni

In una recente chiamata degli investitori al capitalista del Vulture Strauss Zelnick è stato chiesto se l'accordo con il Game Pass di Microsoft avesse aiutato o danneggiato il successo del franchising (che non possedevano). Ciò che seguì alla domanda fu una non risposta confusa piena di parole d'ordine e concetti che non risolvevano il problema.

Le notizie sono state raccolte da VideoGamesChronicle.com, dove Zelnick ha detto ...

È difficile da dire. Penso che ciò che abbiamo detto da sempre sia che in generale vogliamo essere dove si trova il consumatore.

In generale, riteniamo che le offerte di abbonamento nella misura in cui esistono siano probabilmente più adatte al catalogo, ma siamo disposti a rischiare sperimentalmente quando ha senso per un determinato titolo e quando l'accordo alla base di tale opzione ha senso anche per noi.

E siamo contenti di avere una grande collaborazione con Microsoft e siamo per lo più contenti che il titolo sia un grande successo, è venduto in oltre due milioni di unità e ha vinto 75 premi di gioco.

Quindi, sono i primi giorni per tutte queste piattaforme. Sono ovviamente i primi giorni per molte tecnologie, inclusa la tecnologia di streaming. Il nostro obiettivo è essere dove si trova il consumatore. Siamo ecumenici e di mentalità aperta.

Questa è una risposta di un uomo che o non vuole rispondere alla domanda perché le proiezioni interne mostrano che l'infusione a breve termine di denaro non valeva la potenziale perdita a lungo termine delle vendite o lo è da un uomo che non ha idea di cosa stia facendo. Considerando la coda di titoli poco performanti, come riportato da TheGamer.com, l'incapacità di tenere il passo con le tendenze, il prossimo Bioshock anni di sviluppo già adesso bloccato nell'inferno dello sviluppo, e solo Rockstar e i meccanici del gioco d'azzardo sportivo che tengono a galla la società mi spingerei più verso il secondo che il primo.

Soprattutto perché non tutti i download di Game Pass possono essere equiparati a una vendita persa. Né è possibile calcolare il volume delle vendite generate dal passaparola degli utenti che hanno acquistato il gioco tramite Game Pass. Rispondere ulteriormente affermando che aveva danneggiato le vendite avrebbe anche messo in discussione la competenza della sua esclusività di Epic Games Store e negando l'accesso al mercato di Steam.

A proposito, la dichiarazione di Zelnick è interessante considerando che 2/3 del volume delle vendite di Epics sono generati da titoli proprietari, AKA Fortnite. Lasciando la posizione in cui il consumatore è ancora Steam. Fortunatamente per lui, gli investitori non sono creature terribilmente intelligenti in quanto nessuno lo ha chiamato su questa disparità.

NON segui questo link o sarai vietato dal sito!
~