Com'era l'articolo?

1554520controllo dei cookieEditoriale: GameStop non sta morendo
Industry News
2020/03

Editoriale: GameStop non sta morendo

È difficile non notarli, quindi ormai probabilmente hai visto i titoli negativi e cupi dell'imminente fine di GameStop. Dopotutto, stanno chiudendo i negozi e hanno visto le loro entrate diminuire anno dopo anno, quindi è inevitabile dato che la morte è per le persone con problemi non mortali, giusto? La risposta lunga è piuttosto complicata, ma a breve termine no GameStop non si estinguerà, l'azienda sta ovviamente correggendo.

La situazione difficile di GameStop non è poi così insolita nel mondo degli affari. Durante i buoni anni dal 2004 al 2016, l'azienda ha acquisito varie altre catene e ha ampliato la propria attività in oltre 7500 negozi in 14 paesi, 86 punti vendita da collezione, 1,522 negozi Simply Mac, Spring Mobile AT&T e Cricket di 2016.

Esteriormente questa crescita ha dato l’impressione di un’azienda sana, ma le entrate hanno iniziato a subire un calo nel 2016 per una serie di ragioni. Da quel momento, il management non è riuscito ad adattarsi ai tempi che cambiano, portando l’azienda a licenziare i suoi dirigenti alcuni mesi fa dopo una serie di licenziamenti dei loro manager regionali in agosto.

In definitiva, ciò che ha portato al loro declino non è così complicato né semplice come la gente vorrebbe far credere. Alcuni sostengono che l'aumento della distribuzione digitale insieme all'ingresso di Amazon nel mercato abbia distrutto le entrate di GameStop, ma statisticamente parlando la maggior parte dei giochi viene ancora acquistata fisicamente e la loro diversificazione avrebbe dovuto proteggerli parzialmente da tale recessione.

Piuttosto che la distribuzione digitale che uccideva GameStop, GameStop stava uccidendo GameStop. GameStop ha sostanzialmente ritirato uno Starbucks, con il risultato che alcune aree hanno negozi l'uno dall'altro lato della strada. Le città i cui mercati potevano supportare solo un singolo GameStop in alcuni casi ne avevano tre. Di conseguenza, Gamestop stava sventrando l'attività di GameStop portando ad aree che altrimenti sarebbero state redditizie trasformandosi in perdite di inventario e nell'incapacità di generare un volume di vendite significativo per località.

Pertanto, quando annunciano la chiusura di altri 320 negozi, come riportato da Gamasutra, si riferiscono agli sbocchi nelle regioni sovrasature. Un fatto evidenziato dal fatto che la loro ristrutturazione è stata definita un “piano di dedensificazione”.

“Continuiamo a concentrarci sull’ottimizzazione della nostra flotta di negozi globale nell’anno fiscale 2019 e abbiamo chiuso un totale netto di 321 negozi, comprese 333 chiusure e 12 aperture. Nell’anno fiscale 2020, continueremo nei nostri sforzi per ridurre la densità della nostra base di negozi, concentrandoci sulla massimizzazione della produttività dei prodotti dell’intera flotta”, ha affermato.

“Prevediamo che le chiusure di negozi saranno pari o superiori alle 320 chiusure nette che abbiamo visto nell’anno fiscale 2019 su base globale. È importante sottolineare che vogliamo sottolineare che queste chiusure di negozi rappresentano una parte molto specifica e proattiva del nostro piano di dedensificazione e non sono correlate alle recenti tendenze aziendali”. -Jim Bell Vicepresidente di Gamestop e Direttore finanziario

Tutto ciò va bene, ma la sovrasaturazione è solo una parte del problema. L'altra metà è che l'industria dei giochi ha semplicemente prodotto meno prodotti concentrandosi sull'aumento delle entrate dai modelli Games as A Service, spesso definiti GaaS. Le entrate per l'industria nel suo complesso potrebbero essere in aumento e non provengono dalle vendite unitarie. Ha invece origine dalle meccaniche di gioco d'azzardo presenti nei titoli sportivi, dalle meccaniche di spedizione presenti nei titoli mobili e sempre più console, e dalle espansioni digitali. Skin, armi e altre microtransazioni costituiscono la maggior parte dei titoli più redditizi degli ultimi anni, come dettagliato da Finance Outlet Il Motley Fool.

Considera quali sono stati i giochi con i maggiori incassi nel 2016. Sedersi in cima lo è stato League of Legends a 1.7 miliardi di dollari seguito da Onore dei Re/Arena del Valore a 1.611 miliardi. In effetti, non uno solo dei titoli di maggior incasso del 2016 non è stato pesantemente monetizzato. Di conseguenza, i dirigenti economicamente analfabeti che gestiscono queste società pensano che ogni gioco possa e debba essere come loro, ma questo è un altro problema che affronteremo un altro giorno.

Il 2017 ha continuato la tendenza, con l'aggiunta di Call of Duty e Fate/Grand'Ordine unendosi ai ranghi, prima dell'ascesa di Fortnite e Battlegrounds di PlayerUnknown nel 2018. Entrambi i titoli reggeranno per l'anno successivo con un calo delle entrate, ma il resto dei giochi di maggior incasso continuano a guadagnare le proprie entrate attraverso modelli di monetizzazione.

Ciò fa sì che il settore, se considerato nel suo insieme, sembri sano, ma in realtà funziona in modo molto instabile dal punto di vista economico. Ciò porta al calo delle entrate di Gamestop insieme all'anno disastroso di Ubisoft. Come gli economisti hanno avvertito il settore. Con i servizi live, i giocatori rimarranno attaccati a loro e non usciranno ad acquistare altri prodotti. Ubisoft è stato il primo editore a sperimentare questo effetto, ma Gamestop era effettivamente il canarino nella miniera di carbone.

Naturalmente, non ha aiutato il fatto che l'azienda non abbia fatto nulla per migliorare le prestazioni generali o le relazioni con i clienti durante questo periodo. Non hanno adottato i modelli di internet cafè dei franchising europei o asiatici, né hanno offerto opzioni competitive per competere con Amazon. Posso raccontare personalmente come abbiano perso una vendita digitale poiché non sono stati in grado di garantire l'arrivo lo stesso giorno, mentre Amazon lo fa. Nel frattempo si davano aumenti e premi rifiutandosi di dare ai loro dipendenti, che avevano quote, anche solo qualche centesimo di commissione sulla vendita. Di conseguenza, le voci sul campo sono piuttosto positive riguardo alla loro risoluzione.

GameStop durerà per sempre? Probabilmente no, niente lo fa davvero. Eppure pronunciarlo sul letto di morte è una posizione prematura e mal informata. Un futuro esclusivamente digitale è molto lontano. Lo streaming, sebbene apprezzato da pochi, non mostra segni di prendere piede come metodo di distribuzione legittimo. Peggio ancora per l'industria, senza Gamestops in giro, non sarebbero più in grado di attaccarli con le loro cifre "Spedite". Lasciando che l'unica cosa che cresce in quella realtà sia la nostra lista principale.

Altre novità del settore