TurboGrafx-16 Mini ritardato indefinitamente a causa del coronavirus

TurboGrafix 16

Konami ha annunciato il 6 marzo 2020 che il rilascio di TurboGrafx-16 Mini è stato ritardato indefinitamente poiché non sono in grado di completare la produzione a causa della chiusura delle piante in quarantena in Cina per impedire la diffusione del coronavirus.

La dichiarazione è stata pubblicata sull'account Twitter ufficiale di Konami, che puoi leggere di seguito.

C'è un messaggio nell'immagine del tweet. Se non riesci a visualizzare il messaggio, si legge ...

“Vi ringraziamo per il vostro continuo supporto nei confronti dei nostri prodotti e servizi.

 

“Per quanto riguarda la mini console PC Engine Core Grafx e i suoi accessori periferici, le strutture di produzione e spedizione in Cina hanno riscontrato una sospensione inevitabile a causa dell'attuale epidemia di Coronovirus (COVID-19). Di conseguenza, la consegna di tutti i prodotti PC Engine Core Grafx mini, originariamente prevista per il 19 marzo 2020, sarà ritardata fino a nuovo avviso.

 

"Ci scusiamo profondamente con i nostri clienti per l'inconveniente significativo e chiediamo umilmente la vostra comprensione e pazienza mentre manteniamo la nostra attenzione sulla situazione. Stiamo investendo tutti i nostri sforzi per consegnare il PC Engine Core Grafx mini il prima possibile e forniremo ulteriori dettagli sui tempi di consegna una volta confermati. "

Inizialmente ci sarebbero state tre diverse iterazioni di TurboGrafx 16, con PC Engine Core Grafx Mini, PC Engine Mini e TurboGrafx-16 Mini, tutti programmati per essere resi disponibili negli Stati Uniti, in Europa e in Giappone.

Come accennato, le diverse iterazioni del mini avrebbero dovuto essere rilasciate il 20 marzo 2020.

Konami aveva già messo in moto la data di uscita fino a luglio 2019, quindi questo ha davvero gettato una chiave inglese nei loro piani.

Probabilmente non vedremo arrivare la TurboGrafix-16 Mini fino a quando la Cina non riaprirà i suoi impianti di produzione. E questo non accadrà fino a quando non saranno in grado di controllare il coronavirus. E proprio ora, sicuramente non lo hanno sotto controllo.

(Grazie per il suggerimento MaverickHL)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.