Com'era l'articolo?

1555240controllo dei cookieValve spiega che Half-Life è una IP che spinge avanti la tecnologia e perché gli episodi si sono interrotti
News
2020/03

Valve spiega che Half-Life è una IP che spinge avanti la tecnologia e perché gli episodi si sono interrotti

Valve, l'azienda in questo momento, è molto esplicita, e con Half-Life: Alyx ora disponibile, non dovrebbe sorprendere che l'azienda stia accettando interviste a destra e a manca. Detto questo, il level designer di Valve, Dario Casali, in un'intervista con IGN tocca qualcosa Metà vita essendo un IP che spinge "in avanti la tecnologia" e perché la società ha interrotto i rilasci episodici.

Se volete un riassunto della seguente intervista tra Casali e IGN, potete leggere una short-list stilata dall'utente Twitter Nibel:

In primo luogo, il sito IGN ha chiesto a Casali perché Valve si è rivolta a versioni a episodi (come Half-Life 2: Episode 1 e Half-Life 2: Episode 2) e perché la società si è fermata. Ecco la risposta dello sviluppatore:

“Dopo aver lavorato su Half-Life 2 per sei anni, abbiamo deciso che non volevamo rimanere nell'oscurità per così tanto tempo. Ecco perché abbiamo iniziato a girare gli episodi in cui pensavamo: "beh, ora abbiamo la tecnologia stabile". Comprendiamo i personaggi, comprendiamo la storia, conosciamo la maggior parte dei meccanismi. Mordiamo semplicemente piccoli pezzetti e poi rilasciamo più spesso. Pensiamo che i giocatori preferiranno questo piuttosto che aspettare sei anni e affrontare tutti i ritardi che abbiamo subito.'”

Più avanti nell'intervista, Casali nota che il team di Valve ha continuato a cercare di implementare sempre di più in ogni episodio, e poi gli episodi hanno iniziato a trasformarsi in "sequel". Da qui, l'azienda ha voluto smettere di realizzare questi "sequel" dispendiosi in termini di tempo (e dato che Valve non può contare fino a tre) l'idea è stata successivamente abbandonata:

"Ci siamo ritrovati a pensare 'Bene, continuiamo a mettere sempre di più, e di più, e più cose in questo gioco perché vogliamo renderlo il migliore possibile, e poi ci siamo resi conto che questi episodi stanno diventando sempre più in sequel.

Penso che a quel punto abbiamo capito, 'Okay, forse questa cosa degli episodi, era una buona idea, ma non stiamo andando molto bene per quanto riguarda il fatto di far uscire le cose abbastanza velocemente.

IGN successivamente evidenzia Gabe Newell, co-fondatore di Valve, e lo cita mentre lo dice Metà vita i giochi dovrebbero "risolvere problemi interessanti" e come Valve non sia qui per "far uscire i titoli di Half-Life perché aiuta a raggiungere i numeri trimestrali".

D'accordo con il sentimento di Newell è Casali. Sottolinea che Valve non rilascerà un gioco se non viene sottoposto a un buon playtest, anche se guadagnerà un sacco di soldi al momento del lancio:

“Il nostro giudice e la nostra giuria sono sempre i playtest. Non viene mai da noi. Viene sempre da qualcuno esterno. E ci dicono sempre come stiamo. E qualunque cosa stiamo facendo, veniamo convalidati da quel processo di playtest e ci atteniamo religiosamente a questo."

Infine, Casali afferma che Valve non voleva commettere lo stesso errore commesso in passato realizzando un nuovo episodio (o gioco) mentre lavorava sul motore Source 2 poiché quella combinazione "ha creato molto dolore la prima volta" al team. ho provato a farlo.

Se vuoi leggere l'intervista completa, puoi cliccare su IGN (Link archivio).

Altre News