Il proprietario di KiwiFarms Josh Moon è stato bandito da Twitter

Fattorie di kiwi

Josh Moon ha recentemente parlato della sua alternativa a 9chan.us per le immagini come 8kun e 4chan, queste ultime hanno seguito la strada dei dittatori, promulgando standard di censura su una serie di argomenti. Nel caso di 8kun hanno recentemente vietato il contenuto di loli e nel caso di 4chan vietano qualsiasi tipo di contenuto, comprese le persone che fanno commenti usando un linguaggio che non approvano perché sostengono che "Non è la sezione commenti di oneangrygamer". Bene, durante i suoi post promozionali per 9chan, Twitter ha sospeso definitivamente l'account di Moon.

Il conduttore di Killerstream Ethan Ralph ha informato il grande pubblico del divieto proprio prima di avere Moon sul Killstream.

Puoi visualizzare l'ultimo rapporto di Killstream con la discussione su Moon e il suo divieto La pagina Dlive.tv di Ralph Retort.

Per quanto riguarda l'account Twitter di Moon, se tenti di visitare la pagina, Levitico19_18, tutto ciò che riceverai è un avviso che indica che l'account è stato sospeso.

La sospensione è arrivata nel 23 aprile 2020.

Apparentemente uno degli ultimi tweet nella sua sequenza temporale era in relazione a quale tipo di contenuto sarebbe apparso su 9chan, e ci sono un paio di commenti che rispondono al tweet di Moon.

Lo stesso giorno in cui Moon è stato sospeso da Twitter ha esposto il fornitore di registratori Epik.com per le loro buffonate non professionali nel far cadere il dominio 9chan.us in un atto codardo alimentato dalle stesse persone che avevano preso di mira 8chan e il Daily Stormer.

L'ex amministratore di 8chan, Fredrick Brennan, ha copiato i tweet di Moon prima che l'account fosse sospeso, dove Moon ha discusso di come Epik ha provato a lasciarli cadere, ma è riuscito a ottenere il controllo del dominio 9chan.us e a impostare l'inoltro a 9chan.tw.

Fondamentalmente, la censura sistematica e i tentativi di deplatformare chiunque non sia consapevole del programma dell'agenzia continueranno.

Per qualche ragione, le persone che usano le immagini e i siti di controcultura pensano di essere al sicuro dagli attivisti della deformazione e immuni dalle brigate di censura, ma ciò non potrebbe essere più lontano dalla verità.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.