Com'era l'articolo?

1553520controllo dei cookieSony e Naughty Dog stanno cercando modi “giusti” per pubblicare The Last Of Us: Parte 2 durante questa pandemia
News
2020/04

Sony e Naughty Dog stanno cercando modi “giusti” per pubblicare The Last Of Us: Parte 2 durante questa pandemia

Di recente, il regista di The Last of Us: Parte 2, Neil Druckmann, ha parlato con il PlayStation blog in un nuovo podcast, che copre una varietà di argomenti come il sequel appena ritardato del gioco di azione e avventura del 2013 e come il team sta esaminando diversi modi per rilasciarlo durante questa pandemia.

Se vuoi risparmiare nove minuti (o un'ora) del tuo tempo in modo da non doverlo sprecare come ha fatto il sottoscritto ascoltando Neil Druckmann, continua a parlare di Sony, Naughty Dog e The Last of Us: Parte 2 rilasciando in tutto il mondo durante questa pandemia, allora sei fortunato.

La versione breve è che il team sta esaminando diversi modi per rilasciare il prossimo gioco di Wake senza demo, in modo che venga lanciato in tutto il mondo in modo "equo".

La risposta lunga è che il coronavirus ha messo in difficoltà l’intera squadra. Inoltre, Sony e Naughty Dog non vogliono rilasciare il gioco in uno stato frammentato in cui alcune persone possono ottenerlo in anticipo mentre altre devono aspettare, il che sembra ingiusto nei confronti dell'editore e dello sviluppatore.

E scommetto che questo ti sta facendo pensare: "Perché non pubblicare una demo in modo che le persone possano giocare a una parte del gioco finché la versione completa non sarà pronta per la spedizione?" Ebbene, Druckmann ha un'opinione diversa al riguardo.

Druckmann afferma che fornire una demo ai giocatori in uno “stato accettabile” è una “mole di lavoro enorme” che non vuole sottoporre alla squadra. Inoltre, preferirebbe che il team dedicasse quel tempo a finire il gioco principale invece di spedire una “vecchia demo”.

In altre parole, non aspettarti che una demo venga rilasciata in futuro. Detto questo, cosa faranno adesso gli sviluppatori visto che lavorano da casa? Ecco il piano di Druckmann quando gli è stato chiesto della "decisione finale" per The Last of Us: Parte 2:

«Non c'è stata ancora una decisione definitiva. È una catena di vendita al dettaglio diversa, sia che potessimo fornire copie fisiche alle persone, che l'infrastruttura Internet sia lì per supportare tutti i paesi?

Questo è un gioco mondiale che le persone di ogni paese stanno aspettando e vogliamo essere sicuri di essere onesti. Se diamo il gioco solo a una piccola frazione di persone, cosa succede a tutte le persone che non lo capiscono?

Stiamo valutando ogni sorta di opzioni diverse. Qual è il modo migliore per farlo arrivare a tutti i nostri fan il prima possibile? Ci vorrà del tempo perché le cose cambino, per capire le cose e anche per vedere dove si trova il mondo: le cose stanno cambiando di giorno in giorno.

Come accennato in precedenza, il coronavirus ha messo perplessi sia Sony che Naughty Dog quando si tratta di rilasciare il sequel di Wake L'ultimo di noi, il che significa che il gioco è fermo ritardato indefinitamente.

Secondo Druckmann le cose cambiano “giorno per giorno”. Ciò significa che potremmo sentire qualcosa domani o potremmo sentire qualcosa la prossima settimana. Il tempo lo dirà.

Infine, il 29 maggio è stato The Last of Us: Parte 2 data di uscita originale, ora il gioco non ha una data di uscita ed è ancora pronto per essere lanciato in tutto il mondo un giorno per PS4.

Altre News