Warhammer 40K: Astartes Part Five ora disponibile

Warhammer 40K Astartes

Una delle più fantastiche serie di cortometraggi realizzati dai fan ha recentemente ricevuto il suo ultimo capitolo. Astartes: quinta parte è stato rilasciato e oh ragazzo è un doozy.

Dopo aver sofferto di a attacco di hacking alla fine del 2019 - un attacco che YouTube è stato lento da risolvere - la serie di cortometraggi è riuscita a rimettersi in carreggiata e rilasciare l'ultima voce il 2 aprile 2020. Il cortometraggio di sette minuti e mezzo non prende scorciatoie né dà pugni. Il sangue è viscerale. L'intenzione è chiara. Le conseguenze sono ferme. E le azioni si risolvono.

Se sei un fan dei giochi preziosi di Games Workshop Warhammer 40,000 franchising, allora ti piacerà moltissimo l'ultimo arrivato della serie, originario della Nuova Zelanda, Syama Pedersen. È un modellatore e animatore 3D con alcuni dei suoi impressionanti lavori in primo piano Pagina di ArtStation.

Puoi dare un'occhiata alla playlist con il completo Astartes serie di seguito. Se hai già visto le altre quattro parti, puoi semplicemente saltare all'ultima voce della playlist.

Il cortometraggio segue le Astribes Retribution nel territorio di Argosa, dove viene custodita una misteriosa sfera. Il globo conferisce i poteri Argosa dell'ordito e l'Imperium è intenzionato a interrompere la sua operazione.

Il film inizia con le Astartes che si imbarcano su una delle navi in ​​fuga dai leader della ribellione, e ogni video successivo segue i loro progressi attraverso la nave fino a quando raggiungono i leader, dove nel quarto video ha luogo una resa dei conti super impressionante.

Tuttavia, dopo aver raggiunto la sfera viene impiegata una moratoria della giustizia quando l'ordito prende possesso delle Astribes Retribution e una visione della terra oltre i vivi diventa realtà.

Warhammer 40K Astartes

È un peccato morire che i lavori più creativi e artistici là fuori siano i meno finanziati.

Questo avrebbe dovuto essere un film di fantascienza duro di due ore.

Avrebbe dovuto essere il giusto omaggio alla serie di Games Workshop che i fan meritano, ma sul grande schermo e con una campagna di marketing altrettanto ambiziosa da abbinare. Ma no, invece Games Workshop è preoccupato per il kowtowing e la rovina della sua tradizione con "diversità" e "inclusione", e imbrattando il buon nome di Warhammer nutrendosi delle delusioni perverse dei malati di mente, come indicato nell'articolo del 2017 del Campana delle anime perdute.

Tuttavia, se capisci l'importanza dei media alimentati dai fan come il Astartes serie da Syama Pedersen, e vuoi vedere di più, quindi sentiti libero di contribuire alla causa visitando il sito di Pedersen Pagina Paypal o contribuendo tramite Patreon.

(Grazie per il suggerimento Strum)

NON segui questo link o sarai vietato dal sito!
~