Chernobylite aggiornato con Pripyat Location, supporto DirectX 12

Chernobylite

The Farm 51's STALKER-il classico sparatutto in prima persona si è fatto strada attraverso l'accesso anticipato da quando è entrato nel ciclo di sviluppo di Steam nel Nell'ottobre del 2019. L'ultimo aggiornamento del gioco include un luogo familiare a molti fan della zona pericolosa della Russia ... Pripyat.

La nuova area consente ai giocatori di esplorare la gigantesca ruota panoramica, il parco divertimenti e Piazza Lenin. Alcuni dei luoghi ben noti sono stati modificati, incluso il Palazzo della Cultura Energetik o il Polissya Hotel, entrambi i quali sono stati modificati e trasformati in basi militari segrete con misteriose intenzioni.

Potrai esplorare questi nuovi luoghi in aggiornamento, che è disponibile in questo momento per quelli di voi che possiedono già una copia del gioco.

Il trailer fa sicuramente un ottimo lavoro nel dare vita a Pripyat e creare una rappresentazione molto surreale del luogo inquietante. È sicuramente molto più atmosferico di come è stato interpretato nella serie di GSC Game World.

Oltre ad avere nuovi posti da esplorare, l'aggiornamento Early Access include anche un nuovo personaggio con cui puoi interagire chiamato Olga. È un'adolescente ucraina di un insediamento noto come "The Village" che si trova nella Foresta Rossa.

Puoi reclutare Olga nella tua squadra o apprendere nuove abilità dall'NPC, oltre a svolgere alcune nuove missioni legate a Olga, Sashko e Georgiy.

È stato aggiunto il supporto DirectX 12, insieme a una migliore ottimizzazione per le schede AMD grazie alla collaborazione di The Farm 51 con AMD per includere le funzionalità FidelityFX.

Anche ulteriori miglioramenti dell'interfaccia grafica e del contenuto della qualità della vita sono diventati la massima priorità, oltre a stabilizzare frame rate e prestazioni.

Puoi saperne di più sull'ultima build di Chernobylite visitando il pagina del negozio Steam oppure pagina GOG.com.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.