Wayback Machine aggiunge etichette di avvertimento agli archivi a seguito di reclami del MIT

Wayback macchina

Il Wayback Machine Internet Archive dovrebbe essere un sito Web che documenta le pagine Web per scopi storici. Indipendentemente dal fatto che il sito Web contenga informazioni accurate o meno, il punto centrale del sito è mantenere in modo neutrale archivi documentati di siti Web che cambiano il loro contenuto, finiscono per essere deformati o modificare pagine Web. Bene, la tecnologia MIT ha deciso di mettersi all'orecchio della Wayback Machine per non aver aggiunto etichette di avvertimento ad alcune pagine Web relative al coronavirus.

Recluta la rete riferisce che il MIT Technology Review ha presentato un reclamo alla Wayback Machine al inizio maggio, implorando la Wayback Machine di aggiungere etichette di avvertimento agli archivi da fonti di notizie sul coronavirus che sostengono contenessero "disinformazione".

Come menzionato nell'articolo Reclaim The Net ...

“[…] Solo poche settimane dopo, la Wayback Machine ha iniziato ad aggiungere etichette di avvertimento ad alcuni dei suoi archivi, costringendo gli utenti ad accedere per visualizzare alcuni dei contenuti archiviati sul sito.

"Le etichette di avviso sono di colore giallo brillante, vengono visualizzate nella parte superiore di alcune pagine archiviate e indicano agli utenti quando un post è stato rimosso per violazione delle norme sui contenuti di un sito."

Puoi vedere esempi dei messaggi qui sotto, come catturati da Mondo dell'informazione digitale.


Se non riesci a leggere i messaggi nell'avviso, c'è un gigantesco banner giallo che legge ...

"Questa è una pagina Web archiviata che Medium.com ha stabilito che ha violato la sua politica sui contenuti. Ecco un link ad esso sul Live Web. Nella maggior parte dei casi, l'archiviazione di una pagina è un processo automatizzato. L'inclusione di una pagina nella Wayback Machine non dovrebbe essere vista come un'approvazione del suo contenuto in alcun modo. "

Aspettatevi di vedere più archivi di determinati siti Web e post di notizie cooptati dallo stabilimento che non vogliono che voi visualizziate quelle pagine o che vogliano travisare le informazioni facendo in modo che i siti di archivio aggiungano "etichette" a quelle pagine.

Inoltre, non essere scioccato se gli archivi di alcuni siti web iniziano a essere cancellati per "diffondere disinformazione".

(Grazie per il suggerimento Faceless Nameless)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.