Editoriale: Facebook Gaming is a Cesspool

All'inizio di questo mese, Microsoft ha annunciato che lo erano spegnimento del mixer e la migrazione del servizio su Facebook Gaming. Agli streamer partner su Mixer è stato promesso lo stesso status se sono passati ai giochi di Facebook, ma al momento nessuno di questi streamer si sta arrampicando per effettuare il passaggio.

Anche per questo motivo, dato che Facebook Gaming è un pozzo nero a cui non vorranno avere il proprio nome.

Come piattaforma, è piena di problemi, il più ovvio dei quali è il mining di dati degli utenti da vendere a terzi, come riportato dal BBC. Facebook tiene traccia di una moltitudine di statistiche, tra cui con chi parli, di cosa parli, quali sono i tuoi interessi e con chi stai conducendo affari. Ti categorizzano in base alla tua affiliazione politica, a chi ti associ e a cosa ti interessi attualmente.

Questo sarebbe innocuo, tranne se sei uno streamer, determinerà se ti mettono in uno stato limitato o addirittura potenzialmente nella lista nera. Prima di scrivere per One Angry gamer, stavo dando uno streaming. Sbalordito dall'illusione, sarei mai stato il prossimo PewDiePie, ho pensato che avrei potuto almeno ritagliarmi un pubblico di nicchia divertente e umile e costruire il mio marchio da lì. Tranne che durante lo streaming, mi ritrovo spesso con pochissime visualizzazioni indipendentemente da ciò che stavo giocando.

Alla fine, ho scoperto che Twitch mi ha messo costantemente morto per ultimo nelle categorie, ma Facebook è stato il peggior trasgressore. Le viste semplicemente non si manifesterebbero. Anche con la promozione, è stata una battaglia in salita costante per attirare l'attenzione per qualsiasi flusso di oltre 5 ore. Quindi - e non riesco più a ricordare cosa succede l'incidente politico - Facebook si è messo nei guai per la censura dei conservatori, che ho confermato che mi hanno etichettato come.

Improvvisamente il mio feed è diventato più attivo e il mio stream per il giorno ha superato le mille visualizzazioni. È stato emozionante, esaltante iniziare a vedere il duro lavoro finalmente ripagato. Il giorno successivo ha visto diminuire il numero di spettatori e in poco tempo è tornato alla normalità. Fu allora che la realizzazione di Facebook raccolse vincitori e vinti. La realizzazione che, poiché avevano determinato, ero un conservatore, non avrei mai potuto essere grande.

Ancora una volta non sono delirante. Ho gestito pagine e blog in precedenza, quindi sono consapevole di quali traiettorie di crescita dovrei sperimentare. Non esplosivo, ma una crescita lenta e graduale mentre una persona stabilisce il proprio pubblico. Il contenuto era coerente, i meme erano di qualità, la crescita avrebbe dovuto avvenire, ma non lo era.

Non sono l'unico ad avere questo problema. Facebook è attualmente vivendo un'altra adpocalisse come le aziende lo richiedono censurare più parole. Almeno questa è la maschera che viene messa in piedi. Gli annunci pubblicitari si verificano solo quando gli inserzionisti si rendono conto che i loro annunci pubblicitari non ottengono un ritorno sugli investimenti. Facebook è famigerato nel mondo degli investimenti per non aver fornito un ritorno sugli investimenti. Stanno morendo perché le persone non interagiscono con le loro pubblicità, ed è quello che sta accadendo a causa della loro censura e della loro limitata attuazione statale.

Per chi non è consapevole di cosa sia uno stato limitato, è il livello di censura prima della lista nera. Con la blacklist, nessuno vede i tuoi contenuti. È quasi immediatamente evidente che è successo poiché vedrai le tue notifiche andare a zero in un istante. Con uno stato limitato, poche persone vedono i tuoi contenuti. Potresti avere post che esplodono con migliaia di interazioni, ma non sarai comunque inserito nei feed delle persone a meno che non vengano cercati con feed nuovi o non elaborati nel caso Twitter.

Con uno stato limitato, lo capirai solo dopo aver osservato una mancanza di crescita e interazioni per un lungo periodo di tempo rispetto ai modelli stabiliti. Lo stato limitato di YouTube è molto più evidente rispetto a Twitter e Facebook ... principalmente perché YouTube ti dice chiaramente.

Questo è qualcosa che dovrebbe essere di grande preoccupazione per gli streamer influenti. Che cosa succede se un giorno Facebook decide che l'hot hot di Ninja è troppo piccante o il suo comportamento non è quello che stanno cercando di promuovere? All'inizio, lo declassarono un po '; le notifiche non escono e non appare nei feed delle persone.

Quindi è una morte di mille tagli. I creatori di contenuti delle dimensioni di Ninja potrebbero essere in grado di sopravvivere a causa del pubblico stabilito, ma gli streamer medi e piccoli non lo faranno. C'è anche il problema che Facebook ti fa pagare per la tua attenzione. Se non acquisti i loro annunci pubblicitari, le notifiche della tua pagina saranno meno coerenti. La tua portata diminuirà in modo significativo.

Questo non è nemmeno prima di considerare cosa succede ai tuoi abbonati. Quanto saranno inclini le persone a far continuare il pagamento quando Facebook ha deciso di bloccare il proprio account per colpa di un pensiero sbagliato? Per quanto tempo vorranno interagire con la piattaforma quando le loro interazioni non si manifestano o Facebook discrimina contro di loro per avere opinioni politiche sbagliate?

Non molto tempo e per questo motivo, Facebook è una delle peggiori scelte per gli streamer. La collaborazione di Microsoft con loro è stato un enorme errore che sembrano aver realizzato mentre perdono entrambi gli streamer e l'adozione della loro console. Hanno già tentato di correggere, ma questa è una decisione miope e sciocca.

Avevano aspettato per vedere se il Xbox La serie X è diventata la piattaforma dominante, avrebbero potuto condividere il suo successo per aumentare i numeri di Mixer grazie alla loro integrazione con Xcloud. Invece, hanno agganciato il loro marchio a una piattaforma di social media morente la cui demografia dell'età è in circolazione Anni 40.5 anni con meno del 10% della sua base di utenti 17 e più giovani.

Non solo i dati demografici non sono a loro favore, ma la reputazione della raccolta dati di Facebook ha causato un esodo in scala sconosciuta dalla piattaforma Xbox a seguito dell'annuncio per evitare che i loro dati vengano raccolti. Microsoft ha confermato che Facebook non sarà autorizzato a raccogliere dati dagli utenti Xbox, ma se stanno implementando il supporto Xcloud, sarà difficile prevenirlo.

Sarà interessante vedere se Microsoft continuerà questa partnership o tornerà indietro abbandonando Mixer. A questo punto, è ragionevolmente evidente per Microsoft che questa è stata una decisione sbagliata. Perderanno molti dei loro migliori streamer, il che significa che non c'è promozione del marchio, perderanno i clienti che non vogliono avere niente a che fare con Facebook, e questo ostacolerà il lancio di Xcloud. Come i bambini adorano dire, enorme oof.

~