La risposta di Sony a The Last of Us 2 non è stata altro che pateticamente infantile

Essere un adulto non è sempre una cosa facile. Sicuramente viene fornito con alcuni grandi vantaggi e libertà, ma accanto a loro ci sono responsabilità e oneri. Ancora più importante o piuttosto rilevante per l'argomento in questione, la maggior parte delle persone impara ad accettare che le cose non vadano sempre per la propria strada. Che ci saranno momenti in cui prendiamo decisioni, siano esse personali, professionali o persino creative, con cui le persone non sono d'accordo.

Così è la vita.

Quando inevitabilmente accade, una persona ha molte opzioni. Possono semplicemente ignorare e concentrarsi sulla creazione o sul fare ciò che vogliono fare. Possono interagire con la persona per stabilire una comprensione. O anche prendere in considerazione alcuni dei feedback forniti dalle critiche. Quello che Sony ha deciso di fare con The Last of Us 2 è stato a dir poco comportarsi come un bambino petulante che non si fa strada.

Andare oltre la retorica tipica di se questo prodotto non ti piace, sei un ist, ism o phobe, quelli associati al progetto hanno dimostrato un livello di maturità coerente, assolutamente non professionale. Nella misura in cui in un editoriale, persino in un sito piace Poligono ha attirato l'attenzione su di esso.

In vista del lancio del gioco e anche oltre, Neil Druckmann si è regolarmente impegnato condotta antagonista nei confronti dei consumatori che erano meno che entusiasti del gioco. Durante un'intervista con Kinda Funny Games, Neil Druckmann ha discusso di come aveva ricevuto tutto, dai commenti antisemiti alle minacce di morte. Nessuna prova ovviamente, è stata fornita per entrambi; ci si aspetta solo che ci creda.

Eppure è ciò che considera molestie persistenti che è più scioccante. Cosa potrebbe considerare un "professionista del settore" come Druckmann così vile, così vendicativo e un assalto alla sua persona che varrebbe la pena lamentarsi pubblicamente?

La risposta è affermazioni del tipo: "Il gioco è immondizia". Non sarebbe durato a lungo a scrivere per One Angry Gamer con una pelle così morbida.

Più tardi, Polygon fa riferimento a come un tweet di Jason Schreier parla di come alcuni giochi vengono artificialmente allungati per soddisfare gli investitori, dando il via al doppiatore di Joel Troy Baker. Chi ha prontamente risposto con una lunga citazione di Theodore Roosevelt che chiaramente non capisce.

https://platform.twitter.com/widgets.js

A cui Schreier ha risposto alla sua battuta.

https://platform.twitter.com/widgets.js

Quando la copertura degli eventi attuali nei giochi suona come tabloid che coprono il dramma al liceo tra due ragazze che inevitabilmente si sono trasformate in una di esse come una vera e propria beffa, il livello di maturità è palpabile.

In tutto l'articolo, la rivelazione più scioccante è che la Sony stava attivamente contattando punti vendita che davano ai loro giochi una recensione mista o negativa. Zacny, che ha scritto la recensione di Vice per Last of Us 2, ha informato il punto vendita che un rappresentante della Sony gli aveva contattato in merito al contenuto della sua recensione e al motivo per cui l'aveva formulato così.

Nel complesso ha descritto il discorso come cordiale, ma dimostra che i punti vendita non avevano voglia di scuotere la barca con Last of Us 2.

"Hanno ritenuto che alcune delle conclusioni che ho raggiunto nella mia recensione fossero ingiuste e hanno respinto alcune modifiche o miglioramenti significativi".

"Sono stato felice di decomprimere un po 'del mio ragionamento, tuttavia, e ho ricevuto un messaggio perfettamente cordiale in risposta."

Sony dovrebbe fare attenzione a come trattano i "giornalisti". Quando Bethesda era di gran moda, sono arrivati ​​al punto di farlo lista nera interi punti vendita. Quindi nel momento in cui non erano più pertinenti, non potevano più fornire contenuti che attirassero opinioni, le impressioni dei media sull'azienda si sono inasprite considerevolmente.

L'articolo di Polygon copre con successo una buona parte del dramma che ha circondato The Last of Us 2. Tuttavia, poiché esistono così tante circostanze ridicole, è difficile per chiunque essere definitivi nella loro copertura senza scrivere un breve romanzo. In preparazione e dopo il rilascio, Sony ha abusato del processo DMCA per avere tutto, dalle discussioni sulle perdite ai meme registrati su Internet.

Alla fine, avevano Jeremy di Geeks e l'account Twitter di Gamer sospeso prima di andare dopo The Quartering. Attualmente, diversi canali di YouTube hanno attacchi contro il proprio account a seguito della presentazione da parte di Sony di false dichiarazioni di copyright su video che hanno semplicemente discusso senza mostrare alcuna delle perdite.

Ciò a cui abbiamo assistito non è altro che una collera glorificata da parte di un gruppo di persone che affermano di rappresentare il perdente mentre molestano sistematicamente e deformano le persone su Internet. Dimostrare ancora una volta l'Età del Grande Clown non è altro che una commedia greca di lunga durata.