Three Ways WoW: Classic è diverso dal gioco originale

As WoW: classico giunge alla fine, c'è molto su cui riflettere in questo gioco in gran parte sperimentale. Nonostante sia effettivamente una copia di un gioco vecchio di quindici anni, WoW: classico e l'originale non è certo lo stesso gioco. È a causa di notevoli sviluppi nelle comunicazioni e una migliore registrazione delle informazioni che WoW: classico si è rivelato così diverso dall'originale. Ecco alcuni dei modi in cui i due sono diversi nonostante il codice quasi identico.

Raid più faciles

WoW l'attrazione principale sono le loro incursioni, sfide immensamente difficili che possono essere superate solo con un gran numero di giocatori. WoW primo raid in assoluto, Molten Core, ha richiesto ai giocatori 5 mesi e 3 giorni per la prima volta al mondo, anche se nella recente iterazione del gioco, ci è voluta solo 1 settimana, e questo include il tempo necessario per salire di livello fino a 60 e sintonizzarsi con il raid. Sebbene le statistiche dei boss non siano diverse tra i due, migliori connessioni Internet rendono le cose molto più facili. Non c'è motivo di preoccuparsi che uno dei tuoi predoni possa disconnettersi perché un parente ha preso un telefono sulla sua connessione dial-up. Una migliore connessione a Internet significa una comunicazione vocale più fluida e una migliore trasmissione delle informazioni, il tutto vitale per un raid di successo. Inoltre, i giocatori hanno avuto quindici anni per studiare il raid! Le nuove meccaniche di raid non sono più una sorpresa per i giocatori: sanno tutto ciò che accadrà ed esattamente quando accadrà.

Naxxramas - Zona - Classico World of Warcraft

World Buff Meta

Inizia dall'isola di Yojamba per ottenere il buff Heart of the Zandalar, fai un'evocazione a Dire Maul per ottenere alcuni buff per soli 10 monete d'oro, quindi torna alla tua città natale per il buff Rallying Cry of the Dragonslayer, quindi rischia un'evocazione a Felwood per cercare di ottenere il buff di Songflower in un territorio fortemente conteso. È un lungo elenco, è una seccatura e molto può andare storto, quindi perché preoccuparsi?

Con raid molto più semplici, i giocatori non ottengono lo stesso brivido di completamento come una volta, quindi cercano invece di spingere il loro DPS al tetto. Alcuni gruppi di raid sono specificamente formati con l'intento di spingere il DPS di un singolo giocatore alle stelle solo per rivendicare il primo posto. E, come puoi immaginare, questi buff sono fondamentali per aiutare a raggiungere questo obiettivo. Questi buff sono così potenti che possono potenzialmente la metà del tempo necessario per completare un raid, ma per un giocatore quindici anni fa non valeva la pena fare di tutto. Sicuramente non abbastanza interessante da passare un'ora a cercare di acquisirli tutti, soprattutto quando scomparirebbero con una sola morte.

Ben presto, le incursioni con i buff del mondo sono diventate la norma ei giocatori avrebbero semplicemente smesso di giocare fino al momento del raid per garantire la sicurezza dei loro buff.

Aumenta

Nel vecchio gioco, i giocatori correvano nei sotterranei per ottenere punti esperienza e utili pezzi di equipaggiamento. Al giorno d'oggi, spendono oro perché qualcun altro lo faccia per loro. Per pochi pezzi d'oro, qualsiasi giocatore può pagare un mago per correre attraverso il dungeon e usare i suoi potenti incantesimi AOE per eliminare centinaia di nemici in pochi minuti, il che significa che possono far salire di livello il proprio personaggio senza muovere un dito. Questa dipendenza dai potenziamenti significa che pochissimi giocatori percorrono i dungeon per il loro scopo originale e si affidano invece a maghi che abusano di determinate meccaniche per fare tutto per loro. Ciò è particolarmente dannoso per un gioco che una volta si vantava della necessità di formare gruppi attraverso l'interazione sociale, e un solido 90-95% dei gruppi di dungeon formati sono solo per il potenziamento.

Lo sforzo bellico di Ahn'Qiraj in World of Warcraft Classic inizia oggi - Game Informer
pubblicato in News