Com'era l'articolo?

1593410cookie-checkSkelattack ha cercato di farmi radicare contro gli umani. E 'fallito.
News
17 giugno 2021

Skelattack ha cercato di farmi radicare contro gli umani. E 'fallito.

Pubblicato nel giugno del 2020, Skellatack era un piccolo platform difficile. Mi è piaciuto molto, certo, ma posso tranquillamente dire che è il platform più difficile a cui abbia mai giocato.

La storia è ciò che mi ha attirato nel gioco, però. L'idea di giocare per buoni mostri e combattere gli umani invasori era una svolta unica che raramente viene esplorata nei videogiochi. Sebbene sia abbastanza comune trovare giochi in cui interpreti un mostro selvaggio o un alieno malvagio che devasta l'umanità (Maneater e Destroy All Humans per esempio), è raro che un gioco abbia gli umani i malvagi e i mostri le vittime. Spiegherò perché alla fine questo mi è sembrato carente e come penso che il problema possa essere risolto.

In Skelattack, giochi nei panni di un giovane scheletro che vive negli inferi con tutti i tipi di mostri: zombi, scheletri, ratti (i miei preferiti) e persino diavoli che vivono in pace qui. Questa pace è rovinata quando gli umani dall'alto invadono e rubano la Fiamma Blu, un fuoco magico che alimenta gli Inferi. Gli umani ne hanno bisogno per poter diventare immortali. Il nostro coraggioso scheletro e il suo aiutante pipistrello parlante sono partiti per riportare in vita la Fiamma Blu per salvare gli Inferi. Alla fine, devi combattere Serenity, la principessa guerriera umana che sembra essere la sorella del tuo personaggio da quando il tuo scheletro era vivo. Dopo averla sconfitta ma averle risparmiato la vita, il nostro eroe recupera la Fiamma Blu e viene mediata la "pace" tra gli umani e i mostri.

Un solo problema. Questa pace non è in realtà un buon affare per entrambe le parti. Mentre la vittoria del mostro è completa e gli viene permesso di vivere per sempre, gli umani non ottengono nulla e stanno ancora morendo di vecchiaia. I mostri non si offrono di condividere la Fiamma Blu con gli umani in modo che tutti possano vivere per sempre. Questo mi fa enfatizzare gli umani molto più dei mostri. A coloro che dicono che l'immortalità è innaturale, vi indicherò il fatto che questo è un mondo con topi senzienti e gentili maghi non morti.

È deludente che il finale sia così unilaterale, ma gli sviluppatori potrebbero risolverlo in un sequel. Immagina un sequel in cui potresti giocare per Serenity, che sta ancora cercando un modo per salvare la sua gente dalla morte. Forse può collaborare con suo fratello scheletro mentre vanno alla ricerca di un modo diverso per gli umani di essere immortali. Forse questa volta il cattivo potrebbe essere un diavolo fanatico o qualche altro mostro che crede che gli umani non dovrebbero avere la vita eterna perché sarebbe innaturale. So che probabilmente sto solo sognando ad occhi aperti, ma comprerei sicuramente quel gioco. Sarei anche disposto a sostenerlo su Kickstarter se gli sviluppatori annunciassero che stanno realizzando quel gioco.

Fino ad allora, però, sono deluso dalla fine di Skelattack ed è per questo che mi schiero dalla parte degli umani in questo nonostante tutto.

AGGIORNAMENTO: David Stanley, il creatore di Skelattack, ha risposto!

Altre News