Com'era l'articolo?

1607162cookie-checkAfrican Gaming: coltivare talenti locali nello sviluppo di giochi
Non categorizzato
26 luglio 2021

African Gaming: coltivare talenti locali nello sviluppo di giochi

L'industria dei giochi non solo è fiorente in Africa, ma negli ultimi anni si è nutrita e si è basata sempre di più sui talenti locali. In effetti, questo è uno dei fattori cruciali che contribuiscono alla sua crescita.

Industria africana dei giochi: talenti locali e investimenti esteri

Uno degli aspetti più importanti dell'ascesa dell'industria dei giochi africana è stata la comparsa di sviluppatori di videogiochi locali. Quando è stata fondata la società nigeriana Maliyo Games, uno dei problemi principali era la carenza di sviluppatori locali. Ma questo è cambiato negli ultimi anni e l'azienda oggi si affida esclusivamente al talento locale.

Oltre all'aumento di una forza lavoro locale qualificata, un processo parallelo, rilevante per lo sviluppo dell'industria africana dei giochi, è stato l'attrazione di investimenti stranieri. Ad esempio, nel maggio di quest'anno l'azienda sudafricana di giochi per dispositivi mobili Carry1st lo ha annunciato ha raccolto ulteriori $ 6 milioni nel finanziamento. Alcuni dei principali investitori di questa società includono Konvoy Ventures, Raine Ventures, TTV Capital e altri.

La comparsa di iniziative come Prosearium è anche essenziale. Sithe Ncube ha avviato Prosearium come un'iniziativa che si concentra esclusivamente sull'ottenere una rappresentazione più visibile delle donne africane nello sviluppo del gioco: "A volte puoi vedere il filo conduttore tra le comunità in tutto il continente, che di solito è legato alla mancanza di accessibilità delle risorse rispetto all'industria dei giochi occidentali", spiega Sithe. L'iniziativa mira a cambiare questa situazione e ad aumentare la partecipazione delle donne africane allo sviluppo del gioco e a ritagliarsi uno spazio per loro nella storia digitale del continente.

Il Kenya si unisce alla rapida crescita

Il mercato dei videogiochi africano non è in crescita solo in Sudafrica e Nigeria: nel 2016 il mercato dei videogiochi in Kenya valeva circa 50 milioni di dollari e si prevede che quest'anno raddoppierà.

Non solo, ma anche sviluppatori kenioti come Weza Interactive, con sede a Nairobi, stanno cercando di creare contenuti ispirati a livello locale. Il loro CEO George Odongo Ahere spiega:

“Volevamo concentrarci sul tema africano perché pensiamo che sia giunto il momento per l'Africa. Si tratta solo di dare potere alle persone, mostrando loro che possono essere gli eroi dell'Africa”.

Ludique Works, un'altra società di sviluppo di giochi con sede a Nairobi, si concentra sul lavoro con più di 2000 collaboratori da tutta l'Africa. Questa attenzione ha un significato speciale per l'azienda, come ha affermato l'amministratore delegato Lilian Nduati: “Abbiamo giovani africani che hanno viaggiato, sono ampiamente esposti, pensano: 'Ehi, come mai non vedo qualcuno che mi assomiglia o parla come me in alcuni dei giochi a cui sto giocando?' Quindi quello che stiamo cercando di fare è colmare il divario”.

Al momento, la maggior parte dei collaboratori sono lavoratori part-time, ma il sogno dell'azienda è raggiungere il punto in cui sarà in grado di offrire loro un lavoro a tempo pieno.

I migliori studi africani

A nostro avviso, alcuni dei migliori studi di gioco africani sono:

Free Lives – L'azienda di Cape Town dietro il gioco di eroi d'azione Broforza. Questo è un gioco acclamato dalla critica che ha venduto oltre 250,000 copie mentre era ancora in fase di sviluppo e nel 2016 ha guadagnato circa $ 3 milioni.

Kiro Games – Durante lo sviluppo del gioco Aurion, il fondatore dell'azienda Guillaume Olivier Madiba ha consultato una tribù locale del Camerun, Bamileke. La società ha pubblicato il suo primo gioco nel 2013 dopo aver raccolto $ 270,000 in finanziamenti e il lavoro su Aurion ha ottenuto a Madiba un invito dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti a partecipare al programma Mandela Washington Fellowship 2016.

Andrea Kaggia – Un altro sviluppatore keniota, noto soprattutto per il gioco dell'invasione aliena Nairobi X. Come suggerisce il nome, il gioco ha sede a Nairobi e questo è stato molto intenzionale, poiché Kaggia ha notato che c'è una forte domanda di contenuti africani locali. Questo si è dimostrato vero quando i server che gestiscono i download per Nairobi X si è bloccato tre ore dopo l'uscita del gioco a causa dell'enorme richiesta.

iGaming

Un aspetto importante dell'ascesa del gioco in Africa è l'aumento parallelo della popolarità di iGaming nel continente. iGaming come termine copre tutte le forme di gioco d'azzardo basato su Internet, dai casinò online e le scommesse sportive agli e-sport e al trading binario.

Come per i videogiochi, anche iGaming in Africa è stato influenzato positivamente da due fattori: il fatto che la popolazione africana sia la più giovane del mondo (circa il 60% della popolazione ha meno di 25 anni) e l'aumento accelerato dell'uso degli smartphone .

Ciò ha creato una forte domanda non solo per i videogiochi, ma anche per numerosi giochi da casinò online, che di conseguenza sono diventati un'importazione popolare tra i paesi africani. Ciò è particolarmente vero per il Sudafrica, che ora ha a disposizione un'incredibile varietà di tali giochi. Tra i giochi da casinò più popolari ci sono le versioni online di giochi tradizionali come roulette, blackjack e baccarat. 

In tandem con l'aumento di popolarità di questi giochi, anche il Sudafrica ha visto un'impennata in giochi di casino online guide correlate come casino.co.za, che valutano ciò che è disponibile sul mercato rispetto a una varietà di metriche. Casinos.co.za si concentra su grafica e funzionalità e sulla giocabilità mobile, ma forse la più importante di queste è la reputazione del fornitore del software. Come afferma il sito: "Non raccomanderemmo mai di giocare a un gioco da un fornitore losco".

In sintesi

Proprio come l'industria dei videogiochi, anche il settore iGaming ha evitato per lo più gli effetti negativi delle restrizioni di Covid-19. In effetti, è fiorente: entro il 2027, il mercato iGaming dovrebbe valere ben 127 miliardi di dollari!

È chiaro che uno degli elementi principali dell'ascesa dell'industria del gioco in Africa è stata l'attenzione ai talenti locali. In altre parole, l'industria non solo si adatta meglio alle esigenze e alle aspirazioni degli africani, ma sta anche diventando più sostenibile.

La domanda che rimane senza risposta è: il fiorente settore iGaming in Africa sarà in grado di replicare questo successo e anche gli sviluppatori africani saranno in grado di unirsi al mercato iGaming?

Altro Non categorizzato