Sony ha eliminato gli spettacoli all'E3 perché i fan hanno una mentalità "TikTok", afferma Adam Boyes

Dall'E3 2019, Sony ha saltato la fiera e presenterà le proprie cose attraverso speciali eventi digitali. Dato che Sony aveva pianificato di saltare l'E3 2020 anche prima delle preoccupazioni sul coronavirus, ciò ha sollevato varie domande intorno all'azienda. Di recente, un ex vicepresidente di PlayStation si è fatto avanti per spiegare perché Sony non vuole più partecipare a eventi simili all'E3.

Adam Boyes era un ex vicepresidente delle relazioni con terze parti presso Sony Interactive Entertainment (SIE). Se non lo sai, è apparso all'E3 2015 per annunciarlo Finale Fantasy VII Remake Shenmue 3. Al momento, ricopre il ruolo di CEO di Iron Galaxy Studios (quelli che hanno aiutato Blizzard con Overwatch, Killer Instinct 2013 e Extinction)

Tuttavia, sito di pubblicazione pushsquare.com raggiunse l'ex vicepresidente delle relazioni con terzi presso il SIE e gli chiese di Sony, E3, e perché la compagnia inseguisse la scena digitale attraverso il suo nuovo programma State of Play.

La risposta di Boyes si trova di seguito:

"Penso, in generale, che tu guardi alla cadenza e al ciclo di vita delle piattaforme e penso che tu abbia solo una certa quantità di tempo, vuoi renderlo di grande impatto e, purtroppo, penso che a volte devi prendere decisioni difficili su ciò che è creativo il contenuto può andare dove. Una parte è stata inserita nel pre-spettacolo, in parte dopo lo spettacolo e in parte durante gli annunci dello spettacolo ".

Boyes continua e osserva che uno dei motivi per cui Sony sta seguendo la strada dei trailer semplificati invece che delle fiere si riduce a giocatori e fan che hanno una mentalità "TikTok" nel volere che le cose vengano consegnate rapidamente:

“Penso che stilisticamente se guardiamo la maggior parte dei contenuti ora, che si tratti dello State of Play di PlayStation o dei Nintendo Directs e persino della rivelazione di Microsoft Series X, sembra che stiamo migrando di più verso quell'approccio basato sulla compilation. Quando le persone possono vedere solo contenuti, contenuti, contenuti e poi con Xbox Series X, vanno un po 'più in profondità dopo la presentazione. Sembra che sia lì che stiamo andando un po 'di più, e penso che poiché siamo in un'era TikTok "dammelo adesso", le persone vogliono solo vedere cose nuove. Mentre penso che, se guardiamo al 2013, 2014 e 2015 dell'E3, ora che lo guardi, sembra un po 'datato in un certo senso. "

Boyes sente anche che i giocatori e i fan non si preoccupano più del portavoce. Sente che i fan vogliono cose o contenuti "proprio qui, proprio ora". Attribuisce questa mentalità all'attuale era veloce del "dammelo adesso" poiché altri lo fanno come i video domestici più divertenti d'America:

"E anche quando guardo alcuni dei copioni che stavo usando, era molto 'guardami, mi sto divertendo ma parlerò anche di un gioco divertente', mentre le persone oggigiorno non si preoccupano sul portavoce. "Mostrami la roba". Se guardiamo i video domestici più divertenti d'America, in questo momento sono solo compilation fallite. Non ho bisogno di un ospite che mi parli, mostrami tutto. E penso che sia più o meno quello che succede con questo tipo di spettacoli, il che secondo me li rende meno un'esperienza teatrale e più una compilation di trailer. Ma da quello che ho capito, è più di quello che vogliono i fan. Fammi vedere cosa hai."

A partire da ora, Sony si sta preparando a rilasciare il successore di PS4 entro la fine dell'anno, che è meglio conosciuto come PS5. Per quanto riguarda una rivelazione, si dice che Sony si stia preparando per una rivelazione estiva per la sua console di nuova generazione.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.