Il giocatore che è stato bandito dalla sua libreria di Steam si rivolge all'Agenzia per la protezione dei consumatori

Vapore

Recentemente abbiamo riferito di un utente Steam russo che lo era vietato senza cerimonie di accedere al suo account, sia nei forum della community che dalla sua libreria di giochi tramite il client Steam. Di recente ha deciso di sollevare la questione con l'agenzia per i diritti dei consumatori in Russia, nonché di indagare su Valve per aver violato la legge russa.

Alcuni di sinistra pro-censura hanno affermato che Valve aveva ragione e che la compagnia meritava di essere bandita dal servizio. Altri hanno affermato che lcompote ha inventato il tutto ed era falso.

Bene, per rispondere a tutti gli oppositori, gli apologeti della censura pro-corporativa e i difensori dei diritti dei consumatori, lcompote ha messo insieme un video di circa 20 minuti che mostra schermate, collegamenti e conversazioni che ha avuto con il personale di supporto di Steam che lo ha portato a essere bandito da accedendo ai suoi giochi. Puoi vedere il video di YouTube qui sotto.

Se il video di YouTube viene rimosso per qualsiasi motivo, è possibile visualizzare un video di backup lbry.tv.

Si smentisce immediatamente di aver dato una mano a strofinare il proprio account, dato che nota che ci vogliono 30 giorni per eliminare un account, e dopo la sua ultima interazione con il supporto Steam il 5 giugno, lo hanno definitivamente bandito per "razzista estremo" spam "il 6 giugno. Quindi aveva già perso l'accesso ai suoi giochi. Ovviamente non avrebbe potuto cancellare il proprio account se impiegasse 30 giorni per cancellare un account. Puoi vedere uno screenshot del processo di seguito.

Esamina anche i suoi post sui forum di Steam che hanno ricevuto avvisi o divieti, nonché le sue comunicazioni con il personale di supporto di Steam, che alla fine lo ha minacciato di vietare l'accesso ai giochi se avesse continuato a collegarli ai materiali legali della Russia relativi al consumatore diritti.

Ha anche collegato al Codice di condotta penale russo ai sensi dell'articolo 158, sottosezione (1), che sottolinea che il furto è un crimine federale e trasporta anni in prigione, e poiché lcompote non ha rispettato l'accesso ai suoi giochi limitati, significa che gli articoli per cui ha pagato erano rubato efficacemente da lui.

Sottolinea nel video che ha già contattato l'agenzia russa per i diritti dei consumatori e prenderà le misure necessarie per vedere come può avviare una causa contro Valve per la loro condotta, in particolare per quanto riguarda la negazione del servizio di supporto e la limitazione dell'accesso giochi per cui ha pagato.

Dato che Valve ha perso vari casi relativi ai diritti dei consumatori in passato, in particolare in Australia, dove sono stati addirittura persi un ricorso da $ 2.3 milioni, come riportato da Varietà, c'è una buona probabilità che lcompote possa finire dalla parte dei suoi sforzi se l'agenzia russa per i diritti dei consumatori seguirà il suo caso.