Un po' della discordia: cosa significa la legge Apple contro Epic Games per il futuro del gioco?

Riporta la tua mente alle notizie tecnologiche "di tendenza" del 2020 e senza dubbio ti imbatterai nella saga legale in corso che infuriava tra il gigante dell'elettronica di consumo con sede in California Apple e il team della società di intrattenimento interattivo Epic Games - che, mentre famosi di per sé, hanno superato il loro status originale e hanno ottenuto il titolo di "nome familiare" dopo che i loro titoli sono stati improvvisamente cancellati dall'App Store di iOS di Apple.

Era, e rimane, uno spettacolo senza precedenti di rivalità aziendale. La narrativa ufficiale continua a essere che Epic Games sia in diretta violazione dei Termini di servizio stabiliti nelle linee guida di Apple per gli sviluppatori di App Store e che, sebbene Epic Games possa essere una multinazionale e una società di sviluppo di giochi enormemente influente, ha posto un diretto rischio per la sicurezza degli oltre 1 miliardo di utenti attivi di Apple.

Come in ogni buona storia, tuttavia, ci sono molti altri lati non ufficiali a questo. Molti hanno ipotizzato che l'uso dei pagamenti in-app da parte di Epic Games semplicemente non andasse bene con il gigante della Silicon Valley da $ 2 trilioni, poiché significava che Apple non poteva rivendicare la sua alta commissione sulle vendite di app.

Se queste accuse contengano un granello di verità, o se essere trasformati nel "cattivo ragazzo" sia semplicemente parte integrante dell'alto livello di ubiquità di Apple, non possiamo ancora essere sicuri. Una cosa è certa, tuttavia, ed è il fatto che, tra anni, considereremo questi mesi di tumulto tra due titani del settore come un punto di svolta per l'industria dei giochi nel suo insieme e, naturalmente, per i giocatori di tutto il mondo. Leggi di più di seguito.

Un impatto immediato

All'interno del mondo dei giochi, nulla rimane lo stesso a lungo, in particolare quando guardiamo a quelle aree che portano avanti l'intero settore. Quello che era considerato un altamente competitivo nuovo casinò bonus senza deposito 2020 sarà senza dubbio sostituito da un'offerta ancora più allettante con il passare del decennio, proprio come la grafica di gioco che un tempo avrebbe fatto girare la testa anche al giocatore più esigente ora rischia di sembrare annacquata e quasi da cartone animato rispetto ad alcuni dei giochi di nuova generazione in uscita su Xbox Series X e PlayStation 5.

Già comincia a farsi conoscere un diffuso timore per il futuro del mobile gaming – o, nello specifico, del gaming su iOS. Con ogni probabilità, l'incertezza dei mesi passati sulle normative degli app store sta spingendo i giocatori ulteriormente nelle grinfie dei servizi di cloud gaming che, come Netflix o Spotify, offrono enormi librerie di contenuti piene di titoli di gioco che possono essere riprodotti ovunque e in qualsiasi momento.

Già, Apply ha formato una relazione piuttosto controversa con i servizi di streaming di giochi, citando le sue ormai famigerate politiche dell'app store per la sua decisione iniziale di escluderli dal loro negozio. Da allora hanno fatto marcia indietro su quella decisione, ma già i fornitori di streaming stanno trovando la propria strada verso i giocatori iOS.

Prendi, ad esempio, Amazon, che ha rilasciato il proprio servizio di streaming basato su cloud, Luna, nel settembre dello scorso anno. La squadra di Luna ha trovato il suo modo di eludere quelle fastidiose regole – un fatto che, se considerato insieme alla ritrovata indipendenza di Epic Games, suggerisce un futuro molto diverso per lo sviluppo del gioco e il gioco stesso.

Il lungo termine

L'industria dei giochi esiste in uno stato di flusso permanente e rimane emblematico del vecchio adagio, "l'unica costante è il cambiamento". Per questo motivo, prevedere con un certo grado di certezza cosa accadrà in futuro è, ovviamente, impossibile. Basta guardare gli eventi degli ultimi 12 mesi, da quando Apple si è scontrata per la prima volta con Epic Games, per vedere quanto velocemente si adatta il mondo dei giochi.

Ciò che sembra già chiaro, tuttavia, è la volontà degli sviluppatori di iniziare un graduale divorzio dal modello tradizionale, ovvero pubblicare i propri prodotti negli store di download di app mobili e raggiungere i propri utenti in questo modo.

Apple mantiene una base di utenti invidiabile e gli sviluppatori li hanno sempre raggiunti tramite il percorso tradizionale. Ora, tuttavia, con due colossi (Amazon ed Epic Games) che tracciano nuove strade, sembra che i prossimi anni porteranno un cambiamento sismico nel settore.

pubblicato in News