Com'era l'articolo?

1444150controllo dei cookieIl compositore di Outlast 2 parla di come dare forma al suono dell'orrore
Caratteristiche
2017/03

Il compositore di Outlast 2 parla di come dare forma al suono dell'orrore

Sono riuscito a fare in tempo a parlare con Samuel Laflamme, un compositore franco-canadese di Montreal, Canada. Abbiamo parlato di come è stato coinvolto nella composizione musicale, di alcune delle sue influenze e, naturalmente, del suo lavoro Outlast e il prossimo Outlast 2, l'ultimo dei quali uscirà il 25 aprile per Xbox One, PS4 e PC.

Samual LeflammePer Laflamme tutto è iniziato nei primi anni '1990, ascoltando molte colonne sonore di Hans Zimmer e Mark Mancina di film come Velocità e The Rock. Da adolescente era affascinato dalle colonne sonore dei film e da colonne sonore oscure che hanno contribuito a scolpire la popolarità di molti grandi successi dell'epoca, da Fuoco assassino a Face / Off. Questa curiosità per il suono ha attraversato la vita di Laflamme fino alla sua adolescenza e alla prima età adulta, dove alla fine iniziò a imparare a suonare il pianoforte, frequentò la scuola e studiò musica. Non passò molto tempo dopo che iniziò a comporre musica per documentari, alcuni spot pubblicitari e persino colonne sonore per coreografie di danza.

Laflamme ha spiegato che è diventato un vero giocatore solo all'inizio degli anni 2000: "Ho adorato Mario Kart, Mario Tennis e giochi del genere", dice. Ma non era necessariamente interessato ai giochi horror.

"Ho giocato a questo gioco, non era un gioco famoso, probabilmente non ne hai sentito parlare... Fantasmagoria. […] Non l'ho giocato da solo al buio. Ho giocato [Fantasmagoria] con i miei amici, per noi è stato come un gioco di società”. Lui ha spiegato. Oltre a ciò, i titoli horror classici non erano di grande interesse per gli appassionati di musica.

Allora come è riuscito a lasciarsi coinvolgere in uno dei giochi horror più spaventosi usciti negli ultimi anni, anche se non era un grande appassionato di giochi horror e titoli spaventosi? Ebbene, uno degli amici di Laflamme che lavorava alla Red Barrels è riuscito a contattarlo per un progetto su cui stavano lavorando e si è scoperto che non era altro che Outlast, ed è così che ha aderito al progetto.

"Abbiamo avuto conversazioni e parlato della sceneggiatura, dell'atmosfera e della musica", dice. Laflamme ha spiegato che hanno discusso a fondo Outlast ben prima che iniziasse a lavorare sulla musica vera e propria, e che abbia trascorso un bel po' di tempo semplicemente per capire cosa volevano ottenere con il gioco e il suono. Dice che “[…] dovevamo assicurarci che non ci fosse una sovrapposizione tra il suono ambientale e la musica”. Si trattava di assicurarsi che la musica fosse avvincente, coinvolgente ed espressiva, ma si trattava anche di creare spazio in modo che il team di sound design potesse comunque ritrarre l'atmosfera atmosferica e dare vita a quegli elementi horror; sposando la partitura con gli effetti.

Il processo di creazione della musica per Outlast era organico, secondo Laflamme. Spiega che non avevano una grande orchestra con cui lavorare, ma avevano una struttura grande quanto una camera per registrare la musica. "Avevamo bisogno degli strumenti dal vivo", dice, "i campioni [strumentali] [non funzionavano]". Ha deciso di introdurre strumenti dal vivo dopo essersi spinto così lontano con i campioni e i suoni sintetizzati resi disponibili dai repository online. Qui è dove OutlastIl suono unico di ha preso forma.

Film iconici come Stanley Kubricks Il brillante e altri classici dell'orrore che utilizzavano toni e tavolozze diversi per creare l'atmosfera sono stati fonte di ispirazione Sopravvivere; ma l'obiettivo non era imitare i classici, bensì creare qualcosa di nuovo.

“Si tratta sicuramente di creare nuovi suoni”, dice, “Abbiamo già tutta questa tecnologia e diversi strumenti. Si tratta di usare la musica per aiutare a raccontare una storia. Laflamme prosegue dicendo che mentre Hans Zimmer e altri sono riusciti a creare nuovi modi di fare musica e a utilizzare la tecnologia per evolvere la composizione del suono, è il modo in cui viene utilizzata per trasmettere la storia che fa la differenza. Cita i Daft Punk Tron Legacy colonna sonora come qualcosa che si distingue tra molte delle colonne sonore di film recenti realizzate; cita anche quello di Hans Zimmer Interstellar la colonna sonora come un brano musicale avvincente in grado di raccontare una storia intricata sullo schermo utilizzando strumenti classici.

E a questo proposito, Outlast e Outlast 2 si trattava di riunirsi e lavorare con Red Barrels per creare qualcosa che fosse memorabile, originale e unicamente a tema horror. Non si trattava necessariamente di creare nuovi strumenti o tecnologie, ma di utilizzare ciò che era disponibile per creare nuovi suoni.

“È stata un'esperienza di collaborazione”, spiega Laflamme. “Venivano da me con delle idee, io sperimentavo suoni diversi e condividevo con loro ciò su cui stavo lavorando”. Red Barrels ha offerto input e feedback, mentre Laflamme ha esercitato i suoi muscoli creativi per creare un suono che fosse del tutto suo.

Ha affermato che lavorare su un progetto indipendente come Outlast è stato molto diverso e più liberatorio che essere rinchiuso nella televisione, nei film o nelle proprietà autorizzate. Avendo precedentemente lavorato su altri grandi progetti come compositore, Laflamme ha notato che c'erano molte meno supervisioni e restrizioni su come la musica poteva essere modellata sotto l'ombrello di Red Barrels.

Lavorò infatti con i percussionisti e scoprì che “erano capaci di creare un tremolo con i piatti” spiegò; questo è stato qualcosa che si è fatto strada nel gioco stesso e ha permesso al suono di assumere una forma completamente diversa a causa di quella decisione.

Quindi, Outlast ha temi familiari ma "non ha un tema tradizionale [in stile] John Williams". Lui ha spiegato. C'è familiarità ma non starai canticchiando il Outlast musica perché non è quel tipo di colonna sonora. Avevano alcune variazioni sul tema, ma gran parte di esso veniva scomposto e utilizzato come livelli ambientali durante l'esperienza di gioco. Avevano da tre a dieci diverse varianti per una traccia, utilizzandola e stratificandola in modi diversi durante il gioco per mantenerla fresca man mano che i giocatori avanzavano nel gioco.

Le cose, però, prendono una piega decisamente diversa Outlast 2.

Ero curioso di sapere se avessero deciso di espandere l'orchestra sinfonica, magari introducendo più variazioni di archi, più violoncelli, più strumenti a fiato, più percussioni. Ma non è stato affatto così...

"Ci siamo sbarazzati dell'orchestra!" esclamò Laflamme.

Rimasi sorpreso da quella risposta, ma lui spiegò: "Volevo fare qualcosa di diverso, quindi ho optato per le chitarre". Considerati i temi occulti nel secondo gioco, ambientato nel profondo sud anziché nei confini di una prigione di cemento, Laflamme ha deciso di utilizzare strumenti più radicati e naturali che riflettessero la cultura dell'ambiente. Banjo, chitarre, percussioni sperimentali e altri strumenti simili sono stati utilizzati per dare vita all'atmosfera Outlast 2.

Inoltre, lo spiega nell'originale Outlast riguardava le paure, le emozioni e i momenti horror a comparsa, Outlast 2 è molto più psicologico. Laflamme ritrae Outlast 2 più come un gioco horror psicologico, come qualcosa che rimarrà impresso nelle persone anche dopo i titoli di coda, dicendo: "Volevo che le persone rimanessero a pensare all'esperienza, che si sentissero come se si fossero appena svegliate da un incubo".

Lavora alla colonna sonora di Outlast 2 è iniziata circa due anni e mezzo fa, secondo Laflamme. Hanno iniziato a esaminare il concept art, la storia, i temi e la direzione a cui Red Barrels mirava con il gioco. Da lì, sapeva esattamente cosa voleva fare Outlast 2 e come voleva essere in grado di creare la musica per il titolo.

Ci sarà anche una colonna sonora originale per il gioco, e sarà creata in modo leggermente diverso da quello che ascolterai mentre giochi effettivamente. Laflamme afferma di aver deciso di riarrangiare la partitura in modo tale che ci fosse una storia da raccontare mentre si ascoltava la musica. Ha spiegato “[…] ci sono molti video su YouTube con l'originale Outlast punto; tutta la colonna sonora. È solo la musica del gioco. Per [Sopravvivi 2] Volevo fare l'album in modo diverso, arrangiato in modo che la musica raccontasse una storia e offrisse un'esperienza diversa”.

Per i giocatori interessati alla musica di Outlast 2, la colonna sonora sarà disponibile poche settimane prima dell'uscita del secondo gioco, prevista per il 25 aprile, per Xbox One, PS4 e PC.

Puoi saperne di più sul lavoro di Samuel Laflamme e sugli altri progetti a cui ha lavorato visitando il suo Sito ufficiale.

Altre caratteristiche